Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Pubblicato il nuovo archivio dati IBIS-A

Pubblicato il nuovo archivio dati IBIS-A

E' disponibile per la consultazione online l’archivio IBIS-A contenente dati grezzi, calibrati e science ready dell’atmosfera del Sole prodotti dallo spettropolarimetro IBIS.
Pubblicato il nuovo archivio dati IBIS-A

La dettagliata immagine di una macchia solare ottenuta con lo strumento IBIS al Dunn Solar Telescope del NSO. Crediti: M. Stangalini et al. (obs), F. Giorgi (img. process.)

Il nuovo IBIS data Archive (IBIS-A) è il primo archivio online pubblico con dati science ready della fotosfera e cromosfera del Sole ottenuti da uno strumento a terra e catalogati seguendo standard volti alla fruibilità Virtual Observatory (VO). L’archivio contiene i dati acquisiti con l'Interferometric BIdimensional Spectropolarimeter (IBIS) dell’INAF, che è stato operativo presso il Dunn Solar Telescope del US National Solar Observatory (NSO) dal giugno 2003 al giugno 2019. Lo strumento ha fornito osservazioni spettro-polarimetriche ad alta risoluzione spaziale, spettrale e temporale della fotosfera e della cromosfera solare nell'intervallo 580-860 nm e immagini simultanee a banda spettrale larga con lo stesso campo di vista dei dati polarimetrici. L'atmosfera solare è un ambiente complesso e fortemente dinamico prodotto dalla continua interazione tra plasmi non magnetizzati e magnetizzati che la compongono. La stessa interazione, che guida l'attività del Sole e impone forze elettromagnetiche nell'intera eliosfera, gioca un ruolo fondamentale anche in altri ambienti astrofisici molto diversi, ad esempio nei getti relativistici dei Nuclei Galattici Attivi (AGN), Gamma-Ray-Burst (GRB) e nelle galassie. In tutti questi sistemi i plasmi non magnetizzati e magnetizzati interagiscono su piccole scale spaziali e temporali, osservabili nell’atmosfera solare con i telescopi di grande apertura e nuova generazione.

Il volume di dati attualmente disponibili in IBIS-A è di 30 TB, frutto di 28 campagne di osservazione eseguite da IBIS nel 2008 e dal 2012 al 2019 su un totale di 159 giorni. Il 29% delle osservazioni sono disponibili come dati di livello 1 calibrati per la risposta strumentale e compensati per la degradazione residua del seeing, mentre il 10% di questi dati è disponibile anche in formato di livello 1.5 come array multidimensionali di mappe della polarizzazione circolare, lineare e circolare netta, e della velocità del plasma lungo la linea di vista nella regione solare osservata. L'81% delle serie calibrate ottenute delle osservazioni fotosferiche presenta dati di Livello 2 con la visualizzazione dei campi magnetici e di velocità dei target, ricavati dall'inversione dei dati con il codice Very Fast Inversion of the Stokes Vector (VFISV). IBIS-A contiene inoltre metadati e filmati di ogni serie calibrata e science-ready per aiutare gli utenti a valutare le condizioni di osservazione e collegamenti a osservazioni complementari ai dati IBIS. Queste ultime comprendono le osservazioni co-temporali ad alta risoluzione dell'atmosfera solare disponibili dagli strumenti a bordo dei satelliti Hinode e IRIS, e le immagini full-disc multibanda prodotte dai telescopi solari INAF degli Osservatori di Roma e Catania.

IBIS-A è stato realizzato presso l'INAF-Osservatorio Astronomico di Roma, con il contributo di ricercatori INAF, delle sedi di Roma, Catania, Trieste, ASI e NSO.

Per la qualità e quantità di dati contenuti IBIS-A rappresenta una risorsa unica per studiare i processi di plasma nell'atmosfera solare e l'origine solare degli eventi Space Weather. L'archivio contiene attualmente 454 diverse serie di osservazioni che potranno permettere molti nuovi studi e l’ulteriore sfruttamento e ritorno scientifico dallo strumento IBIS.

 

Per maggiori informazioni:

 

archiviato sotto: ,

Le prime immagini dal flyby di BepiColombo

24/06/2022

La missione BepiColombo ha effettuato il suo secondo assist gravitazionale di Mercurio il 23 giugno alle ore 11:44, arrivando fino a circa 200 chilometri al di sopra della superficie del pianeta. Durante il sorvolo sono state raccolte immagini in bianco e nero con una risoluzione di 1024 x 1024 pixel, che sono state scaricate ieri pomeriggio e pubblicate oggi sul sito dell’Agenzia Spaziale Europea

Passion for Science: affrontare le sfide globali

24/06/2022

Il 2022 è l’anno internazionale della ricerca di base per lo sviluppo sostenibile, nel quale varie discipline contribuiscono ai 17 obiettivi dell’agenda 2030 dell’Onu. In questo contesto, la Società Italiana di Fisica il 21 e 22 giugno ha organizzato a Varenna il simposio Passion for Science: Facing Global Challenges, dove rappresentanti delle più importanti organizzazioni internazionali si sono incontrati con gli enti di ricerca italiani e non per discutere le attività in corso nel campo della sostenibilità declinata nei suoi molteplici aspetti

La deflessione relativistica della luce vicino a Giove

24/06/2022

Un nuovo studio a guida Inaf presenta una misura del segnale di deflessione relativistica più forte attorno a un pianeta del Sistema solare mai ottenuta a qualsiasi lunghezza d'onda, effettuata tramite un'analisi delle osservazioni del satellite Gaia di una stella in prossimità di Giove, a soli 7 secondi d'arco. Tutti i dettagli su A&A