Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Primo Collaboration Meeting di IXPE

Primo Collaboration Meeting di IXPE

L'INAF-IAPS di Roma ospiterà il 10 ottobre prossimo il primo collaboration meeting italiano della missione IXPE, una missione della NASA con forte partecipazione italiana che vede coinvolti ASI, INAF e INFN

Il 10 ottobre prossimo si svolgerà presso l'INAF-IAPS di  Roma il primo collaboration meeting italiano della missione IXPE in occasione del quale verranno presentate alla comunità scientifica la missione e l’organizzazione dei working group scientifici che coinvolgeranno oltre 70 ricercatori e ingegneri. La missione IXPE (Imaging X-ray Polarimetry Explorer) e’ una missione della NASA con forte partecipazione italiana che vede coinvolti  ASI,  INAF e  INFN. Il team italiano avra’ un ruolo fondamentale nella definizione degli obiettivi scientifici e svilupperà e calibrerà lo strumento sensibile alla polarizzazione. 
Questo strumento conterrà  il Gas Pixel Detector che permetterà, attraverso un efficiente utilizzo dell’effetto fotoelettrico, un notevole salto di sensibilità rispetto alle tecniche utilizzate sino ad ora. 
Il contributo italiano vedrà anche l’utilizzo della stazione di terra di Malindi dell’ ASI e un contributo allo sviluppo del software di processamento dati attraverso gli istituti e lo Space Science Data Center dell’ ASI.

 

Programma

 

Martedì 10 Ottobre 2017 - Aula Convegni, INAF-IAPS Roma

 

11:30 - 11:35 - Welcome e logistica (Fabio Muleri, INAF-IAPS)

11:35 - 11:40 - Welcome del direttore dello IAPS (Fabrizio Capaccioni, INAF-IAPS)

11:40 - 11:45 - Welcome del responsabile dell'unità Esplorazione e Osservzione dell'Universo ASI (Barbara Negri, ASI)

11:45 - 12:15 - La missione IXPE: strumentazione e struttura del team (Paolo Soffitta, INAF-IAPS)

12:15 - 12:55 - Obiettivi scientifici e organizzazione dei WG scientifici (Giorgio Matt, Univ. Roma Tre)

12:55 - 14:00 - Pranzo

14:00 - 14:30 - Presentazione del Science Analysis and Simulation Working group: scopo e strumenti (Luca Baldini, INFN)

14:30 - 16:30 - Simulazioni di sorgenti astrofisiche: tutorial su ixpeobssim (Luca Baldini, INFN)

 

 

archiviato sotto: ,

Due foto (g)astronomiche per Halloween

31/10/2020

Immaginare e ritrovare qualche forma e oggetto particolare nel nostro ricchissimo universo è quasi sempre possibile, se si riesce a usare la fantasia. Questi oggetti celesti – il Sole e due galassie che si apprestano a fondersi in una – danno una grossa mano all’immaginazione mostrandosi in un'incarnazione che sembra appena uscita da un racconto di Halloween

Luna “blu” nella notte di Halloween

31/10/2020

Questa sera, quando il crepuscolo scenderà prima della notte di Halloween, per la seconda volta in questo mese sorgerà la Luna piena. E anche se apparirà di un bianco brillante, molti la chiameranno Luna blu. Storicamente non è un termine astronomico ma in realtà, alla fine degli anni ’30, si è iniziato ad usarlo per indicare una Luna ben precisa

La terra trema e l’atmosfera risponde

30/10/2020

Come un tamburo, quando il nostro pianeta trema a causa di un terremoto emette onde gravito-acustiche che si propagano e generano perturbazioni atmosferiche misurabili. Tali segnali sono stati rivelati dal satellite italo-cinese Cses-01, che passava sopra l’epicentro del terremoto del 5 agosto 2018 a Bayan, Indonesia, sei ore prima e al momento della scossa. Un nuovo modello analitico tutto italiano e unico nel suo genere è stato sviluppato allo scopo di associare le misure satellitari all’attività sismica e migliorare la comprensione dei fenomeni precursori dei terremoti. Lo studio è stato appena pubblicato sulla rivista Remote Sensing Mdpi. Media Inaf ha intervistato il primo autore, Mirko Piersanti dell’Infn