Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Modifiche ed integrazioni del Codice di comportamento dell'INAF

Modifiche ed integrazioni del Codice di comportamento dell'INAF

Al via la procedura di consultazione pubblica sul nuovo testo.

Si rende noto che, con delibera del 21 dicembre 2017, numero 111, il Consiglio di Amministrazione ha approvato alcune modifiche ed integrazioni al Codice di comportamento dell’Istituto Nazionale di Astrofisica.

Il nuovo testo viene oggi sottoposto agli stakeholder dell’Ente per acquisire ulteriori proposte di emendamenti che saranno successivamente vagliate dal Consiglio di Amministrazione per l’approvazione definitiva, previo parere dell’Organismo Indipendente di Valutazione della performance.

La consultazione sarà attiva fino al 26 gennaio e le proposte potranno essere inviate all’indirizzo email codice.comportamento@inaf.it.

Per consultare il nuovo Codice di comportamento adottato dal Consiglio di Amministrazione, cliccate qui (in rosso, nel testo, i commi oggetto di modifiche ed integrazioni).

archiviato sotto: ,

La Cina è quantisticamente vicina

19/01/2018

Il satellite cinese Micius ha permesso di dimostrare la fattibilità concreta di un collegamento internet intercontinentale ultra-sicuro facendo comunicare Pechino con Graz, in Austria, attraverso un sistema di crittografia quantistica basato sulla trasmissione di un singolo fotone

Scienza in scena a Milano

19/01/2018

Lo spettacolo ”Starlight”, opera teatrale sulla storia dell'astrofisica in Italia di e con Filippo Tognazzo, sarà per la prima volta a Milano il 27 e 28 gennaio al Pacta dei teatri durante il festival ”Scienza in scena Atto 1”

A un neutrone dal buco nero

19/01/2018

Quanto può essere massiccia una stella di neutroni? Lo ha stabilito Luciano Rezzolla, dell’Istituto di studi avanzati di Francoforte, combinando le osservazioni delle onde gravitazioni prodotte dalla fusione di un sistema binario di stelle di neutroni con le relazioni quasi-universali presentate dallo stesso autore nel 2016. Media Inaf lo ha intervistato