Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Il CdA del 15 e 16 aprile 2014

Il CdA del 15 e 16 aprile 2014

Sintetico resoconto informale della seduta

Nei giorni 15 e 16 aprile 2014 si è riunito, presso la Sede Centrale, il Consiglio di Amministrazione dell’INAF.

Quanto segue è un sintetico resoconto informale della riunione.

Queste le principali decisioni assunte e gli argomenti affrontati:

 

1) il Prof. Bignami ha riferito al Consiglio dell’incontro avuto a Mosca, in veste di Presidente del COSPAR, con il Presidente russo Vladimir Putin. Ha quindi fornito alcuni aggiornamenti in merito alle assegnazioni dei Progetti Premiali, per i quali l’Istituto attende soltanto l’erogazione, da parte del dicastero di viale di Trastevere, dei circa 15Mln di euro riconosciutigli. Il Presidente ha quindi chiesto al Direttore Scientifico di fornire un resoconto sui progressi del Progetto CTA; il dott. Vettolani ha informato il Consiglio che, in occasione dell’ultima riunione dei membri del Consorzio, è stata affrontata ed ampiamente dibattuta la questione relativa alla selezione dei due siti – quello nord e quello sud – presso i quali verranno istallati gli Array di telescopi Cherenkov. Il DS farà parte del comitato di esperti incaricato di condurre le trattative con i governi dei Paesi sin qui selezionati e, pertanto, potrà tenere tempestivamente aggiornati i vertici dell’INAF in merito alle scelte che saranno assunte. Inoltre, i tre maggiori “azionisti” di CTA – Italia, Francia e Germania – hanno anche affrontato la delicata questione della selezione della sede degli headquarters del Progetto: Bologna sembra ben posizionata per la scelta finale e l’intero Consiglio ha auspicato che il capoluogo emiliano possa ospitare il quartier generale del progetto. Il Consiglio ha inoltre conferito mandato al Presidente di emettere una call per la raccolta di candidature a rappresentante INAF in seno al Science Programme Committee dell’ESA.

2) Il Direttore Generale ha riferito al CdA che sono stati riattivati i contatti con il Consiglio Nazionale delle Ricerche al fine di pervenire ad una definitiva soluzione della questione relativa al comodato d’uso concesso, su alcune strutture, dal CNR all’INAF. Il dott. Sacerdote ha informato il Consiglio di aver provveduto, dopo un incontro con l’omologo del CNR, a trasmettere una bozza di nuovo contratto e di essere pertanto in attesa di comunicazioni in merito da parte del Consiglio Nazionale per le Ricerche; inoltre, è stata ribadita al CNR la volontà di rilasciare alcuni immobili che, a seguito del transito di alcune strutture dal CNR all’INAF, erano state anch’essi concessi in comodato d’uso all’Istituto.

3) Il CdA ha definitivamente approvato il finanziamento di complessive 20 borse di dottorato in astrofisica: 9 di queste saranno bandite presso gli atenei con i quali si è già addivenuti alla stipula di apposite convenzioni (3 a Bologna, 3 a Padova e 3 presso il Polo Universitario di Roma La Sapienza – Tor Vergata), 3 individuali in fisica con gli atenei di Torino, Napoli e Trieste (anche in questo caso, sulla base di apposite convenzioni che saranno sottoscritte con le succitate università) e 8 connesse ai progetti premiali dell’Ente (5 delle quali di carattere squisitamente tecnico e 3 di carattere più marcatamente scientifico), che saranno tutte finanziate con le assegnazioni premiali riconosciute all’INAF. Il CdA ha quindi conferito mandato ai competenti uffici della Direzione Generale in ordine alla predisposizione delle necessarie variazioni di bilancio – che saranno poi sottoposte all’esame del Collegio dei Revisori dei Conti - indispensabili per garantire le relative coperture finanziarie. Inoltre, il Consiglio di Amministrazione ha stabilito che, entro la fine del mese di maggio p.v., verranno emessi i bandi per i PRIN (Progetti di Ricerca di Interesse Nazionale), sia scientifici che tecnologici, e per il PDIN INAF (Programmi di Divulgazione di Interesse Nazionale).

4) Approvazione di sei variazioni al bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2014, tra le quali:

a. variazione per maggiore entrata di € 73.727,00, richiesta dall’IRA di Bologna, relativa alla distribuzione dei fondi UE del progetto FP7 n. 261525 NEXPreS, firmato il 2 agosto 2010;

b. variazione di € 749.576,00, richiesta dall’Osservatorio di Capodimonte, per una nuova entrata relativa alla settima riunione di avanzamento dell’Accordo Attuativo n. I/022/10/0 della convenzione quadro ASI/INAF per “Bepi Colombo Fase B2/C” (ADDENDUM n. 2);

c. variazione di € 191.580,70, richiesta dall’Osservatorio di Trieste, per una nuova entrata relativa al contratto FP7 “CosmoIGM”;

d. variazione per maggiore entrata di € 90.289,00 richiesta dall’Osservatorio di Roma, relativa alla prima riunione di avanzamento dell’Accordo ASI-INAF n. I/037/12/0 “Attività scientifiche per il programma NuSTAR” sottoscritto il 28 dicembre 2012.

5) Il dott. Molinari ha proposto che gli incarichi per mansioni da svolgere all’interno dei Servizi e delle Unità della Direzione Scientifica, nonché per Comitati costituiti dalla medesima Direzione Scientifica per compiti specifici, siano assegnati per selezione a valle di una procedura informale di call interna riservata al personale INAF ed al personale associato. Il Consiglio ed il Direttore Scientifico hanno espresso parere favorevole; è stato pertanto conferito mandato al DS ed al dott. Molinari di proporre una formulazione da inserire nel Disciplinare di organizzazione e funzionamento dell’Ente.

6) E’ stata altresì svolta un’analisi preliminare del Conto consuntivo per l’esercizio finanziario 2013, nell’ambito della quale è stata anche affrontata la delicata questione del “fondo Trieste” (ovvero la sussistenza, nel bilancio dell’Osservatorio triestino, di un residuo attivo determinato da un credito vantato nei confronti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e del Commissario del Governo per la Regione Friuli-Venezia Giulia) con la presenza in seduta del dott. Stefano Borgani e della dott.ssa Laura Flora, rispettivamente Direttore e Responsabile amministrativo della struttura giuliana, che hanno fornito al Consiglio tutti chiarimenti e gli approfondimenti richiesti.

7) Sono state inoltre approvate tre Convenzioni: una tra l’Osservatorio di Torino ed il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture – Provveditorato Interregionale alle Opere Pubbliche per la Val d’Aosta ed il Piemonte, per i servizi attinenti l’ingegneria e l’architettura connessi alla realizzazione di lavori di messa a norma e in sicurezza e di manutenzione ordinaria e straordinaria dell’edificio di Pino Torinese, sede dell’OATo; una tra l’Osservatorio di Catania e l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia – Osservatorio Etneo, per l’avvio di una collaborazione scientifica e per l’alloggiamento di strumentazione per il monitoraggio dell’Etna, e una con il Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università degli Studi di Parma per la costituzione di un Gruppo di Ricerca congiunto avente come obiettivo lo studio interdisciplinare e la formazione nei campi del project management, della gestione dell’innovazione e del trasferimento tecnologico nel settore delle tecnologie astronomiche.

8) E’ stato conferito mandato al Presidente per l’avvio delle procedure di selezione dei direttori delle strutture territoriali in sostituzione di coloro i cui incarichi perverranno a scadenza entro il 1° gennaio 2015. Sul punto, il Consiglio ha stabilito che, ove le procedure non dovessero essere portate a termine entro la scadenza del mandato di alcuni Direttori, i relativi incarichi siano prorogati fino alla conclusione dell’iter di selezione.

9) Il vice Presidente, prof.ssa Tosi, ha proposto l’organizzazione di una giornata informativa sul James Webb Space Telescope, il cui lancio è previsto per il 2018. A tal fine, sono stati già intrapresi contatti con alcuni scienziati dell’ESA che si sono dichiarati disponibili ad intervenire a tale meeting informativo. Il Consiglio, nel recepire ed accogliere la proposta del vice Presidente, ha quindi conferito mandato al Direttore Scientifico di esplorare la possibilità che detto evento venga svolto presso la sede del Consiglio Nazionale delle Ricerche o presso la sede dell’Accademia dei Lincei.

10) Il Consiglio di Amministrazione ha valutato favorevolmente la proposta, avanzata dal Presidente, di procedere alla costituzione di un Committee cui conferire l'incarico di approfondire la questione della riorganizzazione della radioastronomia italiana. A tal fine, è stato stabilito di fissare una riunione telematica tra i membri del CdA, in occasione della quale verrà assunta una decisione in merito alla composizione di suddetto Committee; il Presidente procederà poi, con suo decreto, alla nomina dell'organismo.

archiviato sotto: ,

Stesse stelle, stesso ciclo?

22/09/2017

Ben poco si sa sulla periodicità dell’attività coronale delle stelle, osservabile ai raggi X: mancano infatti osservazioni di stelle a lungo termine in banda X. Ma c'è un'eccezione: il monitoraggio, lungo ben 15 anni, della stella HD 81809, realizzato con XMM/Newton

Eruzione solare “fotobomba” la cometa

22/09/2017

La “fotografia” che vale una vita… e proprio in quel momento qualcuno si mette in mezzo: tre anni fa, una bolla di plasma solare ha disturbato l’irripetibile osservazione del passaggio di una cometa vicinissima a Marte. Ma c’è qualcosa da imparare anche da questo, come dimostra un nuovo studio presentato al Congresso europeo di scienze planetarie, in corso a Riga

L’Esa punta in alto: l’obiettivo è la Luna

22/09/2017

Il futuro è il nostro satellite naturale, che dopo anni di esplorazioni nasconde ancora molti misteri. La Luna potrebbe essere usata come un trampolino di lancio verso il futuro dell'esplorazione dello spazio profondo, magari con equipaggi umani