Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Il Presidente dell’ASI in visita presso il Sardinia Radio Telescope

Il Presidente dell’ASI in visita presso il Sardinia Radio Telescope

Domani, giovedì 22 febbraio, il Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), Roberto Battiston, visiterà il sito del Sardinia Radio Telescope

Domani, giovedì 22 febbraio, il Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), Roberto Battiston, visiterà il sito del Sardinia Radio Telescope. Infatti, a seguito di una Convenzione stipulata di recente con l’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), l’ASI ha insediato in Sardegna una sua Unità Scientifica in vista dell’aggiornamento di SRT nella configurazione definita “Sardinia Deep Space Antenna” (SDSA).

L’accordo prevede lo sviluppo di tematiche di avanguardia nel campo delle scienze spaziali come lo sviluppo di apparati e algoritmi per le telecomunicazioni, l’analisi dei segnali da missioni interplanetarie; la telemetria per dati degli spacecraft, lander e rover e contenuti di scienza; tecniche di Tracking, etc..

L’Unità scientifica dell’ASI opererà impiegando quale attrezzatura scientifica di base il radiotelescopio SRT, opportunamente upgradato, avvalendosi di equipaggiamenti e impianti per il Deep Space Network (DSN) in connessione con Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA). Funzionari del JPL avevano già visitato gli impianti dell’INAF in Sardegna a gennaio del 2016, verificando il  potenziale utilizzo di SRT nelle telecomunicazioni spaziali.

Di notevole importanza, come primo atto di questa collaborazione, è stato l’inseguimento della sonda Cassini con SRT durante il tuffo finale su Saturno.

Il Presidente dell’INAF Nichi D’Amico commenta con soddisfazione: “l’INAF costituisce già il braccio armato dell’ASI nella conduzione dei progetti spaziali per l’osservazione dell’Universo, con diverse centinaia di unità di personale coinvolte, oltre a officine e laboratori specialistici, e costituisce il principale garante del Paese riguardo al ritorno del programma scientifico obbligatorio dell'ESA”.

“Con SRT, e con l’insediamento in Sardegna dell’Unità dell’ASI, si apre una nuova e prestigiosa prospettiva di sviluppo e di collaborazione fra i due Enti” conclude D’Amico.

archiviato sotto: ,

Il pianeta più caldo conosciuto

14/06/2019

La combinazione di osservazioni fatte con lo spettrografo Carmenes al telescopio di 3.5 metri dell'Osservatorio di Calar Alto e lo spettrografo Harps-N al Telescopio nazionale Galileo ha permesso di rivelare nuovi dettagli su un pianeta extrasolare ultra caldo. La sua temperatura superficiale supera i 2000 gradi e rappresenta il pianeta più caldo conosciuto

Vesta ha una cicatrice primordiale

14/06/2019

Un gruppo internazionale di ricerca a guida giapponese ha scoperto che la storia evolutiva dell'asteroide Vesta è stata profondamente influenzata da una massiccia collisione. Nello studio, pubblicato su Nature Geoscience, il team individua l'epoca esatta in cui l'impatto - che aiuta a spiegare la forma irregolare dell'asteroide - è avvenuto: 4525 milioni di anni fa, non molto dopo la formazione della crosta

Incidente galattico per la Via Lattea

14/06/2019

Un gruppo di scienziati sostiene che la collisione della galassia nana Antlia 2 con la Via Lattea sia responsabile delle increspature che la nostra galassia presenta nella parte esterna del suo disco. Le prove sono nella seconda release dei dati di Gaia e i ricercatori coinvolti nella scoperta avevano previsto l’esistenza della galassia coinvolta nello scontro dieci anni fa