Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF IV meeting scientifico Gaia-ESO Survey

IV meeting scientifico Gaia-ESO Survey

Dal 4 all’8 settembre 2017 il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Catania ospiterà il IV meeting scientifico della Gaia-ESO Survey

Dal 4 all’8 settembre 2017 il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Catania ospiterà il IV meeting scientifico della Gaia-ESO Survey, una iniziativa a livello europeo per l’osservazione spettroscopica di un vasto campione di stelle rappresentative delle maggiori componenti della Via Lattea.

La Gaia-ESO Survey ha una forte connessione con la missione spaziale Gaia dell’ESA che, lanciata nel 2013,  sta producendo una mappa della nostra Galassia senza precedenti, destinata a cambiare in maniera sostanziale le nostre conoscenze in diversi campi dell’Astrofisica e della Cosmologia.

La Gaia-ESO Survey si avvia a completare la sua campagna osservativa al Very Large Telescope (VLT) dell’European Southern Observatory (ESO) all’osservatorio del Paranal, in Cile, che è, ad oggi, lo strumento ottico più avanzato al mondo, composto da quattro telescopi principali con specchi primari di 8,2 metri di diametro. Alla Gaia-ESO Survey sono state assegnate 300 notti di osservazioni in 5 anni condotte mediante il Fibre Large Array Multi Element Spectrograph (FLAMES), uno spettrografo a fibre ottiche, oggi considerato un prototipo degli spettrografi a multi-fibra di nuova generazione.

In vista anche della seconda data release di Gaia, attesa per aprile 2018, il meeting di Catania sarà un’eccellente occasione per discutere sulle sinergie con Gaia e sulle potenzialità dei risultati finali per l’avanzamento delle nostre conoscenze.

 

Per maggiori informazioni visitsa il sito web dell’evento.

archiviato sotto: ,

L’intrigante atmosfera di Titano

18/02/2020

Grazie ad Alma, un gruppo di planetologi dell'Università di Tokyo ha trovato un'impronta chimica nell'atmosfera della luna più grande di Saturno che indica come i raggi cosmici provenienti dall'esterno del Sistema solare influenzino le reazioni chimiche coinvolte nella formazione di molecole organiche contenenti azoto. Si tratta della prima conferma osservativa di tali processi e ha implicazioni per la comprensione dell'ambiente di Titano. Tutti i dettagli su ApJ

Aurore extrasolari in onde radio

17/02/2020

Emissioni in banda radio da interazioni fra una stella e un suo pianeta: un tipo di “trasmissioni” che gli astronomi attendevano di ascoltare da almeno trent’anni. Ora, grazie alle antenne a bassa frequenza dell’array LoFar, ci sono riusciti. Il segnale arriva dalla nana rossa Gj 1151 e dal pianeta che le orbita attorno. Il risultato è pubblicato oggi su Nature Astronomy e apre le porte a una nuova tecnica per scoprire pianeti extrasolari

Eravamo Io, Venere e Tritone

14/02/2020

Alla fine ne resterà una sola, o al massimo due: sono le quattro nuove piccole missioni messe al vaglio dalla Nasa nell’ambito del programma Discovery. Due contemplerebbero le grazie bollenti di Venere, una studierebbe come la luna Io venga sommossa dalla passione gravitazionale di Giove, mentre l’ultima cercherebbe di cogliere un anelito di vita nell’algida Tritone, satellite di Nettuno