Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF La Royal Astronomical Society premia Matt Taylor e il team di Planck

La Royal Astronomical Society premia Matt Taylor e il team di Planck

Assegnati dalla Royal Astronomical Society come riconoscimento annuale a individui o gruppi che hanno ottenuto risultati significativi, il Service Award for Geophysics e Group Achievement Award del 2018 sono andati, rispettivamente, allo scienziato di Rosetta e ai ricercatori della missione Esa per la cosmologia

Lo scienziato Matt Taylor dell’Agenzia spaziale europea ha ricevuto il Service Award for Geophysics 2018 dalla Royal Astronomical Society (Ras) per il suo contributo eccezionale alla missione Rosetta, mentre al team della missione Planck è andato il Group Achievement Award per i suoi straordinari risultati in cosmologia.

I due premi sono stati annunciati il 12 gennaio come riconoscimento annuale della Ras a individui o gruppi che hanno ottenuto risultati significativi nei campi dell'astronomia e della geofisica.

Leggi il comunicato stampa dell'Esa

archiviato sotto:

News planetarie da Ginevra… stay tuned

15/09/2019

Si apre ufficialmente oggi in Svizzera il convegno sulle scienze planetarie con la più ampia partecipazione mondiale. Uno sforzo congiunto Europa-Usa, nello specifico tra la Europlanet Society e l’American Astronomical Society, grazie al quale i maggiori esperti del sistemi planetari, dal nostro a quelli esterni, si incontrano per discutere le ultime novità sul campo

Inedita Vista sulla Grande Nube di Magellano

14/09/2019

Il telescopio Vista dell’Eso rivela una straordinaria immagine della Grande Nube di Magellano, una delle galassie più vicine alla nostra. Vista ha osservato questa galassia e la sua cugina, la Piccola Nube di Magellano, oltre ai loro dintorni, con dettagli senza precedenti

Clessidra gigante al centro della Via Lattea

13/09/2019

Un team internazionale di astronomi ha scoperto una delle caratteristiche più estese mai osservate prima in prossimità del centro della Via Lattea: una coppia di enormi bolle radio-emittenti che torreggiano centinaia di anni luce sopra e sotto la regione centrale della nostra galassia, come un’enorme clessidra. Tutti i dettagli su Nature