Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Le vincitrici dell’XI Edizione del Premio Tacchini

Le vincitrici dell’XI Edizione del Premio Tacchini

Flavia Dell’Agli dell’Università di Roma “La Sapienza” e Bianca Salmaso dell’Università dell’Insubria e INAF-Osservatorio Astromomico di Brera si sono aggiudicate il premio promosso dalla SAIt

Con la designazione dei vincitori e la premiazione, avvenuta presso la Sala Convegni del CNR a Roma durante la cerimonia d’inaugurazione del LX Congresso della Società Astronomica Italiana (SAIt), si è conclusa l’XI Edizione del Premio “P. Tacchini”, promosso dalla SAIt e dedicato alle tesi di dottorato di ricerca a carattere astrofisico.

La commissione esaminatrice, composta dal prof. Salvatore Sciortino, dalla prof.ssa Monica Tosi, dalla dott.ssa Marcella Marconi, dal dott. Luciano Burderi e dalla prof.ssa Alessandra Rotundi ha proclamato vincitori, per l’Area generale, la  Dott.ssa Flavia Dell’Agli dell’Università di Roma “La Sapienza” con una tesi di dottorato incentrata sullo studio della produzione di polvere nei venti di stelle durante la fase di ramo asintotico delle giganti (AGB) e, per l’Area tecnologica, la Dott.ssa Bianca Salmaso dell’Università dell’Insubria e INAF-Osservatorio Astromomico di Brera, con una tesi sullo sviluppo di specchi radenti per futuri telescopi in raggi X, in grado di combinare grandi aree efficaci e ottime caratteristiche di imaging.

Flavia Dell'Agli                            Bianca Salmaso

Maggiori informazioni sul Premio Tacchini e sulle tesi vincitrici sono disponibili sul sito web della Società Astronomica Italiana.

archiviato sotto: ,

Quel vedo non vedo della costellazione Starlink

26/05/2020

L'obiettivo delle ultime modifiche che SpaceX intende apportare ai futuri satelliti Starlink è di renderli invisibili a occhio nudo e ridurre al minimo il loro impatto sulla ricerca astronomica, garantendo che qualunque effetto essi possano avere non ostacoli la capacità degli scienziati di fare nuove scoperte. Ma cosa ne pensa la Commissione Inaf di esperti per la valutazione dell’impatto delle costellazioni di nano-satelliti circa le nuove misure proposte dall'azienda di Elon Musk? Sono soddifacenti? «Al momento onestamente no», dice a Media Inaf Adriano Fontana

Starlink all’ombra delle visiere parasole

26/05/2020

La costellazione di satelliti Starlink si propone di fornire connettività a banda larga in tutto il mondo, ma la sfida di SpaceX si sta dimostrando piuttosto invasiva per chi vorrebbe continuare a osservare un cielo libero da treni di puntini che lo attraversano. Molte sono le critiche sollevate, soprattutto nel campo della ricerca astrofisica, e l’azienda di Elon Musk sta lavorando con gli astronomi di tutto il mondo per comprendere meglio le specifiche delle osservazioni astronomiche e i cambiamenti tecnici che occorre apportare ai satelliti per ridurne la luminosità. In questo lungo approfondimento vediamo insieme le modifiche proposte che dovrebbero essere implementate già dal prossimo giugno

Espresso prende meglio le misure a Proxima b

26/05/2020

Grazie alle accuratissime misure dello spettrografo Espresso, un gruppo internazionale di ricercatori, tra cui alcuni dell’Istituto nazionale di astrofisica, è riuscito a determinare la massa minima di Proxima b – circa il venti per cento più grande di quella della Terra – con una precisione quattro volte migliore a quella delle misure che ne consentirono la scoperta