Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Il nuovo inventario astronomico dell’Archivio storico dell’Università di Bologna

Il nuovo inventario astronomico dell’Archivio storico dell’Università di Bologna

È online il nuovo inventario dell’Archivio storico del Dipartimento di Astronomia dell’Università di Bologna. L’operazione è stata possibile grazie ad una collaborazione tra il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Bologna e il Servizio Biblioteche e Archivi storici dell’Istituto Nazionale di Astrofisica

E’ online, nel sito http://archiviostoricoastronomia.unibo.it/, il nuovo inventario dell’Archivio storico del Dipartimento di Astronomia dell’Università di Bologna.

L’operazione è stata possibile grazie ad una collaborazione tra il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Bologna e il Servizio Biblioteche e Archivi storici dell’Istituto Nazionale di Astrofisica che, durante gli ultimi sei anni, ha permesso di riordinare, inventariare e largamente digitalizzare una fonte preziosa per la storia dell’astronomia.

L’archivio, conservato presso il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università, raccoglie infatti i documenti di quella che fu denominata “Specola di Bologna”: si tratta di materiale relativo alla vita scientifica e amministrativa dell’istituzione, sorta nel 1711 come Specola dell’Istituto delle Scienze, fondato dal conte Luigi Ferdinando Marsili. I documenti più antichi risalgono al 1679 e sono presenti osservazioni astronomiche a partire dal 1655; i più recenti datano all’inizio del XXI secolo.

La Specola, progettata sotto la direzione di Eustachio Manfredi (1674-1739), fu il primo istituto astronomico pubblico della città, terzo in Europa, dopo quelli di Parigi (1667) e Greenwich (1675) e contemporaneo a quello di Berlino. La Specola seguì poi le vicende istituzionali dell’Istituto delle Scienze fino all’odierna appartenenza all’Università.

Da tempo l’Archivio del Dipartimento era noto agli studiosi, prima soprattutto grazie al lavoro di riordino e inventariazione compiuto da Marina Zuccoli, ivi bibliotecaria ed archivista e, successivamente, grazie alla partecipazione al Progetto “Specola 2000” per il riordino degli archivi storici degli Osservatori astronomici italiani che aveva consentito di formulare dettagliate descrizioni dei singoli documenti e di censire analiticamente molto materiale epistolare. Solo a partire dal 2011, però, vennero ritrovate negli scaffali del Dipartimento alcune serie archivistiche che non erano mai state descritte e che, invece, arricchivano il nucleo documentario originario in modo consistente: una tra tutte, denominata “Serie Nuova Specola”, conserva addirittura materiale della fine degli anni Sessanta del Seicento.

Nel corso degli ultimi sei anni, quindi, si è proceduto a riordinare e inventariare il nuovo materiale documentario, ma anche a controllare le descrizioni precedenti, nella nuova prospettiva di arricchire l’inventario con le digitalizzazioni dei documenti.

Attualmente l’archivio è largamente digitalizzato (soprattutto le buste della “Serie Storica Specola”) e gli studiosi hanno a disposizione circa 42.000 immagini, alle quali possono accedere dall’icona con la bellissima Torre della Specola (oggi sede del Museo della Specola del Sistema Museale d’Ateneo).

Ricordiamo, infine, che l’archivio del Dipartimento di Astronomia di Bologna è il più antico complesso documentario di un’istituzione astronomica italiana non privata.

L’inventario dell’archivio si trova all’indirizzo: http://archiviostoricoastronomia.unibo.it/

archiviato sotto: ,

Ryugu, un asteroide da favola

22/01/2019

In attesa che il team della missione Hayabusa-2 decida il punto migliore in cui prelevare il campione di terreno da riportare a terra, tredici regioni dell’asteroide Ryugu hanno ora delle denominazioni ufficiali, derivate da racconti tradizionali per l’infanzia

L’ultimo respiro di una stella morente

22/01/2019

Il Very Large Telescope dell’Eso ha catturato il debole, effimero bagliore che emana dalla nebulosa planetaria Eso 577-24: un guscio di gas ionizzato incandescente destinato ad affievolirsi fino a sparire nell’arco di 10mila anni

Risolto il mistero del giorno di Saturno

21/01/2019

Usando i dati della sonda spaziale Cassini della Nasa, i ricercatori hanno determinato la durata esatta di un giorno su Saturno, pari a 10 ore, 33 minuti e 38 secondi. La risposta a questo mistero scientifico era nascosta nei suoi anelli, che risentono delle oscillazioni del campo gravitazionale provocate da vibrazioni all’interno del pianeta. Tutti i dettagli sono riportati su Astrophysical Journal.