Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF IV congresso nazionale GRB

IV congresso nazionale GRB

A Bergamo, dall’8 all’11 novembre 2016, presso il Seminarino di Città Alta

Dopo la proficua esperienza di Napoli 2012, nel ventennale del lancio di BeppoSAX, i tempi ci sembrano maturi per un nuovo congresso nazionale GRB. Abbiamo deciso di organizzare la IV edizione del congresso nazionale GRB nel prossimo autunno, dall'8 all'11 Novembre 2016, nella Città Alta di Bergamo.

Il congresso vorrebbe essere un'occasione per fare il punto della situazione nel campo dei GRB e, soprattutto, per discutere delle prospettive future.

Il congresso accoglierà contributi teorici e osservativi sui seguenti hot topics individuati dal SOC:

 

  • Long vs. Short GRBs
  • Host galaxies & Environment
  • Central Engine & Progenitors
  • Future Mission & Facilities
  • Multi-Messenger Astronomy
  • Future

 

Saranno previste anche ampie sessioni di discussione libera, mediate dai vari chair, su ciascuno di questi argomenti.

Luce verde per il misura-fotoni di Athena

21/05/2019

Si chiama “X-ray Integral Field Unit” e sarà posta sul piano focale del telescopio spaziale Athena dell’Esa. Luigi Piro (Inaf): «Permetterà di misurare accuratamente energia dei fotoni osservati, grazie a un sensore innovativo basato sui microcalorimetri»

Blazar colto sul fatto: cronaca di un’osservazione

21/05/2019

Noemi Iacolina, ricercatrice dell’Asi di stanza al Sardinia Radio Telescope (Srt), racconta a Media Inaf lo studio di follow up – condotto con i radiotelescopi di Medicina e Srt – di un brillamento del blazar Pks 1830-211 osservato da Agile alla fine di marzo

Oceano su Plutone, sotto una “coperta” di gas

20/05/2019

Secondo uno studio pubblicato su Nature Geoscience, al di sotto della superficie ghiacciata del bacino Sputnik Planitia di Plutone potrebbe trovarsi un oceano allo stato liquido. Questo sembra possibile grazie alla presenza di uno strato di gas idrati che, in base alle simulazioni presentate nello studio, potrebbe impedirne il congelamento