Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF La Royal Astronomical Society premia Matt Taylor e il team di Planck

La Royal Astronomical Society premia Matt Taylor e il team di Planck

Assegnati dalla Royal Astronomical Society come riconoscimento annuale a individui o gruppi che hanno ottenuto risultati significativi, il Service Award for Geophysics e Group Achievement Award del 2018 sono andati, rispettivamente, allo scienziato di Rosetta e ai ricercatori della missione Esa per la cosmologia

Lo scienziato Matt Taylor dell’Agenzia spaziale europea ha ricevuto il Service Award for Geophysics 2018 dalla Royal Astronomical Society (Ras) per il suo contributo eccezionale alla missione Rosetta, mentre al team della missione Planck è andato il Group Achievement Award per i suoi straordinari risultati in cosmologia.

I due premi sono stati annunciati il 12 gennaio come riconoscimento annuale della Ras a individui o gruppi che hanno ottenuto risultati significativi nei campi dell'astronomia e della geofisica.

Leggi il comunicato stampa dell'Esa

archiviato sotto:

La ragazza che amava “contare”

25/02/2020

Riccardo Giacconi (1931-2018). Fonte: Nobel Foundation archiveÈ morta ieri, all'età di 101 anni, la scienziata Katherine Johnson. La sua eredità include contributi che hanno permesso alla Nasa l’ingresso nella corsa allo spazio e la conquista della Luna

Dal Polo nord all’Africa, per studiare altri mondi

25/02/2020

Il progetto da 10 milioni di euro per garantire l’accesso alla più grande collezione al mondo di strutture per simulazioni e analisi planetarie, nonché una rete globale di piccoli telescopi, servizi dati e supporto alla comunità scientifica vede coinvolto anche l'Inaf con i suoi ricercatori, distribuiti su diverse sedi

Viaggio al centro di Marte

25/02/2020

Utilizzando rocce marziane e rilievi satellitari, due scienziati della Tohoku University hanno sviluppato un modello che descrive la struttura interna del Pianeta rosso, in base al quale la profondità del confine tra mantello e nucleo si trova a circa 1800 chilometri sotto la superficie. In accordo con tale modello, il nucleo dovrebbe contenere moderate quantità di zolfo, ossigeno e idrogeno