Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Il punto sulle missioni di astrofisica delle alte energie

Il punto sulle missioni di astrofisica delle alte energie

L'articolo di review firmato da Erica Cavallari e Filippo Frontera è stato pubblicato sulla rivista Space Science Review
Il punto sulle missioni di astrofisica delle alte energie

Le prime immagini dell'afterglow X di un lampo di raggi gamma (GRB) osservato dal satellite Beppo-SAX

"Hard X-Ray/Soft Gamma-Ray Experiments and Missions: Overview and Prospects" è il titolo dell'articolo recentemente pubblicato sulla rivista Space Science Review. Gli autori, Erica Cavallari (Università di Ferrara) e Filippo Frontera (Università di Ferrara e INAF-IASF Bologna) tracciano un panorama delle missioni spaziali ed esperimenti che, a partire dagli anni '60 del secolo scorso, sono stati sviluppati per studiare il cosmo nel dominio delle alte energie.

Il lavoro si concentra su quelli - sia su satellite che su pallone - condotti nella banda di energie comprese tra 10 e 600 keV, una finestra osservativa molto importante per studiare i fenomeni più violenti che avvengono nell'universo, con uno sguardo alle prospettive future di questo affascinante campo della ricerca.

L'articolo è disponibile a questo indirizzo

archiviato sotto: ,

Acqua sulla Luna alla luce del sole

26/10/2020

Il “telescopio volante” Sofia, installato a bordo di un Boeing 747, ha fornito la prima prova diretta e inequivocabile della presenza di molecole d’acqua sul nostro satellite anche al di fuori delle regioni in ombra permanente ai poli lunari. Lo studio è pubblicato su Nature Astronomy

Ancora acqua intrappolata sulla Luna

26/10/2020

Quarantamila chilometri quadrati di zone d’ombra sulla superficie della Luna potrebbero nascondere una riserva di ghiaccio d’acqua permanente grande il doppio rispetto a quanto stimato finora. Tutti i dettagli in uno studio appena pubblicato su Nature Astronomy.

Bennu: Neo-nato 1.75 milioni di anni fa

26/10/2020

Il tempo di vita di un asteroide è determinato dalla sua resistenza agli impatti con altri corpi minori. In uno studio pubblicato oggi su Nature, gli scienziati della missione spaziale Osiris-Rex hanno stimato direttamente – per la prima volta – la resistenza agli impatti di un asteroide, e di conseguenza l’età superficiale assoluta dei massi che lo costituiscono. Lo studio, che parte da un’analisi dettagliata delle dimensioni e della profondità dei crateri osservati sui massi dell'asteroide Bennu, indica che il corpo è a tutti gli effetti un Near Earth Object da circa 1,75 milioni di anni.