Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Nuovo Sistema di Misurazione e Valutazione delle Performance

Nuovo Sistema di Misurazione e Valutazione delle Performance

Approvato dal CdA il nuovo SMVP

Il Consiglio di Amministrazione, nella seduta dello scorso 27 settembre, ha approvato il nuovo Sistema di Misurazione e Valutazione delle Performance dell’INAF.

Il documento è stato adotatto a seguito delle interazioni con le organizzazioni sindacali e previo parere vincolante dell’Organismo indipendente di valutazione, in conformità a quanto disposto dall’articolo 7, comma 1, del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, numero 150.

Il nuovo SMVP è disponibile nella sezione “Amministrazione trasparente” (Sottosezione “Performance”) di questo sito web.

archiviato sotto: ,

Cinquecento anni all’ombra delle macchie solari

03/02/2023

Gli isotopi d’origine cosmica presenti negli anelli degli alberi e nelle carote di ghiaccio forniscono indizi sull’attività solare passata e su come potrebbe aver influenzato gli eventi climatici. Un team di fisici solari, guidato da Valentina Penza dell’Università di Roma “Tor Vergata”, li ha usati per stimare la variazione dell’irraggiamento solare negli ultimi cinque secoli

Pop stars: le stelle di popolazione III

03/02/2023

Gli astronomi le chiamano stelle di popolazione III. Sono astri antichissimi, ma sfuggenti. Nessuno, infatti, li ha ancora osservati direttamente. Ma esistono. Come si evolvono e quali caratteristiche hanno queste stelle primordiali? Una risposta arriva ora da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori guidati dall'Università di Padova. Abbiamo intervistato il primo autore della pubblicazione che riporta i risultati della ricerca, Guglielmo Volpato

Dall’idrogeno alle stelle, sotto gli occhi di Alma

02/02/2023

Analizzando in dettaglio le dinamiche di aggregazione del gas freddo in 13 regioni di cielo – attentamente selezionate – da un parsec (circa tre anni luce) di diametro ciascuna, un team di ricercatori guidato da Alessio Traficante dell’Inaf di Roma è riuscito a determinare quale fra i due modelli oggi più gettonati dagli astronomi – core-fed vs. clump-fed – meglio descrive il percorso evolutivo che porta alla formazione di oggetti massicci. Il risultato è stato pubblicato su Mnras