Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF IV meeting scientifico Gaia-ESO Survey

IV meeting scientifico Gaia-ESO Survey

Dal 4 all’8 settembre 2017 il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Catania ospiterà il IV meeting scientifico della Gaia-ESO Survey

Dal 4 all’8 settembre 2017 il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Catania ospiterà il IV meeting scientifico della Gaia-ESO Survey, una iniziativa a livello europeo per l’osservazione spettroscopica di un vasto campione di stelle rappresentative delle maggiori componenti della Via Lattea.

La Gaia-ESO Survey ha una forte connessione con la missione spaziale Gaia dell’ESA che, lanciata nel 2013,  sta producendo una mappa della nostra Galassia senza precedenti, destinata a cambiare in maniera sostanziale le nostre conoscenze in diversi campi dell’Astrofisica e della Cosmologia.

La Gaia-ESO Survey si avvia a completare la sua campagna osservativa al Very Large Telescope (VLT) dell’European Southern Observatory (ESO) all’osservatorio del Paranal, in Cile, che è, ad oggi, lo strumento ottico più avanzato al mondo, composto da quattro telescopi principali con specchi primari di 8,2 metri di diametro. Alla Gaia-ESO Survey sono state assegnate 300 notti di osservazioni in 5 anni condotte mediante il Fibre Large Array Multi Element Spectrograph (FLAMES), uno spettrografo a fibre ottiche, oggi considerato un prototipo degli spettrografi a multi-fibra di nuova generazione.

In vista anche della seconda data release di Gaia, attesa per aprile 2018, il meeting di Catania sarà un’eccellente occasione per discutere sulle sinergie con Gaia e sulle potenzialità dei risultati finali per l’avanzamento delle nostre conoscenze.

 

Per maggiori informazioni visitsa il sito web dell’evento.

archiviato sotto: ,

Gas serra visti dallo spazio, dal 1990 a oggi

23/04/2018

La quantità di metano rivelata è del 12 per cento superiore a quella misurata 28 anni fa, e anche l’anidride carbonica è cresciuta del 14 per cento. Con il consenso dell’autrice, Patrizia Caraveo, vi riproponiamo quest’articolo apparso ieri sul Sole 24 Ore

A Napoli, un sorso di scienza

21/04/2018

Dal 10 maggio al 27 luglio, all’Osservatorio astronomico dell'Inaf di Napoli, sei incontri serali di divulgazione scientifica aperti al pubblico. I partecipanti saranno accolti da un welcome drink sulla terrazza dell’Osservatorio. A chiudere le serate, osservazioni astronomiche del cielo

All’ombra dell’orizzonte degli eventi

20/04/2018

Possiamo distinguere un buco nero di Kerr da un buco nero dilatonico? Stando ai risultati pubblicati su Nature Astronomy dagli scienziati della Goethe University di Francoforte, al momento pare sia molto difficile. Abbiamo intervistato uno degli autori dello studio, l’astrofisico Luciano Rezzolla