Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Progetto “PON SRT”, valutazione comparativa per il ruolo di project manager

Progetto “PON SRT”, valutazione comparativa per il ruolo di project manager

Avviso per l'individuazione di candidati per la copertura della posizione di “Project manager” del progetto “PON SRT”, posizione di dirigente tecnologo da reclutare ai sensi dell’articolo 11, comma 1, lettera c), del Regolamento del personale dell'INAF. Data di scadenza per la presentazione delle candidature: 25 giugno 2019

È indetta una procedura di valutazione comparativa per il reclutamento di una unità di personale, con rapporto di lavoro subordinato a tempo pieno e determinato, da inquadrare nel profilo di Dirigente Tecnologo di Primo Livello, per svolgere il ruolo di “Project Manager” per le attività connesse all’approvvigionamento, installazione e collaudo relative al progetto denominato “PON SRT” secondo le seguenti principali attività:

  • O.R.1 - Ricevitore criogenico multi-beam in Banda W per SRT (75 – 116 GHz). Fornitura di un ricevitore eterodina criogenico operante nella banda di frequenza 75-116 GHz, composto da almeno 9 feed.
  • O.R.2: Ricevitore criogenico multi-beam in Banda Q per SRT (33 – 50 GHz). Sviluppo di un ricevitore a microonde criogenico operante nella banda di frequenza 33-50 GHz, composto da 19 feed a doppia polarizzazione circolare.
  • O.R.3: Camera millimetrica per SRT (80 – 116 GHz). Fornitura di una camera millimetrica operante nella banda di frequenza 80-116 GHz , composta da un array di circa 300 rivelatori indipendenti.
  • O.R.4: Sistema ricevente a microonde compatto e simultaneo a tre-bande per i tre radio telescopi Italiani. Fornitura di tre ricevitori a microonde criogenici e compatti (per SRT, Medicina e Noto), composti da tre distinte catene riceventi funzionanti alle bande di frequenza 18-26 GHz, 35-50 GHz e 86-116 GHz, simultanee.
  • O.R.5: Sistema metrologico per SRT. Fornitura di un sistema metrologico per l’ottimizzazione del puntamento e del guadagno d’antenna di SRT a tutte le elevazioni fino a 116 GHz.
  • O.R.6: Backends per SRT. Acquisizione di un sistema di backends con un’architettura digitale riconfigurabile in grado di processare il segnale per osservazioni spettropolarimetriche su una larga banda di frequenza ed in modalità multi-beam.
  • O.R.7: Fornitura delle interfacce elettroniche e meccaniche per l'integrazione dei nuovi sistemi. Fornitura delle interfacce elettroni e meccaniche per l’integrazione dei nuovi ricevitori, backends e sistema di metrologia che andranno a potenziare SRT. Tale fornitura dovrà essere integrata in un sistema che permetterà al radiotelescopio nel suo insieme di operare alle alte frequenze, ottimizzando la frequency agility.
  • O.R.8: HPC e sistemi di archiviazione per la raccolta ed uso dati SRT. Forniture, installazione e avvio delle risorse High Performance Computing, in particolare lo storage e il calcolo massivo, necessarie per l’archiviazione e l’analisi dei dati ottenuti con SRT.
  • O.R.9: Potenziamento dei laboratori per lo sviluppo di tecnologie a microonde. Fornitura di strumentazione e apparecchiature per lo sviluppo di tecnologie a microonde che dovranno integrare le capacità dei laboratori e delle officine a servizio di SRT.

Il contratto di lavoro a tempo determinato, a copertura della posizione, sarà secondo la qualifica di Dirigente Tecnologo degli Enti di Ricerca, stipulato ai sensi dell’art. 11 comma 1 Lettera c) del Regolamento del Personale dell’INAF, avrà la durata di due anni e potrà eventualmente essere prorogato, alla scadenza, per un ulteriore anno, in considerazione delle esigenze del programma di attività tecnico-scientifiche oggetto del medesimo contratto e tenuto conto di eventuali rinnovi, estensioni e rifinanziamento delle attività oggetto del contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, nonché in presenza della necessaria disponibilità finanziaria.

La sede presso la quale il candidato risultato idoneo dovrà prestare servizio è, a scelta del candidato, L’osservatorio Astronomico di Cagliari (Cagliari) o INAF Sede Centrale (Roma). Nel secondo caso l’assegnazione della posizione in oggetto comporterà la presenza non continuativa presso le strutture di Cagliari (Osservatorio e sito di SRT) secondo modalità che potranno essere concordate in seguito.

Cliccare qui per scaricare il bando »

archiviato sotto: ,

Così brilla il cuore della Via Lattea

27/05/2020

Utilizzando le antenne di Alma, un team di astronomi ha rilevato brillamenti radio quasi periodici provenienti dal centro della nostra galassia. Secondo i ricercatori, a emetterli sarebbero bolle di materia in orbita nella regione più vicina all'orizzonte degli eventi di Sagittarius A*, il buco nero al centro della nostra galassia

Quel vedo non vedo della costellazione Starlink

26/05/2020

L'obiettivo delle ultime modifiche che SpaceX intende apportare ai futuri satelliti Starlink è di renderli invisibili a occhio nudo e ridurre al minimo il loro impatto sulla ricerca astronomica, garantendo che qualunque effetto essi possano avere non ostacoli la capacità degli scienziati di fare nuove scoperte. Ma cosa ne pensa la Commissione Inaf di esperti per la valutazione dell’impatto delle costellazioni di nano-satelliti circa le nuove misure proposte dall'azienda di Elon Musk? Sono soddifacenti? «Al momento onestamente no», dice a Media Inaf Adriano Fontana

Starlink all’ombra delle visiere parasole

26/05/2020

La costellazione di satelliti Starlink si propone di fornire connettività a banda larga in tutto il mondo, ma la sfida di SpaceX si sta dimostrando piuttosto invasiva per chi vorrebbe continuare a osservare un cielo libero da treni di puntini che lo attraversano. Molte sono le critiche sollevate, soprattutto nel campo della ricerca astrofisica, e l’azienda di Elon Musk sta lavorando con gli astronomi di tutto il mondo per comprendere meglio le specifiche delle osservazioni astronomiche e i cambiamenti tecnici che occorre apportare ai satelliti per ridurne la luminosità. In questo lungo approfondimento vediamo insieme le modifiche proposte che dovrebbero essere implementate già dal prossimo giugno