Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF L’INAF celebra i 150 dalla fondazione della Società degli Spettroscopisti Italiani

L’INAF celebra i 150 dalla fondazione della Società degli Spettroscopisti Italiani

Il 5 ottobre 1871 veniva fondata la Società degli Spettroscopisti Italiani. Le astronome e gli astronomi di oggi danno voce ai capisaldi di quel Regolamento che diede avvio ad una nuova pagina della Scienza e la cui eredità è stata raccolta dall’odierna SAIt

Nel 1871, Pietro Tacchini (astronomo aggiunto all’Osservatorio Astronomico di Palermo), Padre Angelo Secchi (Direttore dell’Osservatorio del Collegio Romano) e Giuseppe Lorenzoni (astronomo aggiunto a Padova) avviarono un’intensa collaborazione nel campo della spettroscopia solare, con osservazioni contemporanee del bordo solare per lo studio delle protuberanze. Fu subito evidente che l’attività intrapresa esigeva uno sforzo organizzato e coordinato, regolato da un programma ben definito che ottimizzasse i risultati del lavoro collettivo.

La proposta di costituirsi in Società, su iniziativa di Secchi, fu accolta con entusiasmo da Tacchini, il quale prontamente coinvolse gli Osservatori del Campidoglio, di Padova e di Napoli. Nacque così, il 5 ottobre 1871, la Società degli Spettroscopisti Italiani. Nonostante le difficoltà iniziali, la Società, dotata di un manifesto programmatico denso di contenuti, divenne la prima associazione scientifica dedicata all’Astrofisica e le sue Memorie, pubblicate a partire dal 1872, sono oggi considerate la prima rivista specializzata in astrofisica.

Per celebrare questo importante evento della Storia dell’Astronomia, le astronome e gli astronomi di oggi danno voce ai capisaldi di quel Regolamento che 150 anni fa diede avvio ad una nuova pagina della Scienza e la cui eredità è stata raccolta nel 1920 dall’odierna Società Astronomica Italiana (SAIt).

Per saperne di più:

Visita la pagina dedicata all'evento sul portale Polvere di Stelle

Video -  La Società degli Spettroscopisti Italiani: i 150 anni dalla fondazione

archiviato sotto: ,

Europa, persiste vapore nell’emisfero del mistero

18/10/2021

Un ambiente come Europa, a 780 milioni di chilometri dal Sole, potrebbe ospitare la vita? Nel tentativo di rispondere a questa domanda e di comprendere appieno la struttura atmosferica delle lune ghiacciate, si fanno avanti nuovi risultati pubblicati sulla rivista Geophysical Research Letters che confermano la presenza di vapore acqueo sulla luna di Giove e ne suggeriscono la persistenza ma, misteriosamente, soltanto in uno dei suoi emisferi

Buchi neri come vulcani, fanno pure “anelli di fumo“

18/10/2021

Bolle, anelli e filamenti di “fumo intergalattico”: osservate per la prima volta con grande dettaglio, queste spettacolari strutture di gas caldo tracciano l’attività ciclica dei buchi neri supermassivi indietro nel tempo fino a 200 milioni di anni fa e rivelano il loro grande impatto sull'evoluzione del mezzo intergalattico

Galassia grande mangia galassia piccola

18/10/2021

L’inesorabile legge di natura vale anche per le galassie satellite, che crescono “mangiando” galassie più piccole. Lo dimostra uno studio su Nature Astronomy, realizzato da ricercatori dell’Università di Bologna e dell’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf), che ha individuato per la prima volta, all’interno della Grande Nube di Magellano, un ammasso stellare che ha avuto origine in una galassia diversa