Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Il resoconto del CdA del 3 maggio

Il resoconto del CdA del 3 maggio

Il 3 maggio si è riunito, nei locali dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica di Milano, il Consiglio di Amministrazione dell’INAF. Quanto segue è un sintetico resoconto informale della seduta.

Queste le principali decisioni assunte e gli argomenti affrontati:

1) approvazione di n. 8 variazioni al bilancio di previsione dell’INAF per l’esercizio finanziario 2012;

2) discussione della bozza della Convenzione tra l’INAF e la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI). La suddetta bozza, perfezionata ed integrata in alcuni suoi punti, sarà nuovamente sottoposta all’esame del Consiglio di Amministrazione entro novembre p.v.;

3) discussione della bozza relativa alla proposta di testo dell’espressione di interesse per la costituzione di Laboratori Nazionali INAF. Il Consiglio di Amministrazione conferisce mandato al Direttore Scientifico di completare la proposta affinché la stessa possa costituire oggetto di deliberazione alla prossima seduta utile;

4) autorizzazione all’Osservatorio Astronomico di Trieste allo scorrimento della graduatoria del concorso pubblico, per titoli ed esame, ad un posto di Tecnologo – III livello – con contratto di lavoro a tempo determinato, per l’Area Scientifica “Tecnologie avanzate e strumentazione”, settore di ricerca “Archiviazione di dati osservativi e da simulazioni numeriche all’interno dell’Osservatorio Virtuale e sviluppo di standard in tale ambito”;

5) autorizzazione all’Istituto di Radioastronomia – Sez. di Noto, ad indire una procedura di gara ad evidenza pubblica per l’affidamento dei servizi integrati di portineria a tempo parziale, pulizia e taglio erba da svolgersi per gli anni 2012 – 2015;

6) nomina del dott. Enrico Cappellaro e del dott. Gabriele Villa a patroni della Fundaciòn Galileo Galiei – INAF Fundaciòn Canaria;

7) approvazione delle modifiche allo Statuto del Consorzio per la Fisica di Trieste;

8) autorizzazione a stipulare un contratto di collaborazione continuata e continuativa, ai sensi dell’art. 7, comma 6, del D. Lgs. n. 165/2001, per attività di controllo e revisione del catalogo della biblioteca dell’Osservatorio Astrofisico di Arcetri;

9) approvazione della bozza definitiva del Disciplinare di Organizzazione e Funzionamento (DOF) dell’INAF, che verrà inviato alle organizzazioni sindacali;

10) approvazione dei principi e degli elementi giuridici e procedurali relativi alle assunzioni di personale a tempo determinato a carico di finanziamenti esterni di cui alle linee guida del Direttore Generale;

11) illustrazione da parte del DG della propria relazione in merito alla Fondazione Osservatorio Astrofisico di Castelgrande e di quella del gruppo di lavoro all’uopo costituito; nelle stesse viene dettagliatamente evidenziata la situazione tecnica e finanziaria della Fondazione medesima.

archiviato sotto: ,

Oscura, ma necessaria

24/09/2018

Oggi su Nature Astronomy uno studio delle Università di Milano e Durham ribadisce la validità della teoria della relatività generale anche su scala cosmologica: l’energia oscura si conferma una presenza necessaria per spiegare il comportamento del nostro universo

La notte insonne dei ricercatori

24/09/2018

Torna questo venerdì l'annuale appuntamento con la Notte Europea dei Ricercatori. L'Inaf mette in campo una ricca offerta di iniziative che spaziano dai seminari scientifici ai laboratori per bambini, dalle visite guidate a molte delle nostre sedi, alle osservazioni al telescopio. Vediamole nel dettaglio, ce n'è per tutti i gusti.

E se le Nubi di Magellano fossero state un trio?

24/09/2018

Una nuova ipotesi, nata dall'osservazione del movimento delle stelle nella Grande Nube di Magellano, fa pensare che in origine la famosa coppia di galassie - visibili a occhio nudo nell'emisfero australe - fosse un terzetto, ma due di loro si sarebbero successivamente fuse tra tre e cinque miliardi di anni fa