Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Hack: il messaggio di De Julio a Bignami

Hack: il messaggio di De Julio a Bignami

Il messaggio di cordoglio del Professor Sergio De Julio, già commissario dell'INAF, al Presidente Giovanni Bignami in occasione della scomparsa dell'astrofisica Margherita Hack

 

Caro Nanni,
ho avuto la fortuna di conoscere Margherita Hack, apprezzandone il valore
scientifico, l’acume, l’intelligente ironia e l’appassionata partecipazione
alle questioni di pubblico interesse.
Desidero partecipare al cordoglio dell’INAF per la sua scomparsa.
Con affetto
Sergio De Julio
archiviato sotto: , ,

Sarà un Falcon 9 a portare Ixpe nello spazio

20/08/2019

Il satellite Ixpe (Imaging X-Ray Polarimetry Explorer) ha l’ambizioso obiettivo di aprire una nuova finestra nell’astronomia dei raggi X: quella della polarimetria. Ixpe partirà il prossimo aprile a bordo di un razzo Falcon-9 della società privata SpaceX. I contributi italiani di maggior rilievo sono quelli dell’Inaf, dell’Infn e dell’Asi

I dolori del giovane Giove

20/08/2019

La sonda Juno ha recentemente scoperto che il nucleo di Giove è più spappolato di quel che ci si aspettava. Una possibile spiegazione viene ora da uno studio, pubblicato su Nature, secondo cui il gigante gassoso ha subito nei sui primi milioni di anni di vita l’impatto frontale con un pianeta in formazione dalla massa pari a 10 volte quella terrestre

Raro sguardo al suolo d’un mondo roccioso

20/08/2019

La camera infrarossa Irac a bordo dell’osservatorio spaziale Spitzer della Nasa ha misurato la temperatura di quello che sembra essere il pianeta più piccolo per il quale gli scienziati hanno usato la luce proveniente dalla sua superficie per studiarne l’atmosfera. Lhs 3844b orbita in 11 ore attorno alla sua stella madre, una stella nana di tipo M a 48.6 anni luce dalla Terra, molto probabilmente non ha atmosfera e si presume sia ricoperto da roccia lavica scura