Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Il Consiglio di Amministrazione del 2 ottobre 2014

Il Consiglio di Amministrazione del 2 ottobre 2014

Breve resoconto informale della seduta

Il giorno 2 ottobre si è riunito, presso la Sede centrale dell’INAF in Roma, il Consiglio di Amministrazione dell’Ente.

Quanto segue è un breve resoconto informale della seduta.

Queste le principali decisioni assunte e gli argomenti affrontati:

1) il Presidente ha informato il Consiglio che, il giorno 5 novembre p.v., sarà ricevuto al dicastero dello Sviluppo Economico dal Ministro Guidi, con la quale verrà nuovamente discussa la proposta  di avvio di alcuni progetti di astronomia industriale. Il prof. Bignami ha altresì riferito che, nei giorni scorsi, ha incontrato il nuovo Direttore Generale per il coordinamento e lo sviluppo della ricerca del Dipartimento per l’università, l’alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca del MIUR, dott. Vincenzo Di Felice, con il quale il Presidente ha avuto un lungo e proficuo colloquio.

Successivamente, il prof. Bignami ha informato il CdA di aver sottoscritto, come da mandato del Consiglio medesimo, il contratto di comodato gratuito già sottoscritto e pervenuto da parte del Presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Al riguardo, il Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti dell’INAF ha riferito che il suo omologo del Collegio CNR sembra sia orientato a reinvestire ora della questione il dicastero vigilante per maggiori chiarimenti. Il Consiglio ha espresso disappunto per tale decisione che potrebbe determinare ulteriori ritardi nell’adempimento degli obblighi dedotti ex contractu.

Il prof. Bignami ha altresì comunicato che il dicastero di Viale di Trastevere ha trasmesso alle Commissioni Parlamentari, in data 30 settembre u.s., il decreto di riparto del Fondo Ordinario degli Enti di ricerca (FOE) per l’anno 2014; ai sensi dell’art. 1, comma 2, lett. d) del succitato decreto, all’Istituto sono stati complessivamente riconosciuti poco più di 88 Mln di euro, di cui circa 80 Mln a titolo di finanziamento ordinario, 7 Mln per attività di ricerca a valenza internazionale e 400.000 euro per la progettualità di carattere straordinario.

Il Presidente ha infine  riferito ai Consiglieri del grande successo dell’inaugurazione del Telescopio ASTRI - prototipo del CTA – presso il sito INAF-Osservatorio di Catania di Serra La Nave e l’intero CdA ha espresso le sue più vive congratulazioni e il suo più sentito ringraziamento al team del progetto ASTRI, al personale della struttura etnea e a tutte le aziende che hanno collaborato per il raggiungimento di un altro prestigioso traguardo a livello mondiale, non solo per l’Istituto e per la comunità scientifica italiana ma per tutto il Paese.

2) Il Direttore Generale ha comunicato che, nei giorni scorsi, si sono concluse le procedure concorsuali, indette con proprie determinazioni nn. 395 e 396 del 16 ottobre 2013, finalizzate al reclutamento a tempo indeterminato di due unità dirigenziali di seconda fascia.

3) Il CdA ha approvato due variazioni al bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2014:

  • variazione per maggiore entrata di € 74.953,01 richiesta dall’Osservatorio Astronomico di Trieste per una nuova entrata, non prevista in bilancio e già arrivata in banca, relativa al rimborso delle spese di funzionamento da parte dell’Università degli Studi di Trieste, come da convenzione di collaborazione stipulata tra l’Osservatorio e l’Università medesima;
  • prelievo dal fondo di riserva per € 140.000,00, in virtù della richiesta, pervenuta dall’Osservatorio Astronomico di Capodimonte, di integrazione dei fondi di funzionamento ordinario per far fronte agli elevati consumi elettrici dovuti essenzialmente alla vastità del comprensorio e alla vetustà degli impianti esistenti, per la manutenzione degli impianti di videosorveglianza, dell’impianto idrico e dell’impianto antincendio, per il servizio di guardiania e per far fronte ai danni subiti dalla struttura partenopea in seguito all’ondata di maltempo del 18-19 giugno u.s..

4) Il Consiglio ha adottato il Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione 2014-2016, elaborato dal referente della Prevenzione della Corruzione, e ha confermato la validità della Convenzione, di durata seennale, stipulata con l’Associazione  Consortium GARR, che consente all’Istituto di poter usufruire della Rete GARR, ovvero della rete di comunicazione a larga banda che garantisce la connettività nazionale ed internazionale all’intera comunità scientifica ed accademica italiana.

5) Il CdA ha approvato un Memorandum of Understanding tra l’INAF-Osservatorio di Arcetri e la Large Binocular Telescope Corporation per l’installazione e l’operatività dell’Advanced LBT Turbulence and Atmosphere (ALTA) Center, un sistema automatico e continuo di previsione della turbolenza ottica e di altri parametri atmosferici in supporto alle osservazioni del LBT;

6) il Consiglio ha ratificato due decreti del Presidente: il n. 60/2014, con il quale è stata rilasciata al Direttore dell’Osservatorio di Trieste la delega alla sottoscrizione di una convenzione con l’Università del capoluogo giuliano per il finanziamento di una borsa di studio per il XXIX ciclo del corso di dottorato in Fisica, e il n. 61/2014, a mezzo del quale è stato conferito alla Direttrice dell’Osservatorio di Palermo mandato per la stipula di una convenzione con l’ateneo palermitano per il finanziamento di una borsa di studio per il XXX ciclo del corso di dottorato in Scienze Fisiche sul tema “Exo-planetary atmospheres”.

7) Il CdA ha ampiamente discusso in merito alla gestione e alla manutenzione del Sardinia Radio Telescope, alla luce delle nuove comunicazioni pervenute dal Direttore dell’Osservatorio di Cagliari e dal Responsabile del SRT; in particolare, sono state affrontate le questioni relative all’operatività dell’antenna h24, per la quale sarebbe necessaria una consistente turnazione del personale dell’Osservatorio sardo, e al problema riscontrato agli attuatori dello strumento, soggetti ad un anomalo processo di rapida ossidazione. Sono in corso, su quest’ultimo aspetto, approfondite indagini i cui esiti verranno tempestivamente comunicati al Presidente e al CdA. L’argomento verrà pertanto nuovamente affrontato in occasione della prossima seduta del Consiglio.

8) Il Consiglio ha altresì visionato la dettagliata documentazione pervenuta dalla direzione dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica di Bologna, contenente la relazione generale conclusiva della fase di progettazione definitiva e l’assestamento del quadro economico per i lavori di adeguamento resisi necessari per la realizzazione della sala di integrazione dello strumento E-ELT/MAORY.

Il prof. Ferrara ha quindi informato il Consiglio degli esiti della prima riunione del Visiting Committee per la Radioastronomia, tenutasi il 18 settembre u.s. presso la sede centrale: l’organismo ha stabilito di tenere una video conferenza con la sezione distaccata di Noto dell’Istituto di Radioastronomia e di recarsi in visita a Bologna - nei giorni 4 e 5 novembre pp.vv. - e a Cagliari il 17 e 18 novembre, al fine di approfondire gli aspetti prioritari per la formulazione di una proposta di riorganizzazione della radioastronomia italiana.

Infine, il CdA ha indetto per il giorno 9 ottobre 2014 una seduta straordinaria espressamente dedicata all’approvazione del Programma Triennale dei Lavori Pubblici dell’INAF 2014-2016 e all’adozione del medesimo Programma per il triennio 2015-2017.

archiviato sotto: ,

Un anno al Polo Sud, con la bandiera sarda

18/11/2017

Fra i 13 winter-over che oggi s’imbarcano per il Polo Sud c’è anche Marco Buttu dell'Inaf di Cagliari. Media Inaf lo seguirà da vicino nella sua impresa polare e racconterà periodicamente la sua avventura fino al rientro, previsto per dicembre 2018, dopo ben tredici mesi di isolamento fra i ghiacci

L’acqua terrestre viene da Giove?

17/11/2017

Nel periodo più movimentato del Sistema solare, cioè durante la formazione dei pianeti, Giove e Saturno avrebbero scagliato planetesimi e bolidi pieni di acqua verso la parte interna più vicina al Sole. Il disco protoplanetario era già carico di acqua prima della nascita della Terra. Questa le conclusioni di due ricercatori presentate in un articolo sulla rivista Icarus

Onda gravitazionale presa al volo

17/11/2017

Era stata momentaneamente messa da parte perché sopravanzata da altre due più importanti, ma ora è stata annunciata in un articolo in via di pubblicazione su Astrophysical Journal la quinta osservazione di onde gravitazionali prodotte dalla fusione di una coppia di buchi neri, rilevata l'8 giugno scorso dagli interferometri Ligo