Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Si è insediato oggi il nuovo Direttore Generale INAF

Si è insediato oggi il nuovo Direttore Generale INAF

E' Gaetano Telesio, subentra a Umberto Sacerdote

Ha preso servizio oggi, presso la Sede Centrale dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, a Roma, il nuovo Direttore Generale, Dr. Gaetano Telesio,  che subentra al Dr. Umberto Sacerdote, giunto a conclusione del suo mandato.

Il Dr. Telesio, già Direttore Generale dell’Università del Sannio, era stato nominato il 2 agosto scorso dal Consiglio di Amministrazione dell’INAF, a conclusione delle procedure di selezione per l’incarico di Direttore Generale dell’INAF.

«Nel rinnovare il mio saluto e la riconoscenza dell'Istituto al Direttore Generale uscente - dice Nichi D'Amico, presidente dell'INAF - auguro buon lavoro al Dr. Telesio».

archiviato sotto: ,

Il Vlt s’è rifatto le lenti

18/07/2018

Prima luce per la nuova modalità di ottica adattiva, chiamata “tomografia laser”, del Very Large Telescope dell'Eso. Il nuovo sistema ha consentito di ottenere da terra immagini di prova straordinariamente nitide – più di quelle che riesce ad acquisire Hubble dallo spazio – del pianeta Nettuno, di alcuni ammassi di stelle e di altri oggetti.

Proxima Centauri sulla bilancia di Einstein

18/07/2018

Misurata per la prima volta la massa di Proxima Centauri, la stella più vicina al Sole, con il metodo del microlensing gravitazionale, ottenendo così una misura precisa che ci permette di scoprire di più su questa stella e il pianeta che la accompagna. Media Inaf ha intervistato la prima autrice dello studio, l’astrofisica Alice Zurlo

L’eredità di Planck

17/07/2018

Spettacolari conferme e un nuovo enigma. I risultati definitivi della missione Esa ratificano, con una precisione senza precedenti, la validità del modello standard della cosmologia. Con un’importante eccezione: l’esatto valore della costante di Hubble. È attorno a quel numero che osservazioni e modelli dovranno ora cimentarsi, ed è lì che potrebbe annidarsi la necessità di una nuova fisica