Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Nominato il nuovo Consiglio Scientifico dell'INAF

Nominato il nuovo Consiglio Scientifico dell'INAF

Il Consiglio di Amministrazione, nella seduta del 13 gennaio scorso, ha deliberato in merito alla nomina dei nuovi componenti del CS

Nella seduta del 13 gennaio u.s., il Consiglio di Amministrazione, a seguito delle elezioni dei Comitati di Macroarea tematica ed acquisita la proposta del Presidente ai sensi dell'art. 8, comma 6, dello Statuto dell'INAF, ha nominato i nuovi componenti del Consiglio Scientifico dell'Istituto.

Di seguito i nominativi dei nuovi componenti del C.S.:

  • Stefano Cristiani                (componente Macroarea 1)
  • Marcella Marconi                (componente Macroarea 2)
  • Maria Teresa Rosa Capria  (componente Macroarea 3)
  • Sandro Mereghetti             (componente Macroarea 4)
  • Demetrio Magrin                (componente Macroarea 5)
  • Monica Colpi                      (componente designata)
  • Alberto Franceschini          (componente designato).

News planetarie da Ginevra… stay tuned

15/09/2019

Si apre ufficialmente oggi in Svizzera il convegno sulle scienze planetarie con la più ampia partecipazione mondiale. Uno sforzo congiunto Europa-Usa, nello specifico tra la Europlanet Society e l’American Astronomical Society, grazie al quale i maggiori esperti del sistemi planetari, dal nostro a quelli esterni, si incontrano per discutere le ultime novità sul campo

Inedita Vista sulla Grande Nube di Magellano

14/09/2019

Il telescopio Vista dell’Eso rivela una straordinaria immagine della Grande Nube di Magellano, una delle galassie più vicine alla nostra. Vista ha osservato questa galassia e la sua cugina, la Piccola Nube di Magellano, oltre ai loro dintorni, con dettagli senza precedenti

Clessidra gigante al centro della Via Lattea

13/09/2019

Un team internazionale di astronomi ha scoperto una delle caratteristiche più estese mai osservate prima in prossimità del centro della Via Lattea: una coppia di enormi bolle radio-emittenti che torreggiano centinaia di anni luce sopra e sotto la regione centrale della nostra galassia, come un’enorme clessidra. Tutti i dettagli su Nature