Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Particle Acceleration and Transport: from the Sun to Extragalactic Sources

Particle Acceleration and Transport: from the Sun to Extragalactic Sources

Convegno internazionale, dal 12 al 16 novembre 2018, all’Università della Calabria, ad Arcavacata di Rende

Questo workshop intende presentare recenti ricerche sui problemi di lunga data dell'accelerazione e del trasporto di particelle in diversi ambienti astrofisici, come il Sole, l'eliosfera, le sorgenti galattiche e le fonti extragalattiche. Lo scopo è di riunire esperti nei campi della fisica dei raggi cosmici, della turbolenza del plasma, dei processi di accelerazione e del trasporto di particelle, al fine di stimolare lo scambio di informazioni scientifiche tra aree diverse.

Per informazioni, consultare il sito web dell’evento

archiviato sotto: ,

Tutta la scienza di Cheops

19/07/2019

Mentre si attende la data esatta di lancio e la selezione delle proposte per le osservazioni "libere", ecco la suddivisione del programma osservativo di base previsto per la piccola missione europea dedicata ad approfondire la conoscenza degli esopianeti più grandi della Terra e più piccoli di Nettuno

Completata la prima Ska Science Data Challenge

19/07/2019

Anche i radioastronomi e le radioastronome devono allenarsi, in particolare a scavare efficacemente nell'immensa mole di dati che lo Square Kilometre Array - il radiotelescopio più grande del mondo - produrrà. Per questo sono state prodotte immagini radio artificiali che nove squadre, tra qui una italiana, hanno setacciato con diversi software alla ricerca di radiosorgenti

Ploonets: lune “esiliate” che diventano pianeti

19/07/2019

In uno studio in pubblicazione su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society un team internazionale di ricercatori ha effettuato delle simulazioni per cercare di capire cosa succederebbe alle eventuali lune di pianeti extrasolari in migrazione verso la propria stella. Il risultato è interessante: potrebbero diventare "ploonets"