Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF PON “Ricerca e Innovazione 2014-2020” Avviso D.D. 424 del 28/02/2018

PON “Ricerca e Innovazione 2014-2020” Avviso D.D. 424 del 28/02/2018

Con il D.D. 461 del 14 marzo 2019, il MIUR ha approvato il progetto PIR01_00010 “Potenziamento del Sardinia Radio Telescope per lo studio dell’Universo alle alte frequenze radio”

Con il D.D. 461 del 14 marzo 2019, il MIUR ha approvato il progetto PIR01_00010 “Potenziamento del Sardinia Radio Telescope per lo studio dell’Universo alle alte frequenze radio”. Il Progetto è articolato su nove Obiettivi Realizzativi finalizzati all’acquisizione di prestazioni, classificate come “appalti pubblici di forniture”, che includono la fornitura di nuovi ricevitori e backends, attività di system integration e metrologia, l’acquisizione di sistemi di High Performance Computing (HPC) e la fornitura di apparecchiature per lo sviluppo di tecnologie a microonde.

Partecipano alla realizzazione del progetto quattro Unità Operative di INAF:

- Osservatorio Astronomico di Cagliari- Istituto di Radioastronomia di Bologna- Osservatorio Astrofisico di Arcetri- Osservatorio Astrofisico di Catania

Con la delibera del Consiglio di Amministrazione n° 41 del 25 giugno 2019 è stato approvato l’atto d’obbligo per l’accettazione del finanziamento dell’importo di Euro 18.683.000,00 e dalla stessa data decorre il Progetto che ha una durata di 32 mesi. Le funzioni di “Stazione Appaltante” sono assegnate all’Osservatorio Astronomico di Cagliari.

L’infrastruttura potenziata permetterà alla comunità scientifica di utilizzare SRT per lo studio dell’Universo ad alte frequenze radio, utilizzando lo strumento sia in modalità single dish che in modalità interferometrica. Una volta che tutta la strumentazione sarà installata, SRT sarà infatti in grado di operare con grande versatilità ed efficienza, offrendo una copertura di frequenza da 305 MHz a 116 GHz. Il telescopio sarà ideale per mappare velocemente emissioni radio estese caratterizzate da bassa brillanza superficiale. Sarà inoltre fondamentale per studi spettroscopici e polarimetrici di sorgenti radio sia galattiche che extragalattiche. Con l'utilizzo della tecnica interferometrica, SRT e le altre antenne italiane (Medicina e Noto) opereranno all’interno della rete italiana ed internazionale di radiotelescopi, permettendo di ottenere immagini ad alta frequenza ed altissima risoluzione angolare delle sorgenti radio.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito web del PON “Ricerca e Innovazione 2014-2020” - Proposta Progettuale PIR01_00010 “Potenziamento del Sardinia Radio Telescope per lo studio dell’Universo alle alte frequenze radio”

archiviato sotto: ,

Nuova luna per la Terra, minuscola ed effimera

27/02/2020

È grande quanto un’utilitaria, orbita attorno al nostro pianeta da circa tre anni e nell’arco di qualche settimana potrebbe abbandonarci. Si chiama 2020 CD3 e ad avvistarla per primo, a metà febbraio, è stato un astronomo polacco, Kacper Wierzchos. Che si sappia ha solo un precedente: la miniluna 2006 RH120, che ci fece compagnia dal settembre 2006 al giugno 2007

La fugace bellezza della clessidra celeste

27/02/2020

Situata a circa 6500 anni luce di distanza, Cvmp 1 è una nebulosa planetaria formatasi durante gli ultimi spasmi di una vecchia gigante rossa che, al termine della sua vita, ha soffiato via i suoi strati più esterni sotto forma di un violento vento stellare. Il caldo nucleo della stella progenitrice, irradiando i gas espulsi, li ha fatti brillare in una particolare forma a clessidra, catturata in questa immagine dall'Osservatorio Gemini

Balene accecate dalle macchie solari

27/02/2020

Uno studio su Current Biology mostra come le balene grigie abbiano maggiori probabilità di arenarsi nei giorni in cui sono presenti più macchie solari. È un aspetto ancora da approfondire, ma il “sesto senso“ basato sui campi geomagnetici adottato da questi cetacei per farsi strada nell'oceano sembrerebbe andare temporaneamente in tilt nei periodi di più intensa attività solare