Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF ITP 2013-2014 Call for Proposal is open

ITP 2013-2014 Call for Proposal is open

ITP 2013-2014 Call for Proposal is open. Deadline 28-FEB-2013 TEXT The 2013-2014 ITP call full text is found at: http://www.iac.es/adjuntos/cci/AO_ITP-2013_final.pdf.

ITP 2013-2014 Call for Proposal is open. Deadline 28-FEB-2013 TEXT The 2013-2014 ITP call full text is found at: http://www.iac.es/adjuntos/cci/AO_ITP-2013_final.pdf.

The deadline is the end of February 28, 2013 and we invite those interested to use the web based proposal form at: http://www.otri.iac.es/cci/

Please note, however, that the list of instruments available on each telescope is not up-to-date, so please advise your communities to check this carefully with the telescope operator before submitting their application.

L’anello fotonico di M87* messo a fuoco

19/08/2022

L'immagine del buco nero supermassiccio al centro di M87 che gli scienziati hanno svelato nel 2019 ha rappresentato una pietra miliare, ma i ricercatori sono ora riusciti ad affinarla ulteriormente applicando nuove tecniche software per ricostruire i dati originali del 2017. La nuova immagine raffigura l'anello fotonico, composto da una serie di sottoanelli sempre più nitidi. Tutti i dettagli su ApJ

Terra e Luna da una sinestia? Lo dicono i gas nobili

19/08/2022

Nel mantello lunare le concentrazioni degli isotopi dell’elio e del neon sono le stesse di quelle presenti sulla Terra. Uno studio pubblicato su Science Advances, condotto da un team di ricercatori dell’Istituto di geochimica e petrologia dell’Eth di Zurigo, fornisce ulteriori prove sull’ipotesi che la Terra e la Luna abbiano avuto origine da un insieme comune di materia in seguito a una violenta collisione con un corpo celeste

Croste planetarie porose? Ad ararle sono gli impatti

18/08/2022

Le collisioni con comete e asteroidi influenzano la porosità e la struttura di lune e pianeti in modo più esteso e profondo di quanto sospettassero gli scienziati, aumentando la loro potenziale capacità di ospitare la vita. È la conclusione alla quale è giunto un team guidato dalla Purdue University grazie a nuove simulazioni e ai dati raccolti dalla missione Grail della Nasa