Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF La comunità scientifica presenta i nuovi sviluppi dell’astronomia gravitazionale e multimessaggero

La comunità scientifica presenta i nuovi sviluppi dell’astronomia gravitazionale e multimessaggero

Lunedì 16 ottobre, a partire dalle 15 e 45, conferenza stampa congiunta INAF-ASI-INFN presso il Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca. Diretta streaming sul sito istituzionale MIUR e su Media INAF

L’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), L’Agenzia Spaziale Italiana (ASI),  e l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), organizzano una confernza stampa durante la quale verranno presentate nuove scoperte nell’ambito dell’astronomia gravitazionale e multimessaggero. L’evento sarà trasmesso in streaming dal sito del MIUR http://www.miur.gov.it e sul sito del notiziario online dell'INAF Media INAF.

Tre eventi simultanei si terranno a Washington, dove si svolgerà una conferenza stampa organizzata dalla collaborazione scientifica LIGO-VIRGO presso la National Science Foundation (NSF), a Monaco dove si svolgerà una conferenza stampa organizzata dallo European Southern Observatory (ESO) nel suo quartier generale di Garching, e a Venezia dove si terrà una conferenza stampa organizzata dalla European Space Agency (ESA). Il programma prevede, nei primi 30 minuti, il collegamento in diretta con Washington, Monaco e Venezia. L’evento proseguirà con gli scienziati italiani coinvolti nelle scoperte, i presidenti di ASI, INAF e INFN e alla presenza della Ministra Valeria Fedeli.

 

PROGRAMMA

 

Dalle 16:00

 

In diretta streaming da Washington e Garching

 

In collegamento da Venezia, Pietro Ubertini, del team Integral/ESA, e Arvind Parmar, ESA

 

Interventi in sala:

Paolo D’Avanzo, INAF

Immacolata Donnarumma, ASI

Gianluca Gemme, Coordinatore INFN di VIRGO

 

Conclusioni

Roberto Battiston, presidente ASI

Nichi D’Amico, presidente INAF

Fernando Ferroni, presidente INFN

 

Ministra MIUR, Sen. Valeria Fedeli

 

Domande e interviste


Modera: Andrea Bettini, giornalista RAI

archiviato sotto: ,

Comete fascinose e pianeti al tramonto

31/01/2023

Il mese di febbraio inizia subito con la cometa C/2022 E3 (Ztf), che proprio il primo giorno del mese passa alla distanza minima dalla Terra, e l'11 incontrerà (prospetticamente) il pianeta Marte. E finisce con un allineamento in cielo tra Venere e Giove, che si avvicinano sempre più, deliziandoci con tramonti imperdibili. Per chi ha nostalgia del Natale, l'ammasso del Presepe potrà essere osservato facilmente con un binocolo nella costellazione del Cancro

Eruzione “vulcanica” frena una magnetar

31/01/2023

Il 5 ottobre 2020 la magnetar Sgr 1935+2154, una stella di neutroni altamente magnetica posta a circa 30mila anni luce dalla Terra, ha rallentato improvvisamente la sua rotazione. La causa? Probabilmente, una frattura superficiale simile a un vulcano. È l’affascinante ipotesi suggerita da una recente ricerca condotta con i telescopi spaziali Xmm-Newton e Nicer, ora pubblicata su Nature Astronomy

Giovani stelle in formazione per Jwst

31/01/2023

Scrutando con il James Webb Space Telescope un noto ammasso di stelle all'interno della Piccola Nube di Magellano, un team di astronomi ha osservato numerose stelle appena nate e strutture di gas e polveri mai viste prima, che fanno luce sulla formazione stellare durante il “mezzogiorno cosmico”, più di dieci miliardi di anni fa. Con il commento di Katia Biazzo dell'Inaf di Roma, coautrice dell’articolo in pubblicazione su Nature Astronomy