Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Primo Collaboration Meeting di IXPE

Primo Collaboration Meeting di IXPE

L'INAF-IAPS di Roma ospiterà il 10 ottobre prossimo il primo collaboration meeting italiano della missione IXPE, una missione della NASA con forte partecipazione italiana che vede coinvolti ASI, INAF e INFN

Il 10 ottobre prossimo si svolgerà presso l'INAF-IAPS di  Roma il primo collaboration meeting italiano della missione IXPE in occasione del quale verranno presentate alla comunità scientifica la missione e l’organizzazione dei working group scientifici che coinvolgeranno oltre 70 ricercatori e ingegneri. La missione IXPE (Imaging X-ray Polarimetry Explorer) e’ una missione della NASA con forte partecipazione italiana che vede coinvolti  ASI,  INAF e  INFN. Il team italiano avra’ un ruolo fondamentale nella definizione degli obiettivi scientifici e svilupperà e calibrerà lo strumento sensibile alla polarizzazione. 
Questo strumento conterrà  il Gas Pixel Detector che permetterà, attraverso un efficiente utilizzo dell’effetto fotoelettrico, un notevole salto di sensibilità rispetto alle tecniche utilizzate sino ad ora. 
Il contributo italiano vedrà anche l’utilizzo della stazione di terra di Malindi dell’ ASI e un contributo allo sviluppo del software di processamento dati attraverso gli istituti e lo Space Science Data Center dell’ ASI.

 

Programma

 

Martedì 10 Ottobre 2017 - Aula Convegni, INAF-IAPS Roma

 

11:30 - 11:35 - Welcome e logistica (Fabio Muleri, INAF-IAPS)

11:35 - 11:40 - Welcome del direttore dello IAPS (Fabrizio Capaccioni, INAF-IAPS)

11:40 - 11:45 - Welcome del responsabile dell'unità Esplorazione e Osservzione dell'Universo ASI (Barbara Negri, ASI)

11:45 - 12:15 - La missione IXPE: strumentazione e struttura del team (Paolo Soffitta, INAF-IAPS)

12:15 - 12:55 - Obiettivi scientifici e organizzazione dei WG scientifici (Giorgio Matt, Univ. Roma Tre)

12:55 - 14:00 - Pranzo

14:00 - 14:30 - Presentazione del Science Analysis and Simulation Working group: scopo e strumenti (Luca Baldini, INFN)

14:30 - 16:30 - Simulazioni di sorgenti astrofisiche: tutorial su ixpeobssim (Luca Baldini, INFN)

 

 

archiviato sotto: ,

La Terra ruota più velocemente?

22/01/2021

Le registrazioni circa la durata dei giorni del 2020, pubblicate dall’International Earth Rotation and Reference Systems Service, hanno evidenziato 28 giorni con una durata minima da record nel corso dell’anno. Se si tratti di un’inversione di tendenza definitiva o della conseguenza di un fenomeno preciso, solo il tempo e i dati del 2021 potranno rivelarlo. Nel frattempo, ne parliamo con Monia Negusini, esperta di geodesia dell’Inaf di Bologna

Il primo gioviano caldo senza nubi all’orizzonte

22/01/2021

Wasp-62b è un gioviano caldo a 575 anni luce da noi, sul quale un anno dura meno di cinque giorni terrestri. La sua particolarità, suggeriscono i dati raccolti con il telescopio spaziale Hubble, è che ha un’atmosfera priva di nubi – il che rende più facile studiarne la composizione chimica

Getti blu, uno spettacolo stratosferico

22/01/2021

I “blue jets” sono spettacolari e rari fenomeni elettrici che avvengono nell’alta atmosfera. L’osservatorio Asim sulla Stazione spaziale internazionale ha documentato la formazione di uno di questi bagliori sfuggenti in una nube stratosferica vicino all’isola di Naru, nell’Oceano Pacifico. I risultati delle osservazioni sono pubblicati su Nature