Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Via libera alla prima sezione INAF nelle Marche

Via libera alla prima sezione INAF nelle Marche

La decisione è stata ratificata dal Consiglio di Amministrazione INAF del 18 ottobre 2021

Con il CdA del 18 ottobre 2021 l’INAF ha posto le basi per l’apertura della prima sezione INAF nelle Marche, terra del grande fisico Giuseppe Occhialini.  Questo processo è stato sempre accompagnato e sostenuto da INAF che, in varie occasioni, ha offerto la propria disponibilità con la partecipazione dei propri vertici  nelle versioni passate della Settimana dello Spazio di Osimo  ed ora trova il suo approdo realizzando una propria sezione nelle Marche, in particolare in un’area interna in collaborazione con l’Università  degli Studi di Camerino.

A facilitare il  processo l’accompagnamento istituzionale congiunto di Roberto Della Ceca (passato coordinatore nazionale delle Attività Spaziali INAF, attualmente Direttore dell'Osservatorio Astronomico di Brera) e di Frida Paolella, ideatrice delle edizioni annuali della "Settimana dello Spazio" di Osimo 2019-2020-2021, con il comune obiettivo di valorizzare il territorio marchigiano  attraverso una forte sinergia tra accademia, ricerca ed impresa.

archiviato sotto: ,

Va a Jacopo Nanni il Premio “Gianni Tofani”

26/05/2022

Si conclude oggi, giovedì 26 maggio, la prima edizione del Premio intitolato a Gianni Tofani, ingegnere scomparso prematuramente nel 2015, figura di primo piano dell’Osservatorio astrofisico di Arcetri e dell’Inaf. Ad aggiudicarsi i 25mila euro in palio e il soggiorno in Australia per realizzare il suo progetto di radioastronomia è stato Jacopo Nanni, ricercatore all’università di Bologna

Risolta la “crisi delle abbondanze solari”

26/05/2022

Una rivisitazione dei processi fisici che generano lo spettro osservato della nostra stella mostra come le abbondanze chimiche siano leggermente diverse da quelle indicate nelle analisi precedenti, risolvendo in tal modo anche un conflitto – sul quale gli scienziati si interrogano da tempo – con le misure della struttura interna del Sole provenienti dall’eliosismologia

Gaia e la magia della fotometria sintetica

25/05/2022

L’immagine scelta questa settimana come “Image of the Week” dal team della missione Gaia dell’Esa mostra una mappa con milioni di stelle della Via Lattea viste come le vedrebbe il telescopio spaziale Webb attraverso filtri scelti arbitrariamente dai ricercatori. È in un certo senso la prima mappa spettrale mai prodotta da Gaia: un capolavoro di calibrazione e software firmato da un team guidato da Paolo Montegriffo dell’Istituto nazionale di astrofisica