Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Pubblico impiego e valutazione della performance: le novità in GU

Pubblico impiego e valutazione della performance: le novità in GU

I due provvedimenti, che entreranno in vigore il 22 giugno prossimo, contengono disposizioni di attuazione della riforma della P.A. avviata con la Legge Madia

Sono stati pubblicati ieri in Gazzetta Ufficiale (Serie Generale n. 130 del 7 giugno 2017) il Decreto legislativo 25 maggio 2017, n. 74 ed il Decreto legislativo 25 maggio 2017, n. 75, che completano il percorso di riforma della Pubblica Amministrazione avviato con la Legge n. 124/2015.

Per maggiori informazioni, consultate la sezione "URP informa" del nostro sito web istituzionale, dove sono disponibili anche i link ai due provvedimenti.

archiviato sotto: ,

Spicole solari senza segreti

22/06/2017

Un'accurata simulazione al calcolatore è riuscita a ricostruire in modo realistico la formazione e l'evoluzione dei getti intermittenti di plasma che si propagano sul Sole dalla cromosfera fino alla base della corona. Marco Stangalini ricercatore Inaf: «un passo importante nella comprensione della natura di questi getti, ma anche un bellissimo esempio di come il Sole ci offra la possibilità di studiare processi di fisica fondamentale in condizioni difficilmente riproducibili in laboratorio»

Così esplose Cassiopea A

22/06/2017

Le particelle fantasma sono ovunque nell'Universo e sarebbero da annoverare tra le cause delle esplosioni delle supernove. A questa teoria stanno lavorando dei ricercatori del Max Plank e del Riken, studiando nello specifico i resti giovani e non troppo lontani di Cas A. Con il commento di Enrico Cappellaro (Inaf)

Come ti studio Marte con l’intelligenza artificiale

22/06/2017

L’intelligenza artificiale, usata grazie al software installato sul rover Nasa Curiosity, si è dimostrata tanto utile che lo stesso software sarà impiegato anche nel corso della prossima missione Mars 2020. AEGIS ha infatti aiutato il rover a colpire decine di obiettivi laser nei momenti di buio dei contatti da Terra incrementando enormemente il numero e la qualità dei dati raccolti dalla CheCam in dotazione al rover