Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF I primi risultati dell’Event Horizon Telescope

I primi risultati dell’Event Horizon Telescope

Diretta streaming dalla Sede centrale INAF a partire dalle 14:45 di mercoledì 10 aprile

Oggi 10 aprile, a partire dalle 14:45 sarà possibile seguire in diretta streaming la conferenza stampa in programma presso la Sede Centrale dell'INAF a Roma, durante la quale verranno presentati  i primi importanti risultati ottenuti con l’Event Horizon Telescope (EHT), progetto che vede l’utilizzo congiunto di una squadra di radiotelescopi – sparsi in tutto il mondo, ma collegati assieme come se fossero un’unica antenna – per realizzare la prima immagine di un buco nero. All'evento parteciperanno i ricercatori INAF coinvolti nel progetto.

La conferenza stampa, in lingua italiana, si svolgerà in contemporanea con le altre conferenze stampa già programmate e annunciate su scala globale, in particolar modo quella presso la sede della Commissione Europea, organizzata congiuntamente allo European Research Council e allo European Southern Observatory.

 

Lo streaming della conferenza stampa sarà disponibile:

 

archiviato sotto: ,

C/2014 OG392, il centauro che diventò cometa

29/10/2020

Un team di astronomi americani ha condotto uno studio sul centauro 2014 OG392 – un planetoide trovato per la prima volta nel 2014 – che ha portato a una riclassificazione dell’oggetto stesso da parte del Minor Planet Center in cometa. D’ora in poi l’oggetto sarà noto come C/2014 OG392 (Panstarrs). Tutti i dettagli su ApJ Letters

Piccolo pianeta errante senza stella

29/10/2020

Un team internazionale di ricercatori, guidato dagli astrofisici del progetto Ogle dell’Osservatorio astronomico dell'Università di Varsavia, ha individuato il più piccolo pianeta solitario finora scoperto avvalendosi del microlensing gravitazionale.

Così il Sole “influenza” la Terra

29/10/2020

Perché gran parte delle malattie virali che si diffondono nel mondo si sviluppano ciclicamente in autunno e inverno nelle regioni temperate del globo? Secondo un gruppo multidisciplinare di ricercatori coordinato dall’Inaf, la risposta è legata al Sole: il loro modello teorico infatti mostra la forte correlazione dell’andamento di queste epidemie con le stagioni sul nostro pianeta, in particolar modo con la quantità di irraggiamento solare che arriva a terra durante il giorno