Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Filippo Zerbi è il nuovo Direttore Scientifico dell'INAF

Filippo Zerbi è il nuovo Direttore Scientifico dell'INAF

Nella seduta del 21 marzo 2016 il Consiglio di Amministrazione dell’Ente ha nominato il dottor Filippo Maria Zerbi Direttore Scientifico dell'Istituto Nazionale di Astrofisica. Il messaggio di benvenuto del presidente e del CdA dell'INAF

Nella seduta del 21 marzo 2016 il Consiglio di Amministrazione dell’Ente ha nominato il dottor Filippo Maria Zerbi (qui il suo curriculum vitae), primo ricercatore presso l'INAF-Osservatorio Astronomico di Brera, Direttore Scientifico dell'Istituto Nazionale di Astrofisica.

«Filippo Zerbi ha già fatto parte della Direzione Scientifica, affiancando il Direttore uscente Paolo Vettolani, e questo costituirà per lui un vantaggio, perché ha certamente maturato consapevolezza della complessità del suo nuovo incarico - dice Nicolò D'Amico, presidente dell'Istituto Nazionale di Astrofisica - ma costituirà allo stesso tempo una certa difficoltà, perché in qualche modo il CdA sta riaggiustando le regole del gioco, ripristinando il principio statutario di separazione tra compiti e responsabilità d’indirizzo, compiti e responsabilità di gestione e compiti e responsabilità di valutazione.  Sono  anche   maturate in CdA nuove linee guida per l’organizzazione della Direzione Scientifica in articolazioni di stampo dipartimentale. L’idea di queste articolazioni è quella di creare meccanismi di coordinamento forte delle risorse umane, strumentali ed economiche di cui disponiamo nei principali settori dell’astronomia moderna e che sono di norma distribuite fra differenti Strutture, così da presentarsi sui grandi tavoli nazionali e internazionali con più forza e autorevolezza. Su questi fronti, il Presidente e il CdA contano molto sugli  skill personali di Filippo, al quale auguriamo buon lavoro».

archiviato sotto: ,

Luce verde per il misura-fotoni di Athena

21/05/2019

Si chiama “X-ray Integral Field Unit” e sarà posta sul piano focale del telescopio spaziale Athena dell’Esa. Luigi Piro (Inaf): «Permetterà di misurare accuratamente energia dei fotoni osservati, grazie a un sensore innovativo basato sui microcalorimetri»

Blazar colto sul fatto: cronaca di un’osservazione

21/05/2019

Noemi Iacolina, ricercatrice dell’Asi di stanza al Sardinia Radio Telescope (Srt), racconta a Media Inaf lo studio di follow up – condotto con i radiotelescopi di Medicina e Srt – di un brillamento del blazar Pks 1830-211 osservato da Agile alla fine di marzo

Oceano su Plutone, sotto una “coperta” di gas

20/05/2019

Secondo uno studio pubblicato su Nature Geoscience, al di sotto della superficie ghiacciata del bacino Sputnik Planitia di Plutone potrebbe trovarsi un oceano allo stato liquido. Questo sembra possibile grazie alla presenza di uno strato di gas idrati che, in base alle simulazioni presentate nello studio, potrebbe impedirne il congelamento