Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Le vincitrici dell’XI Edizione del Premio Tacchini

Le vincitrici dell’XI Edizione del Premio Tacchini

Flavia Dell’Agli dell’Università di Roma “La Sapienza” e Bianca Salmaso dell’Università dell’Insubria e INAF-Osservatorio Astromomico di Brera si sono aggiudicate il premio promosso dalla SAIt

Con la designazione dei vincitori e la premiazione, avvenuta presso la Sala Convegni del CNR a Roma durante la cerimonia d’inaugurazione del LX Congresso della Società Astronomica Italiana (SAIt), si è conclusa l’XI Edizione del Premio “P. Tacchini”, promosso dalla SAIt e dedicato alle tesi di dottorato di ricerca a carattere astrofisico.

La commissione esaminatrice, composta dal prof. Salvatore Sciortino, dalla prof.ssa Monica Tosi, dalla dott.ssa Marcella Marconi, dal dott. Luciano Burderi e dalla prof.ssa Alessandra Rotundi ha proclamato vincitori, per l’Area generale, la  Dott.ssa Flavia Dell’Agli dell’Università di Roma “La Sapienza” con una tesi di dottorato incentrata sullo studio della produzione di polvere nei venti di stelle durante la fase di ramo asintotico delle giganti (AGB) e, per l’Area tecnologica, la Dott.ssa Bianca Salmaso dell’Università dell’Insubria e INAF-Osservatorio Astromomico di Brera, con una tesi sullo sviluppo di specchi radenti per futuri telescopi in raggi X, in grado di combinare grandi aree efficaci e ottime caratteristiche di imaging.

Flavia Dell'Agli                            Bianca Salmaso

Maggiori informazioni sul Premio Tacchini e sulle tesi vincitrici sono disponibili sul sito web della Società Astronomica Italiana.

archiviato sotto: ,

Stesse stelle, stesso ciclo?

22/09/2017

Ben poco si sa sulla periodicità dell’attività coronale delle stelle, osservabile ai raggi X: mancano infatti osservazioni di stelle a lungo termine in banda X. Ma c'è un'eccezione: il monitoraggio, lungo ben 15 anni, della stella HD 81809, realizzato con XMM/Newton

Eruzione solare “fotobomba” la cometa

22/09/2017

La “fotografia” che vale una vita… e proprio in quel momento qualcuno si mette in mezzo: tre anni fa, una bolla di plasma solare ha disturbato l’irripetibile osservazione del passaggio di una cometa vicinissima a Marte. Ma c’è qualcosa da imparare anche da questo, come dimostra un nuovo studio presentato al Congresso europeo di scienze planetarie, in corso a Riga

L’Esa punta in alto: l’obiettivo è la Luna

22/09/2017

Il futuro è il nostro satellite naturale, che dopo anni di esplorazioni nasconde ancora molti misteri. La Luna potrebbe essere usata come un trampolino di lancio verso il futuro dell'esplorazione dello spazio profondo, magari con equipaggi umani