Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Roberto Orosei a Stoccolma per la Nobel Week

Roberto Orosei a Stoccolma per la Nobel Week

Il ricercatore dell’Istituto nazionale di astrofisica, divenuto celebre l’estate scorsa per la scoperta dell’acqua liquida nel sottosuolo di Marte, è stato invitato ad assistere alla cerimonia di consegna dei Premi Nobel 2018

Ci sarà anche Roberto Orosei, il prossimo 10 dicembre a Stoccolma, ad assistere alla cerimonia di consegna dei Premi Nobel 2018. E il giorno prima Orosei, ricercatore all’Istituto di Radioastronomia dell’INAF di Bologna, sarà uno dei 30 panelists invitati a prendere parte alla prestigiosa tavola rotonda che precede la cerimonia. Tema di quest’anno è l’acqua: acqua intesa come risorsa limitata e con le sue implicazioni sociali e politiche, ma anche appunto con uno sguardo rivolto al di fuori della Terra. Ed è proprio di questo che parlerà Orosei, primo autore – ricordiamo – della scoperta, pubblicata lo scorso luglio su Science, di un lago sotterraneo di acqua liquida su Marte.

archiviato sotto: ,

Un buongiorno con l’asteroide

24/09/2020

All’alba di oggi, giovedì 24 settembre, l’asteroide 2020 SW è passato a circa 22mila km dalla superficie terrestre. Nessun rischio per la Terra, ma un’occasione unica per studiare da vicino un piccolo near-Earth

L’universo polveroso di Aspecs

24/09/2020

L’Hubble Ultra Deep Field è stato scansionato in 3D dal radiointerferometro Alma ottenendo la mappa completa dell’idrogeno molecolare, combustibile alla base dei processi di formazione stellare. Tra gli autori dello studio pubblicato oggi su The Astrophysical Journal anche Roberto Decarli dell’Inaf di Bologna

Fosfina su Venere? BepiColombo darà un’occhiata

23/09/2020

Durante il flyby a Venere del prossimo 15 ottobre, BepiColombo arriverà a una distanza di poco più di 10mila chilometri dal pianeta. Lo spettrometro Mertis opera in un intervallo di lunghezze d’onda entro cui ricadono alcune righe della fosfina. La sua sensibilità è al limite della possibilità di misura, ma è una coincidenza troppo importante per non tentare. Ne parliamo con Valeria Mangano, dell’Inaf Iaps di Roma