Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Il CdA del 23 e 24 ottobre 2013

Il CdA del 23 e 24 ottobre 2013

Sintetico resoconto informale della seduta del Consiglio di Amministrazione dell’INAF del 23 e 24 ottobre

Nei giorni 23 e 24 ottobre si è riunito il Consiglio di Amministrazione dell’INAF. Quanto segue è un sintetico resoconto informale della seduta; ulteriori informazioni saranno disponibili nel verbale che sarà reso pubblico nei tempi e nei modi consueti.

Queste le principali decisioni assunte e gli argomenti affrontati:

1) approvazione di variazioni al bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2013, tra le quali:

  • Variazione per maggiori entrate per Progetto SOLARNET – Oss. Catania;
  • Variazione per maggiori entrate per Progetto Planck LFI Fase E2 “Missione Scientifica ed Analisi Dati” – IASF Bologna;
  • Variazione per maggiori entrate per Progetto “BEPI/COLOMBO Fase B2/C” – Oss. Capodimonte;
  • Variazione per maggiori entrate per Progetto “E-ELT M4 Unit” – Oss. Brera;

2) situazione della radioastronomia italiana, con l’intervento in seduta del prof. Giancarlo Setti;

3) discussione relativamente alla possibilità di effettuare assunzioni a livello apicale con chiamata diretta per “chiara fama”; il Presedente ha illustrato le linee guida fornite dal Ministero. E’ stata inviata richiesta di suggerimento candidature ai Direttori delle Strutture ed al Consiglio Scientifico;

4) ratifica decreto del Presidente n. 74/2013 dell’8 ottobre 2013, ad oggetto “partecipazione dell’INAF, nell’ambito del Council dell’ESO, alla realizzazione del progetto infrastrutturale internazionale E-ELT”;

5) considerazioni sui possibili effetti delle abilitazioni nazionali sul personale degli enti di ricerca;

6) stesura di un programma di visite presso le strutture territoriali. Si prevede di effettuare prossime riunione del Consiglio di Amministrazione presso le sedi territoriali; in questa sede, ove le strutture ne facciano richiesta, il Presidente, il Direttore Generale ed il Consoglio di Amministrazione saranno a disposizione per un incontro informativo con il personale;

7) istituzione di “premi INAF” intitolati ad Angioletta Coradini, Lucia Padrielli e Vittorio Castellani;

8) Programma Nazionale della Ricerca 2014-2016. Discussione relativa all’intenzione del Ministero di far partire il Programma Nazionale della Ricerca; tale programma, che nelle sue linee preliminari ricalca le linee di sviluppo delineate in Horizon 2020, costituirà il quadro di riferimento per i Piani Triennali dei singoli Enti;

9) nuove determinazioni in merito alla partecipazione dell’Istituto al Consorzio Interuniversitario per la Fisica Spaziale di Torino. L’orientamento è di mantenere la partecipazione al CIFS;

10) Consorzio Europlanet: è stata esaminata la richiesta di associazione al Consorzio Europlanet. Saranno necessari ulteriori approfondimenti;

11) azioni da intraprendere in materia di dottorati, a valle della Legge n. 240/2010, con l’intervento in seduta del prof. Nicola Vittorio;

12) discussione preliminare su bilancio di previsione 2014.

archiviato sotto: ,

Così si oscurò Betelgeuse

13/08/2020

Cosa fece impallidire per mesi, dal novembre 2019 all’aprile 2020, una fra le stelle più brillanti del cielo? Una possibile risposta arriva ora da una lunga campagna osservativa condotta in banda ultravioletta con il telescopio spaziale Hubble: la responsabile fu una nube di polvere prodotta a seguito di un’imponente emissione di plasma dalla stella stessa

E alla fine esplosero le nane nere

13/08/2020

Il fisico Matt Caplan dell'Università dell'Illinois propone sulle pagine di Monthly Notices of the Royal Astronomical Society una nuova teoria, alternativa allo spegnimento lento e sommesso, su quello che sarà – tra innumerevoli miliardi di anni – l’ultimo atto del cosmo. «Uno spettacolo che non potrà comunque avere spettatori», commenta Massimo Della Valle dell’Inaf di Napoli

Molto giovane, incredibilmente ordinata

12/08/2020

Trovare una galassia così “composta“ a 12 miliardi di anni luce da noi è stata una grande sorpresa. Visto da Alma grazie a una lente gravitazionale, il suo è il disco galattico più ordinato mai osservato nell’universo primordiale. A firmare l’articolo, uscito oggi su Nature, un team guidato da una dottoranda del Max Planck originaria del Salento, Francesca Rizzo