Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Selezione dei Direttori dell'IAPS e dell'Osservatorio d'Abruzzo

Selezione dei Direttori dell'IAPS e dell'Osservatorio d'Abruzzo

Le candidature entro il 25 novembre

Si informa che, con Decreto del Presidente del 26 ottobre 2021, numero 38, è stata indetta la procedura di selezione per il conferimento degli incarichi di direzione dell'Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali, con sede in Roma, e dell'Osservatorio Astronomico d'Abruzzo, con sede a Teramo, dell'Istituto Nazionale di Astrofisica.

Le candidature dovranno essere inoltrate secondo le modalità previste nell'avviso di disponibilità e dovranno pervenire entro il 25 novembre 2021.

Maggiori informazioni disponibili qui:

Decreto del Presidente del 26 ottobre 2021, numero 38

Avviso di selezione

archiviato sotto: ,

Buchi neri di ieri, oggi e domani

21/05/2022

Dalle prime simulazioni al sogno di un'immagine fino alla realtà, ripercorriamo alcune tappe della storia recente che ha portato alla realizzazione della prima immagine di Sagittarius A*, il buco nero supermassiccio al centro della Via Lattea. Con una panoramica dei risultati attesi nel prossimo futuro e delle nuove campagne osservative dell'Event Horizon Telescope

Oggetti planetari attorno a una futura supernova

20/05/2022

Un gruppo di ricercatori guidati dall'Inaf ha scoperto una coppia di oggetti simili a Giove attorno alla stella massiccia Mu2 Scorpii, facilmente visibile a occhio nudo, condannata a esplodere in supernova tra circa una decina di milioni di anni. I risultati delle osservazioni vengono illustrati in un articolo su Astronomy & Astrophysics

Massicce riserve di ghiaccio nel sottosuolo lunare

20/05/2022

Sotto la superficie della Luna, probabilmente vicino ai poli, ci sarebbe un’enorme riserva di ghiaccio originato dalla condensazione del vapore acqueo emesso dalle eruzioni vulcaniche che caratterizzavano il nostro satellite alcuni miliardi di anni fa. Gli autori stimano che circa 18 milioni di miliardi di chili di acqua vulcanica potrebbero essersi condensati durante quel periodo. Tutti i dettagli su PsJ