Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Gaia Science Day

Gaia Science Day

Si terrà mercoledì 13 giugno prossimo presso la sede dell'Agenzia Spaziale a Roma la giornata dedicata alla presentazione della partecipazione italiana alla missione Gaia dell'Esa e agli ultimi risultati scientifici raggiunti

La sede dell'Agenzia Spaziale Italiana ospiterà, il 13 giugno 2018, un workshop dedicato a Gaia, missione del programma scientifico dell'ESA, ideata per realizzare una mappa tridimensionale della nostra galassia, rivelandone la composizione, la formazione e l’evoluzione. 

Durante la giornata verranno trattati l'impegno italiano nella missione, il contributo nazionale al processamento dei dati e il secondo data release, lo stato dell'arte delle indagini scientifiche e, in conclusione, il futuro della missione stessa.  

L'evento avrà inizio alle ore 10.00. Per partecipare è necessario registrarsi compilando l'apposito modulo (cliccare qui).

Sarà inoltre disponibile collegandosi al sito web dell'ASI lo streaming della giornata, che sarà rilanciato anche da Media INAF.

Per maggiori informazioni, è disponibile il programma della giornata.

archiviato sotto: ,

LiciaCube, fotografa e musa per ragazzi

31/01/2023

Raccontateci con i vostri disegni l'avventura della “fotoreporter spaziale” LiciaCube, era l'invito rivolto agli studenti delle scuole primarie. Detto fatto: oltre cento opere hanno travolto la casella di posta elettronica del concorso. A salire sul podio sono la 1B della Giuseppe Mazzini di Vignola (MO), la 4B della Grazia Deledda di Roma e la 5D della Padre Lais IC Montezemolo di Roma. «Ma ci tengo a dire che per me tutti i disegni sono stati a loro modo sorprendenti e tutti i partecipanti sono secondo me vincitori», dice Elena Mazzotta Epifani dell’Inaf di Roma

Esperimenti d’alchimia astrale con fasci di kaoni

30/01/2023

È una particella strana, Lambda(1405). Letteralmente strana: composta da un antiquark e da quattro quark, uno dei quali “strange”. I fisici la inseguono da anni, perché comprenderne la struttura può aiutare a spiegare un ambiente esotico qual è l’interno delle stelle di neutroni, ma ha vita effimera e produrla, qui sulla Terra, è difficilissimo. Ci è ora riuscito un team internazionale del quale fa parte anche Catalina Curceanu dell’Istituto nazionale di fisica nucleare

Quel giovane duo stellare nella nebulosa di Orione

30/01/2023

Sono una coppia giovane e per nulla monotona, le stelle variabili riprese dal telescopio spaziale Hubble. A far loro da cornice e da sfondo, la nebulosa di Orione, habitat perfetto per stelle come queste che cambiano continuamente la loro luminosità