Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF La scomparsa dell'astrofisico Giancarlo Noci

La scomparsa dell'astrofisico Giancarlo Noci

Fu pioniere in Italia degli studi di fisica solare dallo spazio
La scomparsa dell'astrofisico Giancarlo Noci

Giancarlo Noci, sulla destra, insieme a Ester Antonucci e Giuseppe Tondello, a Cape Canaveral, in occasione del lancio di SoHO

Giancarlo Noci, già professore ordinario all’Università di Firenze, ha iniziato la sua carriera negli anni Sessanta con studi spettroscopici applicati alla fisica solare . È stato un pioniere in Italia per la fisica solare spaziale, collaborando scientificamente alle prime missioni spaziali solari americane (dagli OSO allo Skylab) e trascorrendo lunghi periodi presso laboratori e istituti sia in Inghilterra che negli USA.

Uno dei massimi esperti a livello internazionale del vento solare, ha sviluppato una tecnica coronografica per la misura della sua velocità.

Negli anni Ottanta ha contribuito allo sviluppo di strumentazione per lo spazio per la missione SOHO dell’agenzia spaziale europea come responsabile dello spettrometro dell’esperimento UVCS, portando la comunità solare italiana all'eccellenza nel campo della coronografia solare ultravioletta.

I colleghi del Dipartimento di Fisica e Astronomia dell'Università di Firenze, dell’INAF-Osservatorio Astrofisico di Arcetri e gli scienziati che hanno lavorato con lui  lo ricordano per la semplicità, la grande competenza e la dedizione con cui svolgeva il suo lavoro, ma anche per il suo lato umano  e per il suo carattere riflessivo,  sempre pronto alla battuta e all’ironia.

archiviato sotto: ,

A caccia di assioni, da Terra e dallo Spazio

25/01/2021

Un gruppo di scienziati ha cercato le tracce degli assioni nelle osservazioni X di Betelgeuse, senza trovarne alcuna. Lo studio – pubblicato su Physical Review Letters – ha permesso di porre dei vincoli alle proprietà di queste ipotetiche particelle tre volte più forti di quanto abbia mai fatto qualsiasi precedente esperimento di rilevamento condotto sulla Terra. Media Inaf ha intervistato uno degli autori, Oscar Straniero, astrofisico all’Inaf d’Abruzzo

Collisioni galattiche, buchi neri a stecchetto

25/01/2021

Secondo uno studio condotto da ricercatori dell'Università di Tokyo, le collisioni frontali tra galassie attive possono ridurre l’attività dei buchi neri massicci che ospitano al loro centro, spazzando via il disco di accrescimento contenente la materia di cui si nutrono

L’asse di Saturno al traino di un Titano

25/01/2021

In uno studio a coordinamento francese pubblicato su Nature Astronomy, tre ricercatori – tra cui l’italiano Giacomo Lari dell’Università di Pisa – esaminano l’asse di rotazione di Saturno e individuano nel rapido allontanamento di Titano, il più grande dei suoi satelliti, il responsabile degli attuali 27 gradi di inclinazione. La scoperta, controcorrente rispetto alle teorie finora accettate, potrebbe avere implicazioni anche nello studio dei pianeti extrasolari