Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Gaia Day a Torino

Gaia Day a Torino

Un racconto dentro i due miliardi di stelle a sei anni dal lancio. L’incontro si svolgerà presso il Planetario di Torino il 20 dicembre 2019 dalle ore 9.00.

Gaia è un’ambiziosa missione spaziale dell’ESA che sta realizzando una mappa 3D del cielo attraverso misure astrometriche, fotometriche e spettroscopiche di altissima precisione di quasi due miliardi di stelle della nostra Galassia e del Gruppo Locale.

Il successo di questa missione è ampiamente dimostrato dai 2700 articoli scientifici pubblicati dal suo lancio ad oggi, di cui un migliaio circa solo nel 2019, grazie  alla seconda Data Release del catalogo Gaia (GDR2) rilasciata nel 2018. Si tratta di un risultato di grande rilevanza, ottenuto per merito del consorzio europeo di analisi dati (Gaia DPAC) in cui lavorano  oltre 50 ricercatori INAF degli Osservatori di Bologna, Catania, Napoli, Padova, Firenze, Roma, Teramo e  Torino.

Recentemente è anche stato pubblicato un sorta di sillabario (Gaia DR2 primer "Everything you wish you had known before you started working with Gaia Data Release 2”) con l’intento di raccogliere tutti i suggerimenti e i trucchi, le insidie, le raccomandazioni rilevanti per l’uso della GDR2 e, nel contempo, di fornire una road map dove trovare le informazioni più dettagliate sulla GDR2.

A sei anni dal lancio e  nel primo anno di estensione della sua operatività decisa dall’ESA, INAF-OATo ha organizzato per venerdì 20 dicembre, in collaborazione con INFINI.To, un evento celebrativo,Gaia Day”, dedicato alla missione.  La motivazione è  far conoscere alcuni aspetti scientifici rilevanti ottenuti con i dati della DR2 in forma spettacolarizzata, pilotando i dati di Gaia attraverso racconti scientifici visualizzabili sulla cupola del Planetario.

PROGRAMMA

Ore 10.00 | Stato dell’arte e partecipazione italiana alla missione Gaia: Mario Lattanzi (INAF-OATo)

Ore 10.30 | Stato dell’Arte dei coordinamenti nazionali e DPCT@ALTEC: CU5 dalla DR2 alla DR3, M. Castellani (INAF-  OA Roma), CU7 dalla DR2 alla DR3, G. Clementini (INAF- OA. Bologna), Una panoramica di Gaia dal DPCT@ALTEC, F. Solitro, ALTEC

Ore 11.00 | Spettacolo interattivo con l’utilizzo dei dati della DR2 per un viaggio nella Galassia [E.Balboni, M.Brusa, INFINI.TO] - Dentro Gaia, misurare il micro per strutturare il macro [D. Busonero, INAF-OATo]

 

  • I primi 14099 asteroidi con Gaia [A.Cellino, INAF-OATo]
  • L’universo vicino al Sole [R. Smart, INAF-OATo]
  • Le Nebulose Planetarie come sonde galattiche [B.Bucciarelli, INAF-OATo] - La turbolenta formazione della Galassia [P. Re Fiorentin, A. Spagna, INAF-OATo]
  • Il warp, ai confini della Galassia [E. Poggio, R. Drimmel, INAF-OATo]

 

Ore 12.00 | The Meaning of Light: the Photon who fell to Gaia, versione per Planetari

Comitato Organizzatore

M. Crosta (Curatela scientifica, INAF-OATo)
M.G. Lattanzi (Resp. Sci. Nazionale partecipazione italiana in Gaia, INAF-OATo)
M. Sarasso (Resp. Contrattuale partecipazione italiana in Gaia, INAF-OATo) S. Romaniello (Resp. Ufficio Didattica e Divulgazione, INFINI.TO – Planetario di Torino) S. Rachetto (Resp. Ufficio Comunicazione e Marketing, INFINI.TO – Planetario di Torino)

Informazioni: mariateresa.crosta@inaf.itmaria.sarasso@inaf.it

archiviato sotto: ,

Così si oscurò Betelgeuse

13/08/2020

Cosa fece impallidire per mesi, dal novembre 2019 all’aprile 2020, una fra le stelle più brillanti del cielo? Una possibile risposta arriva ora da una lunga campagna osservativa condotta in banda ultravioletta con il telescopio spaziale Hubble: la responsabile fu una nube di polvere prodotta a seguito di un’imponente emissione di plasma dalla stella stessa

E alla fine esplosero le nane nere

13/08/2020

Il fisico Matt Caplan dell'Università dell'Illinois propone sulle pagine di Monthly Notices of the Royal Astronomical Society una nuova teoria, alternativa allo spegnimento lento e sommesso, su quello che sarà – tra innumerevoli miliardi di anni – l’ultimo atto del cosmo. «Uno spettacolo che non potrà comunque avere spettatori», commenta Massimo Della Valle dell’Inaf di Napoli

Molto giovane, incredibilmente ordinata

12/08/2020

Trovare una galassia così “composta“ a 12 miliardi di anni luce da noi è stata una grande sorpresa. Visto da Alma grazie a una lente gravitazionale, il suo è il disco galattico più ordinato mai osservato nell’universo primordiale. A firmare l’articolo, uscito oggi su Nature, un team guidato da una dottoranda del Max Planck originaria del Salento, Francesca Rizzo