Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF IV meeting scientifico Gaia-ESO Survey

IV meeting scientifico Gaia-ESO Survey

Dal 4 all’8 settembre 2017 il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Catania ospiterà il IV meeting scientifico della Gaia-ESO Survey

Dal 4 all’8 settembre 2017 il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Catania ospiterà il IV meeting scientifico della Gaia-ESO Survey, una iniziativa a livello europeo per l’osservazione spettroscopica di un vasto campione di stelle rappresentative delle maggiori componenti della Via Lattea.

La Gaia-ESO Survey ha una forte connessione con la missione spaziale Gaia dell’ESA che, lanciata nel 2013,  sta producendo una mappa della nostra Galassia senza precedenti, destinata a cambiare in maniera sostanziale le nostre conoscenze in diversi campi dell’Astrofisica e della Cosmologia.

La Gaia-ESO Survey si avvia a completare la sua campagna osservativa al Very Large Telescope (VLT) dell’European Southern Observatory (ESO) all’osservatorio del Paranal, in Cile, che è, ad oggi, lo strumento ottico più avanzato al mondo, composto da quattro telescopi principali con specchi primari di 8,2 metri di diametro. Alla Gaia-ESO Survey sono state assegnate 300 notti di osservazioni in 5 anni condotte mediante il Fibre Large Array Multi Element Spectrograph (FLAMES), uno spettrografo a fibre ottiche, oggi considerato un prototipo degli spettrografi a multi-fibra di nuova generazione.

In vista anche della seconda data release di Gaia, attesa per aprile 2018, il meeting di Catania sarà un’eccellente occasione per discutere sulle sinergie con Gaia e sulle potenzialità dei risultati finali per l’avanzamento delle nostre conoscenze.

 

Per maggiori informazioni visitsa il sito web dell’evento.

archiviato sotto: ,

Universi emergenti da sfide tra reti neurali

17/05/2019

Per produrre mappe ultra-fedeli del lensing gravitazionale debole, un team di ricercatori di Berkeley ha progettato due reti neurali e le ha messe in competizione fra loro: una simula la realtà, l’altra decide se il prodotto è reale o simulato. E così gareggiando diventano sempre più abili. Ne parliamo con Massimo Meneghetti dell’Inaf di Bologna

Primo piano primitivo di Ultima Thule

17/05/2019

Un’immagine senza precedenti del corpo celeste più lontano mai visitato da un oggetto costruito dall’uomo. La sonda New Horizons è stata in grado di scrutare l'oggetto da vicino, rilevando le caratteristiche superficiali di Mu69. L’immagine si è meritata la copertina della rivista Science

Ngc 4485 messa a nudo da Hubble

17/05/2019

Immortalata dalla Wide Field Camera 3 del telescopio spaziale di Nasa ed Esa, è ciò che resta della piccola galassia dopo lo scontro titanico, avvenuto milioni di anni fa, con la galassia a spirale barrata Ngc 4490