Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Il CdA del 18 e 19 dicembre 2013

Il CdA del 18 e 19 dicembre 2013

Sintetico resoconto informale della seduta

Nei giorni 18 e 19 dicembre si è riunito il Consiglio di Amministrazione dell’INAF.

Quanto segue è un sintetico resoconto informale della seduta.

Queste le principali decisioni assunte e gli argomenti affrontati:

1) il Presidente ha informato il Consiglio che nulla di ufficiale è ancora possibile comunicare in merito alle assegnazioni dei Progetti Premiali, in attesa della necessaria valutazione della Corte dei Conti. Inoltre, nessun aggiornamento è pervenuto dal MIUR relativamente alla nomina del quinto membro del CdA INAF (in quota ministeriale), nonostante i termini di presentazione delle candidature siano scaduti lo scorso 30 novembre;

2) il Direttore Generale ha riferito al CdA in merito all’incontro con le rappresentanze sindacali avvenuto lo scorso 11 dicembre;

3) analisi e discussione sulla nota del Consiglio Scientifico dal titolo “La ricerca spaziale italiana ed il rischio oggettivo di declino”;

4) associatura onoraria all’INAF del prof. Piero Boitani, docente di Letterature Comparate presso l’Università La Sapienza di Roma;

5) report del vice Presidente Monica Tosi sulle visite effettuate presso le strutture territoriali IRA e IASF di Bologna; sulla base delle informazioni ricevute, il Consiglio di Amministrazione ha stilato un primo calendario preliminare di sedute e visite nelle Sedi territoriali da proporre quanto prima ai Direttori delle varie strutture;

6) analisi e discussione del documento, trasmesso dal dott. Stringhetti e dal prof. D’Amico – rispettivamente, AIV Manager e Direttore del SRT – a completamento del Commissioning tecnico di SRT ed avvio della fase di validazione scientifica; il Consiglio ha chiesto che, in occasione della prossima seduta, il Direttore Scientifico fornisca una dichiarazione di accettazione di conformità del documento in questione e formuli una proposta in merito all’evoluzione del managament e della gestione del Radiotelescopio di Pranu Sanguni;

7) approvazione di variazioni al bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2013:

  • variazione per maggiore entrata per € 1.007.971,74 per il rimborso, già versato dal CNR, delle indennità di anzianità maturate al 31.12.2004 e relative al personale transitato in INAF a decorrere dall’1.1.2005;
  • variazione relativa ad uno storno di euro 400.000,00 in favore della Fundaciòn Galileo Galilei, necessario a garantire la copertura finanziaria per il pagamento della prima rata di funzionamento del 2014 del TNG;

8) ratifica del decreto del Presidente n. 84/2013 del 28.11.2013, con il quale è stata conferita al Direttore dell’Osservatorio Astronomico di Cagliari la delega alla sottoscrizione del contratto di associazione temporanea d’impresa (ATI) tra l’INAF – OAC ed il Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica (DIEE) dell’Università di Cagliari e della convenzione con Sardegna Ricerche per la realizzazione del Progetto “Progettazione, realizzazione e qualificazione di sensori e sistemi di condizionamento elaborazioni di segnali – SARDASENSOR”;

9) approvazione del bilancio di previsione dell’Istituto per l’esercizio finanziario 2014 e delle allegate relazioni di accompagnamento; tutta la documentazione sarà debitamente trasmessa al MEF, al MIUR e alla Corte dei Conti. Il CdA ha preso atto, con soddisfazione, che per l’anno 2014 i fondi per le attività di ricerca dell’Istituto saranno significativamente incrementati e che i competenti uffici della Direzione Generale stanno predisponendo un programma triennale di edilizia che consentirà di realizzare interventi di manutenzione e riqualificazione degli immobili INAF;

10) approvazione di modifiche al Disciplinare di organizzazione e funzionamento, resesi necessarie in virtù del nuovo assetto organizzativo della Direzione Generale;

11) approvazione di un accordo di gestione congiunta di brevetto con l’Università di Bologna – Alma Mater Studiorum, relativo ad un’invenzione, provvisoriamente denominata “Solar Image Squaring Concentrator”, realizzata in collaborazione tra ricercatori dell’Osservatorio di Bologna e dell’ateneo felsineo;

12) discussione preliminare sul Piano di assunzioni 2014 dell’INAF; il DG ha riferito relativamente alle disponibilità risultanti dal turnover 2013, che erano state comunicate anche alle rappresentanze sindacali nell’incontro dell’11 dicembre. Il CdA ha confermato l’orientamento a voler procedere per il 2014 con un piano di nuove assunzioni; è stato altresì chiesto al Direttore Scientifico di predisporre un piano di fabbisogno di personale sulla base delle esigenze dei progetti di interesse dell’INAF;

13) sono stati confermati i criteri adottati dal CdA con la delibera n. 23/2013 dell’11 aprile 2013, che è stata modificata in alcune sue parti;

14) autorizzazione all’IASF di Bologna all’avvio delle procedure finalizzate all’esecuzione della progettazione esecutiva e dei lavori per E-ELT; la suddetta autorizzazione è stata rilasciata dal CdA a condizione che l’INAF-IASF Bologna acquisisca l’indefettibile nulla osta del Direttore Generale del CNR all’esecuzione dei lavori di adeguamento dei locali interessati.

Il Consiglio di Amministrazione ha, infine, stilato un calendario di massima delle sue prossime sedute:

-        16 e 17 gennaio 2014;

-        19 e 20 febbraio 2014;

-        13 e 14 marzo 2014;

-        15 e 16 aprile 2014 .

archiviato sotto: ,

Stesse stelle, stesso ciclo?

22/09/2017

Ben poco si sa sulla periodicità dell’attività coronale delle stelle, osservabile ai raggi X: mancano infatti osservazioni di stelle a lungo termine in banda X. Ma c'è un'eccezione: il monitoraggio, lungo ben 15 anni, della stella HD 81809, realizzato con XMM/Newton

Eruzione solare “fotobomba” la cometa

22/09/2017

La “fotografia” che vale una vita… e proprio in quel momento qualcuno si mette in mezzo: tre anni fa, una bolla di plasma solare ha disturbato l’irripetibile osservazione del passaggio di una cometa vicinissima a Marte. Ma c’è qualcosa da imparare anche da questo, come dimostra un nuovo studio presentato al Congresso europeo di scienze planetarie, in corso a Riga

L’Esa punta in alto: l’obiettivo è la Luna

22/09/2017

Il futuro è il nostro satellite naturale, che dopo anni di esplorazioni nasconde ancora molti misteri. La Luna potrebbe essere usata come un trampolino di lancio verso il futuro dell'esplorazione dello spazio profondo, magari con equipaggi umani