Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF In Evidenza

In Evidenza

In ricordo di Gavril Grueff
In ricordo di Claudio Chiuderi
L'Ambasciatore d'Italia a Madrid in visita al TNG
Sabato 2 luglio l'Ambasciatore d’Italia a Madrid, Riccardo Guariglia, ha svolto una missione istituzionale all'isola di La Palma, per visitare il più grande telescopio ottico/infrarosso italiano, il Telescopio Nazionale Galileo (TNG)
Il Consiglio di Amministrazione del 28 giugno 2022
Disponibile il resoconto sintetico della seduta del 28 giugno. Approvata la partecipazione dell'Istituto alla Fondazione CN-HPC (PNRR)

Ecco cosa succede attorno a una galassia Hot Dog

08/08/2022

Sfruttando i potenti strumenti dell’Eso (Vlt con Muse e le antenne Alma in Cile) un gruppo di ricercatori guidati dall’Inaf ha studiato nel dettaglio la galassia W0410, una delle sorgenti più luminose e massive dell’universo. Si tratta di una Hot Dog (Hot Dust-Obscured Galaxy), ossia un oggetto di transizione tra galassie e quasar: una rara popolazione di galassie iperluminose e oscurate da polveri molto più calde del normale. Per questo motivo tali sorgenti sono potenti emettitori nel medio infrarosso, banda nella quale sono state scoperte e selezionate. Lo studio è apparso su Nature Communications

Centoventimila giovani stelle della porta accanto

08/08/2022

Un team di ricercatori guidato dall’astrofisica Loredana Prisinzano dell’Inaf di Palermo, avvalendosi del catalogo Edr3 di Gaia, ha identificato 124440 protostelle con età inferiore ai 10 milioni di anni entro un raggio di 4500 anni luce dal Sole. Grazie a un algoritmo di unsupervised machine learning è stato possibile associarle a 676 ammassi stellari o regioni di formazione stellare

Abbagliati da Starlink? Uno studio ci svela quanto

05/08/2022

Un team di studenti e docenti dell’Università dell’Arizona ha messo a punto un sensore per misurare la quantità di luce riflessa dai satelliti delle megacostellazioni in orbita bassa e lo ha usato per valutare in modo puntuale l’impatto di 61 dei piccoli satelliti di SpaceX. Ne parliamo con uno degli autori, il professor Roberto Furfaro, originario di Roccella Jonica, da 25 anni in Arizona