Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Si è insediato oggi il nuovo Direttore Generale INAF

Si è insediato oggi il nuovo Direttore Generale INAF

E' Gaetano Telesio, subentra a Umberto Sacerdote

Ha preso servizio oggi, presso la Sede Centrale dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, a Roma, il nuovo Direttore Generale, Dr. Gaetano Telesio,  che subentra al Dr. Umberto Sacerdote, giunto a conclusione del suo mandato.

Il Dr. Telesio, già Direttore Generale dell’Università del Sannio, era stato nominato il 2 agosto scorso dal Consiglio di Amministrazione dell’INAF, a conclusione delle procedure di selezione per l’incarico di Direttore Generale dell’INAF.

«Nel rinnovare il mio saluto e la riconoscenza dell'Istituto al Direttore Generale uscente - dice Nichi D'Amico, presidente dell'INAF - auguro buon lavoro al Dr. Telesio».

archiviato sotto: ,

Altra misura della costante di Hubble

18/09/2019

Un gruppo internazionale guidato dall’Istituto Max Planck per l'astrofisica di Garching ha utilizzato due potenti sistemi di lenti gravitazionali per riuscire a stimare, grazie a 740 supernove, un valore della costante di Hubble pari a 82 +/- 8 chilometri al secondo per megaparsec, superiore a quella dedotta dal fondo cosmico a microonde. Tutti i dettagli su Science

Archi coronali da capo a piedi

18/09/2019

Un team di ricercatori guidato da Fabio Reale dell’Università e dell’Inaf di Palermo ha identificato alcune piccole regioni della cromosfera che brillano nella banda ultravioletta con i piedi di archi coronali, riscaldati a temperature fino a quasi 10 milioni di gradi e luminosi per qualche decina di minuti. Lo studio è pubblicato su ApJ

Le turbolente nubi del Serpente Cosmico

17/09/2019

Per la prima volta, un team internazionale guidato dall'Università di Ginevra è stato in grado di rilevare nubi molecolari in un progenitore della Via Lattea a circa 8 miliardi di anni luce, grazie a una risoluzione spaziale senza precedenti di 90 anni luce. Queste osservazioni mostrano che le nubi hanno una massa, una densità e una turbolenza interna superiori rispetto alle nubi ospitate nelle galassie vicine ed inoltre producono molte più stelle.