Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF L’Università di Dubna conferisce a Massimo Capaccioli la Laurea ad Honorem

L’Università di Dubna conferisce a Massimo Capaccioli la Laurea ad Honorem

Massimo Capaccioli, professore emerito dell’Università Federico II di Napoli e già direttore dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte dell’INAF, ha ricevuto lunedì scorso la laurea Honoris Causa dall’Università di Dubna, in Russia

Massimo Capaccioli, professore emerito dell’Università Federico II di Napoli e già direttore dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte dell’INAF, ha ricevuto lunedì scorso la laurea Honoris Causa dall’Università di Dubna, in Russia. A consegnare il riconoscimento è stato Dmitri Farsaev, rettore dell’Ateneo della città che ospita l’Istituto Unito per la Ricerca Nucleare, fondato nel 1947 e dove ha lavorato anche il fisico italiano Bruno Pontecorvo.

Nella sua attività di ricerca, che spazia dalla dinamica ed evoluzione dei sistemi stellari alla cosmologia osservazionale, il prof. Capaccioli ha prodotto oltre 500 articoli scientifici. Tra I risultati più significativi quelli riguardanti la natura dei sistemi stellari “caldi”, l’abbondanza della materia oscura nell’universo e la scala delle distanze cosmiche.

Il trait d’union che lega il prof. Capaccioli alla Russia è senza dubbio il Telescopio VST (VLT Survey Telescope), ideato e realizzato durante il suo periodo alla guida dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte, in sinergia con lo European Southern Observatory. VST è un telescopio a grande campo, il più grande al mondo della sua categoria, che sta raccogliendo numerosi e importanti successi scientifici. Entrato in servizio nel 2011 presso l’Osservatorio di Cerro Paranal sulle Ande cilene, VST è equipaggiato con due “occhi” russi: specchi di altissima qualità, prodotti e lavorati dalla compagnia russa LZOS. Il legame dello scienziato italiano con l’Università di Dubna si è consolidato negli anni: Massimo Capaccioli infatti visita frequentemente l’Ateneo, dove tiene lezioni e trascorre periodi di studio.

archiviato sotto: ,

L’intrigante atmosfera di Titano

18/02/2020

Grazie ad Alma, un gruppo di planetologi dell'Università di Tokyo ha trovato un'impronta chimica nell'atmosfera della luna più grande di Saturno che indica come i raggi cosmici provenienti dall'esterno del Sistema solare influenzino le reazioni chimiche coinvolte nella formazione di molecole organiche contenenti azoto. Si tratta della prima conferma osservativa di tali processi e ha implicazioni per la comprensione dell'ambiente di Titano. Tutti i dettagli su ApJ

Aurore extrasolari in onde radio

17/02/2020

Emissioni in banda radio da interazioni fra una stella e un suo pianeta: un tipo di “trasmissioni” che gli astronomi attendevano di ascoltare da almeno trent’anni. Ora, grazie alle antenne a bassa frequenza dell’array LoFar, ci sono riusciti. Il segnale arriva dalla nana rossa Gj 1151 e dal pianeta che le orbita attorno. Il risultato è pubblicato oggi su Nature Astronomy e apre le porte a una nuova tecnica per scoprire pianeti extrasolari

Eravamo Io, Venere e Tritone

14/02/2020

Alla fine ne resterà una sola, o al massimo due: sono le quattro nuove piccole missioni messe al vaglio dalla Nasa nell’ambito del programma Discovery. Due contemplerebbero le grazie bollenti di Venere, una studierebbe come la luna Io venga sommossa dalla passione gravitazionale di Giove, mentre l’ultima cercherebbe di cogliere un anelito di vita nell’algida Tritone, satellite di Nettuno