Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF L’Università di Dubna conferisce a Massimo Capaccioli la Laurea ad Honorem

L’Università di Dubna conferisce a Massimo Capaccioli la Laurea ad Honorem

Massimo Capaccioli, professore emerito dell’Università Federico II di Napoli e già direttore dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte dell’INAF, ha ricevuto lunedì scorso la laurea Honoris Causa dall’Università di Dubna, in Russia

Massimo Capaccioli, professore emerito dell’Università Federico II di Napoli e già direttore dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte dell’INAF, ha ricevuto lunedì scorso la laurea Honoris Causa dall’Università di Dubna, in Russia. A consegnare il riconoscimento è stato Dmitri Farsaev, rettore dell’Ateneo della città che ospita l’Istituto Unito per la Ricerca Nucleare, fondato nel 1947 e dove ha lavorato anche il fisico italiano Bruno Pontecorvo.

Nella sua attività di ricerca, che spazia dalla dinamica ed evoluzione dei sistemi stellari alla cosmologia osservazionale, il prof. Capaccioli ha prodotto oltre 500 articoli scientifici. Tra I risultati più significativi quelli riguardanti la natura dei sistemi stellari “caldi”, l’abbondanza della materia oscura nell’universo e la scala delle distanze cosmiche.

Il trait d’union che lega il prof. Capaccioli alla Russia è senza dubbio il Telescopio VST (VLT Survey Telescope), ideato e realizzato durante il suo periodo alla guida dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte, in sinergia con lo European Southern Observatory. VST è un telescopio a grande campo, il più grande al mondo della sua categoria, che sta raccogliendo numerosi e importanti successi scientifici. Entrato in servizio nel 2011 presso l’Osservatorio di Cerro Paranal sulle Ande cilene, VST è equipaggiato con due “occhi” russi: specchi di altissima qualità, prodotti e lavorati dalla compagnia russa LZOS. Il legame dello scienziato italiano con l’Università di Dubna si è consolidato negli anni: Massimo Capaccioli infatti visita frequentemente l’Ateneo, dove tiene lezioni e trascorre periodi di studio.

archiviato sotto: ,

Multifrattali per capire come nascono le stelle

25/09/2018

In un articolo da poco apparso su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, Davide Elia dell'Inaf descrive i risultati dell’analisi multifrattale svolta sulle nubi molecolari in una porzione di piano galattico corrispondente alla Via Lattea esterna. I risultati mostrano come, grazie alla geometria frattale, sia possibile caratterizzare la struttura delle nubi interstellari, riscontrando sostanziali differenze tra regione e regione, con implicazioni dirette sulla formazione stellare

Catania: tempo di esami per i dischi di Ska

25/09/2018

Il progetto Square Kilometre Array si avvicina velocemente alla fine della fase di progettazione e la costruzione dovrebbe iniziare nei primi mesi del 2020, ma prima tutti i diversi gruppi devono passare l'esame delle temute "critical design review". Il gruppo italiano ci è riuscito con successo. L'intervista a Corrado Trigilio, Inaf di Catania

Oscura, ma necessaria

24/09/2018

Oggi su Nature Astronomy uno studio delle Università di Milano e Durham ribadisce la validità della teoria della relatività generale anche su scala cosmologica: l’energia oscura si conferma una presenza necessaria per spiegare il comportamento del nostro universo