Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF SIGRAV 2016 XXII Conference

SIGRAV 2016 XXII Conference

SIGRAV 2016 XXII Conference - A Century of General Relativity, first circular and call for papers

Il SIGRAV (Società Italiana di Relatività Generale e Fisica della Gravitazione), L'Osservatorio Astronomico di Roma - INAF, L'INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Sezione di Cagliari), L'Agenzia Spaziale Italiana (ASI), L'Università di Napoli,
L'Università di Cagliari, L'Università di Palermo, il Comune di Cefalù, L'Associazione Cefalù & Astronomy e Fondazione Mandralisca stanno organizzando il convegno "SIGRAV 2016 XXII Conference - A Century of General Relativity" che si terrà a Cefalù (Palermo) dal 12 al 18 settembre prossimi.

Maggiori informazioni sono disponibili alla pagina web del convegno.

archiviato sotto: ,

Due super-Mercurio e tre super-Terre per una stella

03/10/2022

I cinque mondi orbitano attorno ad Hd 23472, una piccola stella a 127 anni luce da noi. Individuati tre anni fa da Tess, sono ora stati caratterizzati – stimandone massa, densità e composizione – con lo spettrografo Espresso da un team, guidato dall’università di Porto (Portogallo), del quale fanno parte anche alcuni ricercatori dell’Inaf

Ecco la prima foto di Europa scattata da Juno

03/10/2022

È arrivata sulla Terra la prima immagine scattata dalla sonda Juno della Nasa mentre sorvolava la luna di Giove Europa ad appena 352 km dalla sua superficie ghiacciata. I dati scientifici raccolti serviranno a studiare la coltre di ghiaccio che avvolge il satellite, l’oceano sottostante e la presenza di condizioni potenzialmente adatte a ospitare forme di vita

L’impatto di Dart visto da Webb e Hubble

02/10/2022

In questa fotonotizia vi mostriamo gli effetti macroscopici della collisione della sonda Dart con la superficie del piccolo asteroide Dimorphos ripresa dai telescopi spaziali. Pochi minuti dopo l'impatto, Hubble e Jwst hanno ripreso un'enorme nube di polvere in espansione nello spazio. Questa nube non era però uniforme come ci si poteva aspettare, ma al contrario era caratterizzata dalla presenza di diversi "raggi" la cui origine deve essere chiarita