Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Primo Workshop ASTERICS – OBELICS

Primo Workshop ASTERICS – OBELICS

Science Data Cloud & Computing models in Astronomy and Astroparticle Physics. 12-14 Dicembre 2016, Casa I CAPPUCCINI, Roma

H2020-Astronomy ESFRI e il Research Infrastructure Cluster (ASTERICS) stanno organizzando il primo Workshop del progetto europeo ASTERICS – OBELICS, incentrato su Cloud di Dati Scientifici  e i modelli di simulazione in Astronomia e Fisica delle Astroparticelle, dal 12 al 14 Dicembre 2016 a Roma.

Il workshop è organizzato dall’ente di ricerca francese LAPP afferente al CNRS (Laboratoire d’Annecy-le-Vieux de Physique de Particules), che rappresenta il capofila del progetto OBELICS, e ospitato localmente da INAF-OAR (Istituto Nazionale di Astrofisica, Osservatorio Astronomico di Roma, partner del progetto.

ASTERICS è un’Infrastruttura fondata nell’ambito del progetto della Commissione Europea Horizon 2020, che riunisce per la prima volta 22 Istituti delle comunità di Astronomia, Astrofisica e Fisica Astroparticellare, proprio per promuovere la sinergia. ASTERICS aiuterà a risolvere la sfida dei Big Data per l’Astronomia Europea, e provvederà a fornire al pubblico un accesso diretto interattivo ad alcune delle migliori immagini e dati dell’Astronomia Europea.

Questo workshop è stato organizzato nell’ambito del work package OBELICS (Observatory E-environments LINked by common Challenge) del progetto ASTERICS. Le attività OBELICS mirano ad incoraggiare sviluppi comuni e l’adozione di soluzioni comuni per processare, analizzare e accedere ai dati nei progetto ESFRI e di altri progetti internazionali nell’ambito dell’Astronomia e della Fisica Astroparticellare, quali CTA, SKA, KM3NeT, EUCLID, EGO-VIRGO, E-ELT and LSST,. Questo workshop di tre giorni tratterà di argomenti prioritari dei progetti ESFRI, quali Autorizzazione e Autenticatzone, Archiviazione, Trasferimento e Conservazione dei Dati, Grandi Base-Dati, gestione ed interoperabilità del flusso di lavoro.

Il Workshop vedrà riuniti scienziati e tecnici  degli istituti che fanno parte del progetto ASTERICS, nonchè di altri progetti H2020, quali IndigoDataCloud, HNSciClound, AARC2, industrie quali ATOS, NVIDIA, ORACLE Europe, e consortzi quali EU-T0, APPEC ed EGI. Il workshop ospiterà anche relatori provenienti dal CERN, dal LIGO Laboratory, Caltech, USA,  ESO and e dall’organizzazione RDA. Il workshop catalizzerà la collaborazione con progetti partner H2020, consorzi partner e industrie, così da poter lavorare insieme in futuro nell’ambito di aree di comune interesse, secondo uno degli obiettivi principali del progetto ASTERICS.

Per maggiori informazioni sul workshop, ecco il link al sito web dedicato: OBELICS Workshop. Website: www.asterics2020.eu/obelics

archiviato sotto: ,

L’intrigante atmosfera di Titano

18/02/2020

Grazie ad Alma, un gruppo di planetologi dell'Università di Tokyo ha trovato un'impronta chimica nell'atmosfera della luna più grande di Saturno che indica come i raggi cosmici provenienti dall'esterno del Sistema solare influenzino le reazioni chimiche coinvolte nella formazione di molecole organiche contenenti azoto. Si tratta della prima conferma osservativa di tali processi e ha implicazioni per la comprensione dell'ambiente di Titano. Tutti i dettagli su ApJ

Aurore extrasolari in onde radio

17/02/2020

Emissioni in banda radio da interazioni fra una stella e un suo pianeta: un tipo di “trasmissioni” che gli astronomi attendevano di ascoltare da almeno trent’anni. Ora, grazie alle antenne a bassa frequenza dell’array LoFar, ci sono riusciti. Il segnale arriva dalla nana rossa Gj 1151 e dal pianeta che le orbita attorno. Il risultato è pubblicato oggi su Nature Astronomy e apre le porte a una nuova tecnica per scoprire pianeti extrasolari

Eravamo Io, Venere e Tritone

14/02/2020

Alla fine ne resterà una sola, o al massimo due: sono le quattro nuove piccole missioni messe al vaglio dalla Nasa nell’ambito del programma Discovery. Due contemplerebbero le grazie bollenti di Venere, una studierebbe come la luna Io venga sommossa dalla passione gravitazionale di Giove, mentre l’ultima cercherebbe di cogliere un anelito di vita nell’algida Tritone, satellite di Nettuno