Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Primo bando del programma AstroFIt

Primo bando del programma AstroFIt

Il 1° bando del Programma AstroFIt, cofinanziato dalla Commissione Europea attraverso il 7° Programma Quadro, Azioni Marie Curie, COFUND, intende finanziare 7 progetti di ricerca della durata di 24 mesi, da svolgersi in una delle strutture INAF sul territorio nazionale. La scadenza per la presentazione delle domande è fissata alle ore 12 italiane dell'1 febbraio 2012.

Il 1° bando del Programma AstroFIt, cofinanziato dalla Commissione Europea attraverso il 7° Programma Quadro, Azioni Marie Curie, COFUND, intende finanziare 7 progetti di ricerca della durata di 24 mesi, da svolgersi in una delle strutture INAF sul territorio nazionale. Possono presentare proposte esclusivamente ricercatori che hanno svolto ricerca all'estero ed in possesso del dottorato o con almeno 4 anni di esperienza di ricerca documentabile.

Come indicato di seguito, verranno finanziati:

 

3 progetti di Incoming Mobility

Possono partecipare ricercatori di qualsiasi nazionalità, che non hanno svolto attività di ricerca in Italia per più di 12 mesi, nei 3 anni precedenti la scadenza del bando;

 

4 progetti di Reintegration Mobility

Possono partecipare ricercatori italiani che hanno svolto attività di ricerca in un Paese Terzo per almeno 36 mesi, nei 4 anni precedenti alla scadenza del bando.

 

Macroaree tematiche: galassie e cosmologia, stelle, popolazioni stellari e mezzo interstellare, sole e sistema solare, astrofisica relativistica e particellare, tecnologie avanzate e strumentazione.

 

Data di pubblicazione del bando: 1 dicembre 2011

Scadenza per la presentazione delle domande: 1 febbraio 2012 (12:00 ora italiana).

 

Per maggiori informazioni rivolgersi a astrofit@inaf.it o visitare il sito web www.astrofit.inaf.it.

archiviato sotto:

Coppia di buchi neri a un anno luce dalla fusione

20/09/2017

Si tratta della coppia di buchi neri supermassicci più stretta finora osservata. La ridotta distanza orbitale e la grande massa dei due oggetti (in totale, quaranta milioni di volte la massa del Sole) preannuncia una coalescenza imminente e - magari - una nuova rilevazione di onde gravitazionali.

Raggi cosmici: Cas A non schiaccia l’acceleratore

20/09/2017

Gli scienziati hanno sostenuto per decenni che i raggi cosmici sono accelerati, fino alle energie più alte osservate, in quel che rimane dopo l’esplosione di una supernova. Tuttavia i telescopi Magic hanno osservato che quello che finora era considerato uno dei migliori candidati, il residuo della supernova Cassiopeia A, non dispone in realtà dell’energia richiesta

Le miniere spaziali del futuro

20/09/2017

Presentato ieri all'European Planetary Science Congress un white paper che illustra le sfide da superare dalla nascente industria mineraria spaziale. Uno scambio tra comunità scientifica e imprese per rendere questa nuova corsa all'oro una realtà.