Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Si è insediato oggi il nuovo Direttore Generale INAF

Si è insediato oggi il nuovo Direttore Generale INAF

E' Gaetano Telesio, subentra a Umberto Sacerdote

Ha preso servizio oggi, presso la Sede Centrale dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, a Roma, il nuovo Direttore Generale, Dr. Gaetano Telesio,  che subentra al Dr. Umberto Sacerdote, giunto a conclusione del suo mandato.

Il Dr. Telesio, già Direttore Generale dell’Università del Sannio, era stato nominato il 2 agosto scorso dal Consiglio di Amministrazione dell’INAF, a conclusione delle procedure di selezione per l’incarico di Direttore Generale dell’INAF.

«Nel rinnovare il mio saluto e la riconoscenza dell'Istituto al Direttore Generale uscente - dice Nichi D'Amico, presidente dell'INAF - auguro buon lavoro al Dr. Telesio».

archiviato sotto: ,

Nevicano stelle

13/12/2018

Come ogni anno, nel periodo che va dal 3 al 19 dicembre si ripete il fenomeno delle Geminidi, lo sciame meteorico causato dal passaggio dell’asteroide 3200 Phaethon. Il picco del fenomeno sarà questa notte: una vera e propria pioggia di stelle – anzi nevicata, viste le temperature. Anche Google ha voluto ricordare questo suggestivo fenomeno dedicandogli il doodle di oggi

Dna spaziale, trovato un pezzo mancante

13/12/2018

Un gruppo internazionale di astronomi guidato da Víctor M. Rivilla dell’Inaf di Arcetri (Firenze) ha scoperto l’abbondante presenza, nello spazio interstellare, dell’isomero Z della cianometanimina – considerata un precursore dell’adenina

BepiColombo: occhi aperti, aspettando Mercurio

12/12/2018

Acceso con successo lo strumento Simbio-Sys, gli "occhi" della sonda BepiColombo che scandaglieranno con una accuratezza senza precedenti la superficie di Mercurio. Gabriele Cremonese, dell'Inaf e Pi di Simbio-Sys: «È stata una grande soddisfazione vedere tutti e tre i componenti accendersi e rispondere ai nostri comandi, con una certa suspence dovuta ai due minuti luce necessari per avere una risposta ogni volta che interrogavamo lo strumento»