Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Modifiche ed integrazioni del Codice di comportamento dell'INAF

Modifiche ed integrazioni del Codice di comportamento dell'INAF

Al via la procedura di consultazione pubblica sul nuovo testo.

Si rende noto che, con delibera del 21 dicembre 2017, numero 111, il Consiglio di Amministrazione ha approvato alcune modifiche ed integrazioni al Codice di comportamento dell’Istituto Nazionale di Astrofisica.

Il nuovo testo viene oggi sottoposto agli stakeholder dell’Ente per acquisire ulteriori proposte di emendamenti che saranno successivamente vagliate dal Consiglio di Amministrazione per l’approvazione definitiva, previo parere dell’Organismo Indipendente di Valutazione della performance.

La consultazione sarà attiva fino al 26 gennaio e le proposte potranno essere inviate all’indirizzo email codice.comportamento@inaf.it.

Per consultare il nuovo Codice di comportamento adottato dal Consiglio di Amministrazione, cliccate qui (in rosso, nel testo, i commi oggetto di modifiche ed integrazioni).

archiviato sotto: ,

Gas serra visti dallo spazio, dal 1990 a oggi

23/04/2018

La quantità di metano rivelata è del 12 per cento superiore a quella misurata 28 anni fa, e anche l’anidride carbonica è cresciuta del 14 per cento. Con il consenso dell’autrice, Patrizia Caraveo, vi riproponiamo quest’articolo apparso ieri sul Sole 24 Ore

A Napoli, un sorso di scienza

21/04/2018

Dal 10 maggio al 27 luglio, all’Osservatorio astronomico dell'Inaf di Napoli, sei incontri serali di divulgazione scientifica aperti al pubblico. I partecipanti saranno accolti da un welcome drink sulla terrazza dell’Osservatorio. A chiudere le serate, osservazioni astronomiche del cielo

All’ombra dell’orizzonte degli eventi

20/04/2018

Possiamo distinguere un buco nero di Kerr da un buco nero dilatonico? Stando ai risultati pubblicati su Nature Astronomy dagli scienziati della Goethe University di Francoforte, al momento pare sia molto difficile. Abbiamo intervistato uno degli autori dello studio, l’astrofisico Luciano Rezzolla