Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF L'Italia in Gaia

L'Italia in Gaia

Si terrà il 14 febbraio prossimo presso la Sede Centrale dell'INAF a Roma il workshop dedicato alla partecipazione italiana nella missione Gaia dell'ESA, dalle "operations" alle ricadute di breve, medio e lungo termine per la ricerca scientifica nazionale.

Il workshop “L'Italia in Gaia”, a 8 mesi dal lancio dell'esperimento Gaia dell'ESA previsto per il 21 ottobre di quest'anno, si prefigge di dettagliare al management dell'INAF (Presidenza, CdA, DS e DG) e agli altri organi scientifici (Consiglio Scientifico, comitati di macroarea e direzioni locali) l'impegno, primo in Europa insieme a quello francese, della comunità nazionale nella fase operativa della missione e quindi favorire una visione strategica nazionale di medio e lungo termine in vista dell'impatto che questa missione avrà sul sistema ricerca mondiale nei campi della fisica del Sistema Solare, dei pianeti extrasolari, dell'astrofisica stellare e Galattica, della cosmologia e fisica della gravitazione.

"L'Italia in Gaia" è organizzato dall'Unità Esplorazione ed Osservazione dell'Universo (EOS) dell'ASI in collaborazione con la Direzione Scientifica, l'Ufficio Spazio dell'INAF e l'Osservatorio Astrofisico di Torino dell'INAF.

Per maggiori informazioni:

Il sito web del workshop

Il sito web dedicato alla partecipazione italiana alla missione Gaia

La strana coppia da record

26/10/2020

Un gruppo di ricerca internazionale guidato dal Max Planck Institute for Gravitational Physics ha identificato una misteriosa sorgente di raggi gamma. Si tratta di un sistema binario da record: una pesante stella di neutroni con una compagna di massa molto bassa a solo 1.3 volte la distanza Terra-Luna, che le orbita attorno in 75 minuti, a una velocità di oltre 700 chilometri al secondo. Tutti i dettagli su ApJ Letters

L’ingrediente segreto dei potenti getti dei quasar

26/10/2020

Perché alcuni buchi neri supermassicci emettono getti di materia di grande potenza e altri no? Una possibile risposta arriva da uno studio condotto su oltre 700 quasar con Chandra, Xmm-Newton, Rosat, il Very Large Array e la Sloan Digital Sky Survey

Osiris-Rex, il raccolto è andato bene. Forse troppo

24/10/2020

Le prime immagini inviate a Terra mostrano una perdita di materiale dalla testa raccogli-campioni, che non si è chiusa in modo corretto. Segno che sicuramente polvere e rocce sono state raccolte, pare ben più dei 60 grammi indicati come obiettivo minimo. Ma una parte è già fuoriuscita, e la Nasa sta correndo ai ripari per mettere in salvo al più presto quel che resta del prezioso carico