Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF L'INAF in visita al Parco Astronomico delle Madonie

L'INAF in visita al Parco Astronomico delle Madonie

Il 9 luglio scorso il presidente dell’Istituto Nazionale di Astrofisica Nicolò D’Amico si è recato in visita presso il Parco Astronomico delle Madonie, che sarà inaugurato nei primi giorni di settembre prossimo. Roberto Battiston (presidente ASI): "Il Parco Astronomico delle Madonie è un’operazione di scienza e divulgazione di grande respiro, con un’importanza potenziale enorme per il sud dell’Italia"
L'INAF in visita al Parco Astronomico delle Madonie

Il presidente INAF Nicolò D'Amico (a destra) con il Sindaco di Isnello Giuseppe Mogavero

Il 9 luglio scorso il presidente dell’Istituto Nazionale di Astrofisica Nicolò D’Amico si è recato in visita presso il Parco Astronomico delle Madonie (PAM) nel comune di Isnello, in provincia di Palermo, che sarà inaugurato nei primi giorni di settembre prossimo. Alla visita hanno partecipato Giusi Micela, Direttrice dell’INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo, Salvatore Sciortino, Responsabile presso la Presidenza dell’INAF delle relazioni con le università, enti di ricerca e enti territoriali, e Antonio Maggio, astronomo dell’INAF – Osservatorio Astronomico di Palermo.

Giuseppe Mogavero, sindaco di Isnello, ha guidato la delegazione INAF nella visita delle varie infrastrutture che compongono il Parco, alla cui progettazione hanno attivamente collaborato varie strutture INAF sul territorio nazionale. La visita dapprima ha interessato il sito osservativo di monte Mufara a Piano Battaglia, in via di realizzazione, che ospiterà un telescopio con lo specchio principale da un metro di diametro. Lo strumento a grande campo, completamente automatizzato, sarà gestito tramite una stazione a controllo remoto, già ultimata e verrà utilizzato per scopi di ricerca scientifica, di interesse di agenzie spaziali e istituti di ricerca di tutto il mondo, che ne hanno raccomandato la realizzazione, e include osservazioni di fenomeni transienti, supernove, asteroidi e pianeti extrasolari.

La seconda parte della visita ha invece riguardato la struttura divulgativa del Parco Astronomico, ormai prossima al completamento. Costituita da una struttura museale – espositiva, una batteria di 12 telescopi amatoriali, un parco di orologi solari all’aperto e un moderno planetario da 75 posti. Questa struttura ha l’obiettivo di diventare un centro di attrazione per il turismo culturale di tutte le età.

"La progettazione di queste infrastrutture - ha commentato il Presidente D’Amico - ha colto in modo formidabile tutte le raccomandazioni di autorevoli istituzioni scientifiche internazionali, fra cui la NASA, l’ESA, l’ASI. Il Parco Astronomico delle Madonie coniuga sia aspetti di ricerca avanzata che di divulgazione scientifica di grande rilevanza culturale e di impatto sul territorio. L’INAF, che ha in carico la gestione del finanziamento annuale allocato dal MIUR a questa iniziativa, giocherà un ruolo importante in questa impresa: ricordo che la diffusione della cultura astronomica verso il pubblico, già a partire dai più piccoli, è uno degli obiettivi fondanti del nostro Istituto".

"Il Parco Astronomico delle Madonie è un’operazione di scienza e divulgazione di grande respiro, con un’importanza potenziale enorme per il sud dell’Italia”, ha detto il Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Roberto Battiston. “Le discipline scientifiche sono molteplici mentre gli aspetti divulgativi ed educativi possono costituire un motore essenziale per la creazione di vocazioni scientifiche non solo per il Sud ma per tutto il territorio italiano. È un esempio di best practice di come un piccolo comune possa impegnarsi in un grande progetto".

archiviato sotto: ,

E se le Nubi di Magellano fossero state un trio?

24/09/2018

Una nuova ipotesi, nata dall'osservazione del movimento delle stelle nella Grande Nube di Magellano, fa pensare che in origine la famosa coppia di galassie - visibili a occhio nudo nell'emisfero australe - fosse un terzetto, ma due di loro si sarebbero successivamente fuse tra tre e cinque miliardi di anni fa

Su quell’asteroide qualcosa si muove

23/09/2018

Impresa storica per la missione giapponese Hayabusa-2: i due moduli Rover-1A e Rover-1B sono approdati su Ryugu e funzionano correttamente, saltellando come grilli sull’asteroide e inviando a Terra le immagini. «È la prima volta che l’uomo manda sulla superficie di un piccolo corpo planetario un robot mobile», commenta entusiasta Ernesto Palomba dell’Inaf di Roma

I saltellanti Minerva arrivano su Ryugu

21/09/2018

I tre mini-rover, poco più di un kg ciascuno, hanno il compito di generare immagini stereo della superficie di Ryugu. Non hanno le ruote, quindi per muoversi sull'asteroide dovranno saltellare