Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Primo bando del programma AstroFIt

Primo bando del programma AstroFIt

Il 1° bando del Programma AstroFIt, cofinanziato dalla Commissione Europea attraverso il 7° Programma Quadro, Azioni Marie Curie, COFUND, intende finanziare 7 progetti di ricerca della durata di 24 mesi, da svolgersi in una delle strutture INAF sul territorio nazionale. La scadenza per la presentazione delle domande è fissata alle ore 12 italiane dell'1 febbraio 2012.

Il 1° bando del Programma AstroFIt, cofinanziato dalla Commissione Europea attraverso il 7° Programma Quadro, Azioni Marie Curie, COFUND, intende finanziare 7 progetti di ricerca della durata di 24 mesi, da svolgersi in una delle strutture INAF sul territorio nazionale. Possono presentare proposte esclusivamente ricercatori che hanno svolto ricerca all'estero ed in possesso del dottorato o con almeno 4 anni di esperienza di ricerca documentabile.

Come indicato di seguito, verranno finanziati:

 

3 progetti di Incoming Mobility

Possono partecipare ricercatori di qualsiasi nazionalità, che non hanno svolto attività di ricerca in Italia per più di 12 mesi, nei 3 anni precedenti la scadenza del bando;

 

4 progetti di Reintegration Mobility

Possono partecipare ricercatori italiani che hanno svolto attività di ricerca in un Paese Terzo per almeno 36 mesi, nei 4 anni precedenti alla scadenza del bando.

 

Macroaree tematiche: galassie e cosmologia, stelle, popolazioni stellari e mezzo interstellare, sole e sistema solare, astrofisica relativistica e particellare, tecnologie avanzate e strumentazione.

 

Data di pubblicazione del bando: 1 dicembre 2011

Scadenza per la presentazione delle domande: 1 febbraio 2012 (12:00 ora italiana).

 

Per maggiori informazioni rivolgersi a astrofit@inaf.it o visitare il sito web www.astrofit.inaf.it.

archiviato sotto:

Cinquecento anni all’ombra delle macchie solari

03/02/2023

Gli isotopi d’origine cosmica presenti negli anelli degli alberi e nelle carote di ghiaccio forniscono indizi sull’attività solare passata e su come potrebbe aver influenzato gli eventi climatici. Un team di fisici solari, guidato da Valentina Penza dell’Università di Roma “Tor Vergata”, li ha usati per stimare la variazione dell’irraggiamento solare negli ultimi cinque secoli

Pop stars: le stelle di popolazione III

03/02/2023

Gli astronomi le chiamano stelle di popolazione III. Sono astri antichissimi, ma sfuggenti. Nessuno, infatti, li ha ancora osservati direttamente. Ma esistono. Come si evolvono e quali caratteristiche hanno queste stelle primordiali? Una risposta arriva ora da uno studio condotto da un gruppo di ricercatori guidati dall'Università di Padova. Abbiamo intervistato il primo autore della pubblicazione che riporta i risultati della ricerca, Guglielmo Volpato

Dall’idrogeno alle stelle, sotto gli occhi di Alma

02/02/2023

Analizzando in dettaglio le dinamiche di aggregazione del gas freddo in 13 regioni di cielo – attentamente selezionate – da un parsec (circa tre anni luce) di diametro ciascuna, un team di ricercatori guidato da Alessio Traficante dell’Inaf di Roma è riuscito a determinare quale fra i due modelli oggi più gettonati dagli astronomi – core-fed vs. clump-fed – meglio descrive il percorso evolutivo che porta alla formazione di oggetti massicci. Il risultato è stato pubblicato su Mnras