Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Italia e Sud Africa unite nelle strategie scientifiche del futuro

Italia e Sud Africa unite nelle strategie scientifiche del futuro

Si è svolta a Pretoria la quinta edizione dell’Ambrosetti South Africa-Italy Summit guidato dal Vice Ministro del MIUR Lorenzo Fioramonti e al quale ha partecipato anche il presidente dell'INAF Nichi D'Amico

Si è svolta a Pretoria la quinta edizione dell’Ambrosetti South Africa-Italy Summit guidato dal Vice Ministro del MIUR Lorenzo Fioramonti. Nel corso della “due giorni” recentemente conclusa, si è svolto anche il primo Workshop dedicato alle collaborazioni nella radioastronomia, alla cui sessione di apertura hanno preso parte lo stesso Viceministro, il nostro Ambasciatore a Pretoria, una folta schiera di nostre ricercatrici e ricercatori, e il presidente dell’Istituto Nazionale di Astrofisica Nichi D’Amico che ha altresì partecipato, in qualità di speaker, al Summit Ambrosetti Italia Sud-Africa.

Da entrambi gli eventi è emerso il crescente livello di collaborazione fra i due Paesi, collaborazione nella quale il ruolo dello sviluppo dello Square Killmetre Array e del suo precursore, l’array sudafricano MeerKat,  sono asset portanti anche per le implicazioni tecnologiche e strategiche.

In particolare è emersa la funzione di crescita del capitale umano che gli investimenti in questo settore possono generare con immediate ricadute in ambito economico. il Viceministro ha ricordato la centralità che ricerca e sviluppo avranno per l’economia del XXI secolo. In questo contesto, ha ricordato l’enorme potenziale materiale e umano del continente africano, già evidente in alcuni sviluppi tecnologici in atto in Africa e troppo spesso non abbastanza riconosciuti: da qui deriva la volontà di rafforzare la collaborazione con il Sudafrica nella ricerca e nella tecnologia.

In questo contesto, la radioastronomia è riconosciuta come una delle tematiche chiave per lo sviluppo in Sudafrica, e il coinvolgimento di entrambi i Paesi in SKA rappresenta il terreno naturale per consolidare collaborazioni scientifiche e tecnologiche.

Il meeting, organizzato nell'ambito del Progetto di Grande Rilevanza MAECI tra Italia e Sudafrica RADIO SKY 2020, ha portato l'accento su temi specifici quali la necessità di creare legami più solidi tra lo sviluppo tecnologico e le realtà industriali di entrambi i Paesi; l'impatto dell'enorme mole di dati che già ora è necessario maneggiare e visualizzare; l'importanza delle collaborazioni scientifiche nella crescita e formazione del capitale umano in entrambi i Paesi; e in ultimo, ma non meno importante, il ruolo del Very Long Baseline Interferometry nell'ambito di SKA, e l'auspicata sinergia tra le antenne italiane e l'African VLBI Network, attualmente in via di sviluppo.

foto-ambasciata-pretoria.jpg Il workshop ha evidenziato che le collaborazioni scientifiche e tecnologiche tra i due Paesi sono molto floride. Il coinvolgimento di giovani ricercatori e studenti di dottorato in progetti congiunti improntati sull'utilizzo di MeerKAT (l'interferometro sudafricano costituito da 64 antenne che e' appena entrato nel pieno utilizzo e che rappresenta il primo nucleo di SKA) dimostra che il cosiddetto "knowledge transfer" generazionale e' pienamente attivo, e posiziona ottimamente l'Italia per quanto riguarda le competenze necessarie a far fronte alle nuove sfide che l'impressionante sviluppo della radioastronomia sta richiedendo.

Le nuove esigenze di calcolo stanno aprendo scenari quasi fantascientifici per quanto riguarda il cosiddetto "machine learning", e l'entusiasmante passaggio da visualizzazione a realta' virtuale e' ormai prossimo. I radiotelescopi italiani, la cui posizione rispetto all'Africa e al Sudafrica in particolare, è molto privilegiata, hanno il potenziale di giocare un ruolo insostituibile nell'ambito SKA-VLBI.

Sia dal Workshop sulla RadioAstronomia che dal Forum Ambrosetti Italia Sud-Africa è emerso il crescente livello di collaborazione fra i due Paesi, collaborazione nella quale il ruolo dello sviluppo dello Square Killmetre Array e dell’array sudafricano MeerKat sono asset portanti anche per le implicazioni tecnologiche e strategiche.

In particolare è emersa la rilevante prospettiva di crescita del capitale umano che gli investimenti in questo settore possono generare con immediate ricadute in ambito economico.

archiviato sotto: ,

Se il quasar ha i bassi un po’ attenuati

18/03/2019

Un team internazionale di astrofisici ha scoperto che il getto di un quasar, a grandi lunghezze d’onda, è meno potente del previsto. Il risultato, pubblicato su The Astrophysical Journal, rappresenta un passo avanti nella comprensione dei processi all’origine dei jet emessi da questi mostri cosmici

La vorticosa danza della baby stella binaria

18/03/2019

Per la prima volta è stata osservata “in tempo reale” la nascita di un sistema binario con con stelle di grande massa. Allo studio, pubblicato oggi sulla rivista Nature Astronomy, ha partecipato anche Maria Teresa Beltrán, ricercatrice dell’Istituto nazionale di astrofisica a Firenze

Gaia confusa dai getti degli Agn

15/03/2019

Da un confronto tra i dati di Gaia e quelli dei radiotelescopi è emerso un errore sistematico nelle misure fatte dal telescopio spaziale Esa circa le coordinate di un'intera classe di oggetti celesti, i nuclei galattici attivi. Le mappe spaziali più accurate sono quelle che si basano su osservazioni orbitali corrette con quelle dei radiotelescopi terrestri. Tutti i dettagli su ApJ