Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF L'Italia in Gaia

L'Italia in Gaia

Si terrà il 14 febbraio prossimo presso la Sede Centrale dell'INAF a Roma il workshop dedicato alla partecipazione italiana nella missione Gaia dell'ESA, dalle "operations" alle ricadute di breve, medio e lungo termine per la ricerca scientifica nazionale.

Il workshop “L'Italia in Gaia”, a 8 mesi dal lancio dell'esperimento Gaia dell'ESA previsto per il 21 ottobre di quest'anno, si prefigge di dettagliare al management dell'INAF (Presidenza, CdA, DS e DG) e agli altri organi scientifici (Consiglio Scientifico, comitati di macroarea e direzioni locali) l'impegno, primo in Europa insieme a quello francese, della comunità nazionale nella fase operativa della missione e quindi favorire una visione strategica nazionale di medio e lungo termine in vista dell'impatto che questa missione avrà sul sistema ricerca mondiale nei campi della fisica del Sistema Solare, dei pianeti extrasolari, dell'astrofisica stellare e Galattica, della cosmologia e fisica della gravitazione.

"L'Italia in Gaia" è organizzato dall'Unità Esplorazione ed Osservazione dell'Universo (EOS) dell'ASI in collaborazione con la Direzione Scientifica, l'Ufficio Spazio dell'INAF e l'Osservatorio Astrofisico di Torino dell'INAF.

Per maggiori informazioni:

Il sito web del workshop

Il sito web dedicato alla partecipazione italiana alla missione Gaia

Perseverance porterà 11 milioni di nomi su Marte

27/03/2020

Per ora l’agenda della missione non ha subito rallentamenti a causa della pandemia in corso. Il lancio è ancora previsto per questa estate. Come è già accaduto con InSight, la missione Mars 2020 dà molta importanza agli appassionati di Marte e porterà con sé 3 microchip con ben 10,9 milioni di nomi

Variabili cataclismiche come farfalle nello spazio

27/03/2020

Un nuovo studio basato su massicce simulazioni al computer supporta le previsioni di 35 anni fa sulle binarie cataclismiche, proponendo una teoria unificata per queste stelle e mostrando che le nove osservabili sono solo la punta dell'iceberg. Tutti i dettagli su Nature Astronomy

Fuga dal pianeta rovesciato

27/03/2020

In un recente studio pubblicato su Geophysical Research Letters i ricercatori hanno scoperto che, al momento del flyby del Voyager 2 avvenuto il 24 gennaio 1986, nella coda della magnetosfera di Urano c'era un plasmoide – formato in gran parte da idrogeno ionizzato – in fuga dal pianeta. Si tratta della prima rilevazione di un plasmoide nella magnetosfera di un gigante ghiacciato e rappresenta, per Urano, un importante meccanismo per la perdita dell'atmosfera