Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Si è insediato oggi il nuovo Direttore Generale INAF

Si è insediato oggi il nuovo Direttore Generale INAF

E' Gaetano Telesio, subentra a Umberto Sacerdote

Ha preso servizio oggi, presso la Sede Centrale dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, a Roma, il nuovo Direttore Generale, Dr. Gaetano Telesio,  che subentra al Dr. Umberto Sacerdote, giunto a conclusione del suo mandato.

Il Dr. Telesio, già Direttore Generale dell’Università del Sannio, era stato nominato il 2 agosto scorso dal Consiglio di Amministrazione dell’INAF, a conclusione delle procedure di selezione per l’incarico di Direttore Generale dell’INAF.

«Nel rinnovare il mio saluto e la riconoscenza dell'Istituto al Direttore Generale uscente - dice Nichi D'Amico, presidente dell'INAF - auguro buon lavoro al Dr. Telesio».

archiviato sotto: ,

Ltt 9779b, il pianeta “ultra” terreno

21/09/2020

Grazie ai dati ottenuti dal satellite Tess, dai 23 telescopi della rete del Las Cumbres Observatory, dal telescopio Ngts e dallo strumento Harps, e con il contributo dell'osservatorio di Campo Catino, un team di astronomi guidato dall'Università del Cile ha scoperto Ltt 9779b: il primo di una classe di pianeti mai osservati prima d'ora, i nettuniani ultra caldi. I dettagli della scoperta su Nature Astronomy

Il violento passato di Ryugu e Bennu

21/09/2020

I ricercatori che lavorano alle missioni Hayabusa2 (Jaxa) e Osiris-Rex (Nasa) hanno trovato inaspettatamente rocce chiare sui rispettivi asteroidi Ryugu e Bennu: la scoperta fornisce nuovi solidi indizi sulla composizione e sull'origine dei corpi che li hanno impattati nella loro storia. Lo speciale su Nature Astronomy

Tracce di Vesta su Bennu

21/09/2020

Per la prima volta è stata osservata la contaminazione di un piccolo asteroide carbonaceo come Bennu da parte di materiale proveniente da un altro asteroide. La scoperta è stata fatta grazie agli strumenti a bordo della sonda spaziale della Nasa Osiris-Rex. Tra gli autori dello studio appena pubblicato su Nature Astronomy anche Giovanni Poggiali dell’Inaf