Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF IV congresso nazionale GRB

IV congresso nazionale GRB

A Bergamo, dall’8 all’11 novembre 2016, presso il Seminarino di Città Alta

Dopo la proficua esperienza di Napoli 2012, nel ventennale del lancio di BeppoSAX, i tempi ci sembrano maturi per un nuovo congresso nazionale GRB. Abbiamo deciso di organizzare la IV edizione del congresso nazionale GRB nel prossimo autunno, dall'8 all'11 Novembre 2016, nella Città Alta di Bergamo.

Il congresso vorrebbe essere un'occasione per fare il punto della situazione nel campo dei GRB e, soprattutto, per discutere delle prospettive future.

Il congresso accoglierà contributi teorici e osservativi sui seguenti hot topics individuati dal SOC:

 

  • Long vs. Short GRBs
  • Host galaxies & Environment
  • Central Engine & Progenitors
  • Future Mission & Facilities
  • Multi-Messenger Astronomy
  • Future

 

Saranno previste anche ampie sessioni di discussione libera, mediate dai vari chair, su ciascuno di questi argomenti.

Gli incredibili bastioni di Titano

22/07/2019

Studiate con una nuova tecnica le bastionate che circondano alcuni laghi di Titano. Il lavoro ha coinvolto un team internazionale di scienziati che ha utilizzato le osservazioni combinate di più strumenti della missione Cassini-Huygens per analizzare queste formazioni. I risultati, pubblicati su Icarus, rivelano alcune ipotesi circa la loro genesi

Tutta la scienza di Cheops

19/07/2019

Mentre si attende la data esatta di lancio e la selezione delle proposte per le osservazioni "libere", ecco la suddivisione del programma osservativo di base previsto per la piccola missione europea dedicata ad approfondire la conoscenza degli esopianeti più grandi della Terra e più piccoli di Nettuno

Completata la prima Ska Science Data Challenge

19/07/2019

Anche i radioastronomi e le radioastronome devono allenarsi, in particolare a scavare efficacemente nell'immensa mole di dati che lo Square Kilometre Array - il radiotelescopio più grande del mondo - produrrà. Per questo sono state prodotte immagini radio artificiali che nove squadre, tra qui una italiana, hanno setacciato con diversi software alla ricerca di radiosorgenti