Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF SKA: a Trieste il workshop su TANGO LMC

SKA: a Trieste il workshop su TANGO LMC

Il meeting si svolgerà dal 16 al 18 febbraio presso l’INAF-Osservatorio Astronomico di Trieste, che fa parte di uno dei consorzi internazionali al lavoro sulla “pre-costruzione” di SKA

Dopo le precedenti edizioni, a Trieste si riuniscono anche quest'anno gli scienziati che lavorano alla costruzione di SKA (Square Kilometre Array), quello che sarà il network di radiotelescopi più potente del mondo. Il Workshop è organizzato dal 16 al 18 febbraio dall’INAF-Osservatorio Astronomico di Trieste, che fa parte di uno dei consorzi internazionali al lavoro sulla “pre-costruzione” dello strumento.

Lo scopo di questo primo workshop, a cui seguiranno durante l’anno meeting simili presso altri paesi che partecipano a SKA, è quello di migliorare la compatibilità e l’efficienza tra la i sistemi di monitoraggio e controllo e coordinare la loro architettura. Lo scopo finale è quello di sviluppare una comunità internazionale nell’utilizzo del sistema di controllo comune e stimolare la collaborazione della comunità di sviluppatori.

L'Osservatorio aveva già ospitato nel 2015 un importante meeting (Local Monitor and Control (LMC) Standardization Workshop) il cui scopo era quello di trovare una piattaforma tecnologica comune per i Local Monitor e Control ( LMC) di tutti gli elementi di SKA, e aveva coinvolto 8 degli 11 consorzi di cui SKA è composto. Dal meeting è derivata la scelta di TANGO (TAco Next Generatoion Object – TACO: Telescope and Accelator Controlled vith Objects) come probabile sistema di controllo centrale di tutto il telescopio.

A partire da quella scelta, la SKA Organization ha deciso di gestire la fase di armonizzazione dell’infrastruttura partendo proprio da Trieste con il meeting di quest'anno dal titolo “TANGO LMC Harmonization Through Telescope“ (16-18 febbraio) utilizzando l’esperienza tecnica e gestionale di realtà scientifiche triestine, grazie alla collaborazione esistente tra l'Osservatorio ed Elettra - Sincrotrone Trieste per l'utilizzo del framework TANGO

Per saperne di più:

Per informazioni:

Riccardo Smareglia, INAF-OATs, smareglia@oats.inaf.it , 040 3199 184

archiviato sotto: ,

Il Vlt s’è rifatto le lenti

18/07/2018

Prima luce per la nuova modalità di ottica adattiva, chiamata “tomografia laser”, del Very Large Telescope dell'Eso. Il nuovo sistema ha consentito di ottenere da terra immagini di prova straordinariamente nitide – più di quelle che riesce ad acquisire Hubble dallo spazio – del pianeta Nettuno, di alcuni ammassi di stelle e di altri oggetti.

Proxima Centauri sulla bilancia di Einstein

18/07/2018

Misurata per la prima volta la massa di Proxima Centauri, la stella più vicina al Sole, con il metodo del microlensing gravitazionale, ottenendo così una misura precisa che ci permette di scoprire di più su questa stella e il pianeta che la accompagna. Media Inaf ha intervistato la prima autrice dello studio, l’astrofisica Alice Zurlo

L’eredità di Planck

17/07/2018

Spettacolari conferme e un nuovo enigma. I risultati definitivi della missione Esa ratificano, con una precisione senza precedenti, la validità del modello standard della cosmologia. Con un’importante eccezione: l’esatto valore della costante di Hubble. È attorno a quel numero che osservazioni e modelli dovranno ora cimentarsi, ed è lì che potrebbe annidarsi la necessità di una nuova fisica