Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Il fascino indiscreto di AstroFit

Il fascino indiscreto di AstroFit

Che l’Italia fosse attraente lo sapevamo, ma ora siamo certi che anche l’INAF e le sue Strutture di Ricerca non sono da meno. Lo testimoniano le 70 candidature presentate per la prima delle due call previste da AstroFIt, Astronomy Fellowships in Italy, cofinanziato dal 7° Programma Quadro della Commissione Europea e dall’INAF.

Che l’Italia fosse attraente lo sapevamo, ma ora siamo certi che anche l’INAF e le sue Strutture di Ricerca non sono da meno. Lo testimoniano le 70 candidature presentate per la prima delle due call previste da AstroFIt, Astronomy Fellowships in Italy (http://www.astrofit.inaf.it/), un programma di respiro quadriennale, cofinanziato dal 7° Programma Quadro della Commissione Europea e dall’INAF.

 

AstroFIt, che supporta la mobilità di ricercatori, attraverso due tipologie previste dai bandi: Incoming Mobility Fellowships e Reintegration Fellowships, consentirà ai vincitori di svolgere il proprio progetto di ricerca presso le Strutture INAF da essi individuate.

 

“Il grande interesse verso l’Italia e verso l’INAF, dimostrato da giovani ricercatori della comunità internazionale è un segnale molto positivo ed importante” - ha dichiarato il Presidente Giovanni Bignami - che ci spinge a continuare la strada intrapresa potenziando l’accesso al mondo della ricerca astrofisica italiana. Non perdete la prossima call prevista per novembre 2012.”

Per saperne di più:

Il sito web di AstroFIt

archiviato sotto:

L’ingrediente segreto dei potenti getti dei quasar

26/10/2020

Perché alcuni buchi neri supermassicci emettono getti di materia di grande potenza e altri no? Una possibile risposta arriva da uno studio condotto su oltre 700 quasar con Chandra, Xmm-Newton, Rosat, il Very Large Array e la Sloan Digital Sky Survey

Osiris-Rex, il raccolto è andato bene. Forse troppo

24/10/2020

Le prime immagini inviate a Terra mostrano una perdita di materiale dalla testa raccogli-campioni, che non si è chiusa in modo corretto. Segno che sicuramente polvere e rocce sono state raccolte, pare ben più dei 60 grammi indicati come obiettivo minimo. Ma una parte è già fuoriuscita, e la Nasa sta correndo ai ripari per mettere in salvo al più presto quel che resta del prezioso carico

Sorridi, da queste stelle ti potrebbero guardare

23/10/2020

Un nuovo studio pubblicato su Mnras riporta la lista di 1004 stelle di sequenza principale, tutte entro circa 300 anni luce dalla Terra, attorno alle quali potrebbero orbitare pianeti nelle rispettive zone abitabili. La posizione di questi esopianeti è tale per cui un osservatore su di essi sarebbe in grado di rilevare facilmente la Terra – e le tracce chimiche della vita – con il metodo dei transiti