Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Primo Congresso Nazionale della Scienza e Tecnologia di SKA

Primo Congresso Nazionale della Scienza e Tecnologia di SKA

19 - 20 giugno 2012 Ministero Istruzione, Università e Ricerca, Piazzale Kennedy 20, Roma

Il progetto SKA (Square Kilometer Array) costituisce il più ambizioso progetto radioastronomico attualmente in fase di studio. Esso sarà costituito da un network di antenne distribuite su alcune migliaia di km, avrà un 1 km quadrato di area di raccolta complessiva e un grande campo di vista. SKA sarà dotato di tecnologie innovative per ricevitori, trasporto ed elaborazione del segnale e calcolo. SKA lavorerà su un grande intervallo di frequenze con un miglioramento di 50 volte in sensibilità e di oltre 100 volte in velocità di osservazione del cielo, rispetto agli strumenti attuali. Considerate le prestazioni che il progetto si prefigge di ottenere, SKA richiede un coinvolgimento su scala mondiale ed avrà importanti ricadute in ambito tecnologico/industriale.

L'Italia ha dimostrato il suo interesse nel progetto partecipando, nel Novembre scorso, alla fondazione della Organizzazione SKA, costituita per gestire la fase di progettazione, coordinando i partner internazionali. Della nuova società fanno parte attualmente sette paesi, tra cui l'Italia. L'Italia ha quindi intenzione di svolgere un ruolo da protagonista nel progetto.

Questo workshop rappresenta un momento di discussione delle tematiche scientifiche e tecnologiche di interesse per INAF nell'ambito del progetto SKA e possibili collaborazioni con realtà industriali. Dopo la giornata di approfondimento, che si è svolta il 19 dicembre scorso presso la Sede Centrale dell'INAF, si fornisce ora una nuova occasione di incontro per i ricercatori/tecnologi italiani che già lavorano attivamente o hanno interesse a lavorare nell'ambito delle attività finalizzate al progetto SKA.

Lo scopo principale è quello di informare e coinvolgere la comunità nel progetto SKA, tracciare un quadro esauriente delle attività esistenti in questo ambito, e individuare idee concrete per il futuro. L'incontro vuole essere anche un'occasione di dibattito e di confronto per la comunità, alla luce delle diverse expertise ed interessi scientifici e tecnologici esistenti, sul ruolo che l'Italia vuole svolgere nel progetto.

Il programma prevede relazioni ad invito, e contributi dei partecipanti. Verrà dato rilievo a ciascuna delle grandi tematiche individuate per il progetto SKA:

- Probing the Dark Ages

- The origin and evolution of Cosmic Magnetism

- Galaxy evolution, cosmology and dark energy

- Strong field tests of gravity using pulsars and black holes

- Cradle of Life

- Technology

I partecipanti sono invitati a presentare idee/progetti/attività di interesse nell'ambito di SKA, anche in sinergia con altri strumenti, ponendo l'accento sugli aspetti più consoni agli scopi del workshop e maggiormente recepibili da un pubblico eterogeneo, per background scientifico e tecnico. Saranno benvenuti anche suggerimenti sui temi di discussione.

Informazioni sul Workshop saranno mantenute aggiornate al sito http://www.ira.inaf.it/meetings/SKAItaly2012/

La deadline per la registrazione al congresso e la sottomissione di un contributo sono state prorogate al 15 maggio 2012.

Il Comitato Organizzatore

Luigina Feretti (INAF - IRA) - chair, Carlo Albanese (Telespazio), Salvatore Capozziello (Università FedericoII di Napoli), Andrea Ferrara (Università Normale di Pisa), Giorgio Franceschetti (Università FedericoII di Napoli), Bruno Marano (Universita' di Bologna), Francesca Matteucci (Università di Trieste), Corrado Perna (INAF - Sede Centrale), Ettore Perozzi (Telespazio), Isabella Prandoni (INAF - IRA), Andrea Possenti (INAF - OACagliari).

archiviato sotto:

Così si oscurò Betelgeuse

13/08/2020

Cosa fece impallidire per mesi, dal novembre 2019 all’aprile 2020, una fra le stelle più brillanti del cielo? Una possibile risposta arriva ora da una lunga campagna osservativa condotta in banda ultravioletta con il telescopio spaziale Hubble: la responsabile fu una nube di polvere prodotta a seguito di un’imponente emissione di plasma dalla stella stessa

E alla fine esplosero le nane nere

13/08/2020

Il fisico Matt Caplan dell'Università dell'Illinois propone sulle pagine di Monthly Notices of the Royal Astronomical Society una nuova teoria, alternativa allo spegnimento lento e sommesso, su quello che sarà – tra innumerevoli miliardi di anni – l’ultimo atto del cosmo. «Uno spettacolo che non potrà comunque avere spettatori», commenta Massimo Della Valle dell’Inaf di Napoli

Molto giovane, incredibilmente ordinata

12/08/2020

Trovare una galassia così “composta“ a 12 miliardi di anni luce da noi è stata una grande sorpresa. Visto da Alma grazie a una lente gravitazionale, il suo è il disco galattico più ordinato mai osservato nell’universo primordiale. A firmare l’articolo, uscito oggi su Nature, un team guidato da una dottoranda del Max Planck originaria del Salento, Francesca Rizzo