Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Filippo Zerbi è il nuovo Direttore Scientifico dell'INAF

Filippo Zerbi è il nuovo Direttore Scientifico dell'INAF

Nella seduta del 21 marzo 2016 il Consiglio di Amministrazione dell’Ente ha nominato il dottor Filippo Maria Zerbi Direttore Scientifico dell'Istituto Nazionale di Astrofisica. Il messaggio di benvenuto del presidente e del CdA dell'INAF

Nella seduta del 21 marzo 2016 il Consiglio di Amministrazione dell’Ente ha nominato il dottor Filippo Maria Zerbi (qui il suo curriculum vitae), primo ricercatore presso l'INAF-Osservatorio Astronomico di Brera, Direttore Scientifico dell'Istituto Nazionale di Astrofisica.

«Filippo Zerbi ha già fatto parte della Direzione Scientifica, affiancando il Direttore uscente Paolo Vettolani, e questo costituirà per lui un vantaggio, perché ha certamente maturato consapevolezza della complessità del suo nuovo incarico - dice Nicolò D'Amico, presidente dell'Istituto Nazionale di Astrofisica - ma costituirà allo stesso tempo una certa difficoltà, perché in qualche modo il CdA sta riaggiustando le regole del gioco, ripristinando il principio statutario di separazione tra compiti e responsabilità d’indirizzo, compiti e responsabilità di gestione e compiti e responsabilità di valutazione.  Sono  anche   maturate in CdA nuove linee guida per l’organizzazione della Direzione Scientifica in articolazioni di stampo dipartimentale. L’idea di queste articolazioni è quella di creare meccanismi di coordinamento forte delle risorse umane, strumentali ed economiche di cui disponiamo nei principali settori dell’astronomia moderna e che sono di norma distribuite fra differenti Strutture, così da presentarsi sui grandi tavoli nazionali e internazionali con più forza e autorevolezza. Su questi fronti, il Presidente e il CdA contano molto sugli  skill personali di Filippo, al quale auguriamo buon lavoro».

archiviato sotto: ,

Mondi abitabili attorno a stelle morte? Lo dirà Jwst

18/09/2020

Pianeti di seconda generazione in orbita attorno a una nana bianca – il prodotto finale della vita di una stella come il Sole – rappresentano una promettente opportunità per determinare se la vita possa sopravvivere o generarsi in seguito alla morte della loro stella. Simulazioni condotte alla Cornell University stabiliscono la fattibilità di identificare tracce biologiche nelle atmosfere di questi pianeti usando il telescopio spaziale James Webb

Origine vulcanica per le antiche rocce di Venere

18/09/2020

Un team internazionale di ricercatori ha scoperto che le famose tessere di Venere presentano una stratificazione che sembra coerente con un’origine vulcanica. La scoperta potrebbe fornire approfondimenti sulla storia geologica dell’enigmatico pianeta. Tutti i dettagli su Geology

Giove ed Europa in un ritratto mitico

18/09/2020

Il telescopio spaziale Hubble ha immortalato una scena che rievoca il mito narrato da Ovidio nelle Metamorfosi: Giove e la sua luna Europa. La visione nitida di Hubble fornisce ai ricercatori un bollettino meteorologico aggiornato sull’atmosfera turbolenta del pianeta