Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF PON “Ricerca e Innovazione 2014-2020” Avviso D.D. 424 del 28/02/2018

PON “Ricerca e Innovazione 2014-2020” Avviso D.D. 424 del 28/02/2018

Con il D.D. 461 del 14 marzo 2019, il MIUR ha approvato il progetto PIR01_00010 “Potenziamento del Sardinia Radio Telescope per lo studio dell’Universo alle alte frequenze radio”

Con il D.D. 461 del 14 marzo 2019, il MIUR ha approvato il progetto PIR01_00010 “Potenziamento del Sardinia Radio Telescope per lo studio dell’Universo alle alte frequenze radio”. Il Progetto è articolato su nove Obiettivi Realizzativi finalizzati all’acquisizione di prestazioni, classificate come “appalti pubblici di forniture”, che includono la fornitura di nuovi ricevitori e backends, attività di system integration e metrologia, l’acquisizione di sistemi di High Performance Computing (HPC) e la fornitura di apparecchiature per lo sviluppo di tecnologie a microonde.

Partecipano alla realizzazione del progetto quattro Unità Operative di INAF:

- Osservatorio Astronomico di Cagliari- Istituto di Radioastronomia di Bologna- Osservatorio Astrofisico di Arcetri- Osservatorio Astrofisico di Catania

Con la delibera del Consiglio di Amministrazione n° 41 del 25 giugno 2019 è stato approvato l’atto d’obbligo per l’accettazione del finanziamento dell’importo di Euro 18.683.000,00 e dalla stessa data decorre il Progetto che ha una durata di 32 mesi. Le funzioni di “Stazione Appaltante” sono assegnate all’Osservatorio Astronomico di Cagliari.

L’infrastruttura potenziata permetterà alla comunità scientifica di utilizzare SRT per lo studio dell’Universo ad alte frequenze radio, utilizzando lo strumento sia in modalità single dish che in modalità interferometrica. Una volta che tutta la strumentazione sarà installata, SRT sarà infatti in grado di operare con grande versatilità ed efficienza, offrendo una copertura di frequenza da 305 MHz a 116 GHz. Il telescopio sarà ideale per mappare velocemente emissioni radio estese caratterizzate da bassa brillanza superficiale. Sarà inoltre fondamentale per studi spettroscopici e polarimetrici di sorgenti radio sia galattiche che extragalattiche. Con l'utilizzo della tecnica interferometrica, SRT e le altre antenne italiane (Medicina e Noto) opereranno all’interno della rete italiana ed internazionale di radiotelescopi, permettendo di ottenere immagini ad alta frequenza ed altissima risoluzione angolare delle sorgenti radio.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito web del PON “Ricerca e Innovazione 2014-2020” - Proposta Progettuale PIR01_00010 “Potenziamento del Sardinia Radio Telescope per lo studio dell’Universo alle alte frequenze radio”

archiviato sotto: ,

Pinguini spaziali

07/08/2020

Immagini satellitari ad alta risoluzione della missione Copernicus Sentinel-2 dell’Esa hanno rivelato che in Antartide le colonie di pinguini imperatore sono quasi il 20 per cento in più di quanto si pensasse. Gli scienziati della British Antarctic Survey hanno contato le comunità attraverso le tracce di guano immortalate da satellite, rivelando inedite zone di nidificazione e consentendo nuove previsioni circa l’impatto del cambiamento climatico sulla salute della specie

Le potenzialità della speleologia extraterrestre

07/08/2020

Dalle immagini ad alta risoluzione delle sonde interplanetarie è evidente la presenza dei tubi lavici nel sottosuolo della Luna e di Marte. La loro morfologia superficiale è simile a quella degli analoghi terrestri, ampiamente studiati dagli speleologi. Media Inaf ha intervistato uno dei massimi esperti in materia, Francesco Sauro, direttore del programma Pangaea dell’Esa

Tubi lavici sulla Terra, sulla Luna e su Marte

07/08/2020

Un articolo pubblicato su Earth-Science Reviews offre una panoramica dei tubi lavici sulla Terra, fornendo anche una stima delle dimensioni degli analoghi lunari e marziani, che sono rispettivamente 100 e 1000 volte più larghi, arrivando a coprire distanze fino a 40 km. I tubi lavici rappresentano un obiettivo straordinario per l'esplorazione del sottosuolo e il potenziale insediamento umano