Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Il Consiglio di Amministrazione del 4/5 settembre 2014

Il Consiglio di Amministrazione del 4/5 settembre 2014

Sintetico resoconto informale della seduta

Nei giorni 4 e 5 settembre si è riunito, presso la Sede centrale dell’INAF in Roma, il Consiglio di Amministrazione dell’Ente.

Quanto segue è un sintetico resoconto informale della seduta.

Queste le principali decisioni assunte e gli argomenti affrontati:

 

1) il Presidente ha informato il Consiglio che, purtroppo, non vi sono novità significative in merito al riparto del Fondo ordinario per gli enti e le istituzioni di ricerca per l’anno 2014. La questione – di particolare importanza per l’Istituto, soprattutto per le inevitabili ripercussioni sulla programmazione delle attività scientifiche dell’Ente – verrà pertanto affrontata in occasione della prossima seduta del Consiglio. Il prof. Bignami ha altresì comunicato che, a breve, richiederà un incontro con il Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, prof. Battiston, al fine di affrontare la questione del rinnovo dei contratti spaziali in scadenza tra ASI e INAF.

Il Presidente, infine, ha riferito al CdA di non aver alcun aggiornamento dal dicastero vigilante in merito al riparto della quota premiale 2014 del fondo ordinario degli enti di ricerca ai sensi dell’articolo 4, comma 1, del decreto legislativo 31 dicembre 2009, n. 213; anche questa fondamentale questione verrà approfondita in occasione della prossima seduta.

2) Il Direttore Generale ha comunicato degli esiti dell’incontro avuto a Bologna con il Pro-Rettore dell’Università “Alma Mater”; la delegazione dell’INAF - presieduta dal prof. Capaccioli – ha avuto un lungo colloquio con il prof. Ferrari in merito alla questione dei lavori in corso per la realizzazione del nuovo polo universitario CNR-Navile, che sorgerà su un’area di circa 155mila mq a nord della città storica e che dovrà ospitare, tra gli altri, anche l’Osservatorio Astronomico. Il Pro-Rettore ha manifestato l’auspicio che l’INAF non ritiri il proprio sostegno economico alla realizzazione del nuovo comparto edilizio e la delegazione dell’Istituto ha prefigurato diverse soluzioni tese a scongiurare l’eventualità di un recesso; nelle prossime settimane vi sarà un nuovo incontro con i vertici dell’Università di Bologna per definirie i dettagli di un nuovo accordo. Il dott. Sacerdote ha inoltre riferito al CdA della richiesta pervenuta dalla Direzione dell’Osservatorio di Cagliari di autorizzazione a rendere operativo un servizio di vigilanza per il sito di OAC di Selargius; il DG ha informato che, nei prossimi giorni, i competenti Uffici della Direzione Generale daranno corso alla richiesta dell’Osservatorio di Cagliari.

Il Direttore Generale ha altresì informato che l’Organismo Indipendente di Valutazione dell’INAF, dopo aver validato la Relazione sulla Performance 2013, ha suggerito di trasmettere all’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca – unitamente al documento di validazione - una sintetica relazione contenente una dettagliata elencazione delle attività e dei progetti scientifici di maggior rilievo in corso di realizzazione da parte dell’INAF.

Infine, il dott. Sacerdote ha proposto al CdA di trasmettere una comunicazione agli Osservatori e agli Istituti territoriali circa la necessità di indire, entro il prossimo mese di dicembre, le elezioni per il rinnovo dei Consigli di Struttura, in quanto ciò potrebbe essere utile a rendere omogenee e razionalizzare la scadenza dei mandati dei Consigli medesimi. In tal caso, naturalmente, occorrerebbe prorogare nel contesto quelli prossimamente in scadenza. Il Consiglio, nel ringraziare il DG e alla luce di quanto disposto dal Disciplinare elettorale INAF, ha chiesto al Presidente di impartire opportune disposizioni affinché si possa procedere in tal senso.

3) Il CdA ha approvato 7 variazioni al bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2014, tra le quali:

  • variazione per maggiore entrata di € 200.000,00 richiesta dall’Osservatorio Astrofisico di Catania per una nuova entrata relativa alla seconda riunione d’avanzamento dell’accordo n. 2013-016-R.0 “CHEOPS Fasi A/B/C”, stipulato tra l’ASI e l’INAF il 3 giugno 2013;
  • variazione di € 50.764,12, richiesta dall’’Osservatorio Astronomico di Brera per una maggiore entrata riguardante il progetto FP7 SPACEINN;
  • variazione per maggiore entrata di € 191.630,28 richiesta dall’Osservatorio Astronomico di Roma in relazione al Grant Agreement n. 306476 “FIRST”.

4) Il Consiglio, alla luce dell’ultima versione del contratto di comodato gratuito trasmesso dal Presidente del CNR ed in conformità alle osservazioni formulate dal Magistrato della Corte dei Conti delegato presso l’INAF e dal Presidente del Collegio dei Revisori, ha approvato il  contratto in questione, propedeutico al successivo passaggio all’INAF in proprietà “superficiaria” degli immobili siti nelle Aree di Ricerca del CNR di Bologna e di Roma-Tor Vergata ed in proprietà “piena” degli immobili dell’Area di Ricerca CNR di Milano, nonché delle sedi di Medicina (BO) e di Noto (SR).

5) Il CdA ha approvato una Convenzione con l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” per il finanziamento di una borsa di studio per il XXX ciclo di dottorato in Fisica attivo presso l’ateneo partenopeo, una Convenzione Quadro con il Dipartimento di Ingegneria Elettronica dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” per lo sviluppo di componenti elettronici monolitici in ambiente criogenico per applicazioni nel campo della radioastronomia e una Convenzione con il Consorzio Interuniversitario per la Fisica Spaziale per la realizzazione congiunta di programmi di ricerca presso le Strutture territoriali dell’INAF;

6) il Consiglio, su proposta del Presidente, ha selezionato tre nominativi da sottoporre all’ESO per l’individuazione del rappresentante italiano nel Scientific and Technical Committee e i due membri INAF del Comitato permanente paritetico di raccordo INAF/INFN previsto dall’art. 3 della Convenzione Quadro in essere tra i due Istituti.

7) Il CdA ha convocato in seduta il dott. Mario G. Lattanzi, Responsabile Scientifico Nazionale della Partecipazione Italiana per conto di INAF e ASI, e la dott.ssa Antonella Vallenari, Deputy Chair del DPACE (Data Processing and Analysis Consortium Executive), per aggiornamenti sulla missione Gaia; l’intervento dei due astronomi, afferenti, rispettivamente, all’Osservatorio di Torino e a quello di Padova, è stato notevolmente apprezzato dal Consiglio;

8) il Consiglio ha, infine, ampiamente dibattuto la questione E-ELT, alla luce delle nuove proposte avanzate dall’European Southern Observatory sul progetto e delle preoccupazioni espresse dal Direttore Scientifico; il CdA, al fine di manifestare tutto il proprio dissenso nei confronti di queste iniziative, ha predisposto una comunicazione da indirizzare urgentemente al Direttore Generale dell’ESO.

Tutta la scienza di Cheops

19/07/2019

Mentre si attende la data esatta di lancio e la selezione delle proposte per le osservazioni "libere", ecco la suddivisione del programma osservativo di base previsto per la piccola missione europea dedicata ad approfondire la conoscenza degli esopianeti più grandi della Terra e più piccoli di Nettuno

Completata la prima Ska Science Data Challenge

19/07/2019

Anche i radioastronomi e le radioastronome devono allenarsi, in particolare a scavare efficacemente nell'immensa mole di dati che lo Square Kilometre Array - il radiotelescopio più grande del mondo - produrrà. Per questo sono state prodotte immagini radio artificiali che nove squadre, tra qui una italiana, hanno setacciato con diversi software alla ricerca di radiosorgenti

Ploonets: lune “esiliate” che diventano pianeti

19/07/2019

In uno studio in pubblicazione su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society un team internazionale di ricercatori ha effettuato delle simulazioni per cercare di capire cosa succederebbe alle eventuali lune di pianeti extrasolari in migrazione verso la propria stella. Il risultato è interessante: potrebbero diventare "ploonets"