Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Il CdA del 23 e 24 ottobre 2013

Il CdA del 23 e 24 ottobre 2013

Sintetico resoconto informale della seduta del Consiglio di Amministrazione dell’INAF del 23 e 24 ottobre

Nei giorni 23 e 24 ottobre si è riunito il Consiglio di Amministrazione dell’INAF. Quanto segue è un sintetico resoconto informale della seduta; ulteriori informazioni saranno disponibili nel verbale che sarà reso pubblico nei tempi e nei modi consueti.

Queste le principali decisioni assunte e gli argomenti affrontati:

1) approvazione di variazioni al bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2013, tra le quali:

  • Variazione per maggiori entrate per Progetto SOLARNET – Oss. Catania;
  • Variazione per maggiori entrate per Progetto Planck LFI Fase E2 “Missione Scientifica ed Analisi Dati” – IASF Bologna;
  • Variazione per maggiori entrate per Progetto “BEPI/COLOMBO Fase B2/C” – Oss. Capodimonte;
  • Variazione per maggiori entrate per Progetto “E-ELT M4 Unit” – Oss. Brera;

2) situazione della radioastronomia italiana, con l’intervento in seduta del prof. Giancarlo Setti;

3) discussione relativamente alla possibilità di effettuare assunzioni a livello apicale con chiamata diretta per “chiara fama”; il Presedente ha illustrato le linee guida fornite dal Ministero. E’ stata inviata richiesta di suggerimento candidature ai Direttori delle Strutture ed al Consiglio Scientifico;

4) ratifica decreto del Presidente n. 74/2013 dell’8 ottobre 2013, ad oggetto “partecipazione dell’INAF, nell’ambito del Council dell’ESO, alla realizzazione del progetto infrastrutturale internazionale E-ELT”;

5) considerazioni sui possibili effetti delle abilitazioni nazionali sul personale degli enti di ricerca;

6) stesura di un programma di visite presso le strutture territoriali. Si prevede di effettuare prossime riunione del Consiglio di Amministrazione presso le sedi territoriali; in questa sede, ove le strutture ne facciano richiesta, il Presidente, il Direttore Generale ed il Consoglio di Amministrazione saranno a disposizione per un incontro informativo con il personale;

7) istituzione di “premi INAF” intitolati ad Angioletta Coradini, Lucia Padrielli e Vittorio Castellani;

8) Programma Nazionale della Ricerca 2014-2016. Discussione relativa all’intenzione del Ministero di far partire il Programma Nazionale della Ricerca; tale programma, che nelle sue linee preliminari ricalca le linee di sviluppo delineate in Horizon 2020, costituirà il quadro di riferimento per i Piani Triennali dei singoli Enti;

9) nuove determinazioni in merito alla partecipazione dell’Istituto al Consorzio Interuniversitario per la Fisica Spaziale di Torino. L’orientamento è di mantenere la partecipazione al CIFS;

10) Consorzio Europlanet: è stata esaminata la richiesta di associazione al Consorzio Europlanet. Saranno necessari ulteriori approfondimenti;

11) azioni da intraprendere in materia di dottorati, a valle della Legge n. 240/2010, con l’intervento in seduta del prof. Nicola Vittorio;

12) discussione preliminare su bilancio di previsione 2014.

archiviato sotto: ,

Nevicano stelle

13/12/2018

Come ogni anno, nel periodo che va dal 3 al 19 dicembre si ripete il fenomeno delle Geminidi, lo sciame meteorico causato dal passaggio dell’asteroide 3200 Phaethon. Il picco del fenomeno sarà questa notte: una vera e propria pioggia di stelle – anzi nevicata, viste le temperature. Anche Google ha voluto ricordare questo suggestivo fenomeno dedicandogli il doodle di oggi

Dna spaziale, trovato un pezzo mancante

13/12/2018

Un gruppo internazionale di astronomi guidato da Víctor M. Rivilla dell’Inaf di Arcetri (Firenze) ha scoperto l’abbondante presenza, nello spazio interstellare, dell’isomero Z della cianometanimina – considerata un precursore dell’adenina

BepiColombo: occhi aperti, aspettando Mercurio

12/12/2018

Acceso con successo lo strumento Simbio-Sys, gli "occhi" della sonda BepiColombo che scandaglieranno con una accuratezza senza precedenti la superficie di Mercurio. Gabriele Cremonese, dell'Inaf e Pi di Simbio-Sys: «È stata una grande soddisfazione vedere tutti e tre i componenti accendersi e rispondere ai nostri comandi, con una certa suspence dovuta ai due minuti luce necessari per avere una risposta ogni volta che interrogavamo lo strumento»