Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF Spica e i seminari dello IAPS - Roma

Spica e i seminari dello IAPS - Roma

Doppio appunamento per l'INAF - IAPS di Roma. Il 25 gennaio il primo di una serie di seminari organizzati dall'istituto romano. E sempre dello IAPS Roma il convegno dedicato al progetto SPICA che si svolgerà nella sede centrale INAF di Monte Mario i prossimi 7 e 8 febbraio

Seminario Prof. Jessica Sunshine Astronomy dep. Maryland Univ. “Comets as Viewed by the Deep Impact Spacecraft: Tempel 1, Hartley 2, Garrard, and Beyond” 25 Gennaio 2013, ore 11,00 Aula IB09 Area di Ricerca Tor Vergata Via Fosso del Cavaliere 100- Roma Abstract Since the spectacular impact experiment at comet Tempel 1, the Deep Impact (DI) spacecraft has observed several comets and continues to do so. Once thought to be relatively simple bodies, DI has revealed surprising diversity and unexpected behavior among comets.

Per info sul convegno SPICA clicca qui

archiviato sotto: , ,

Trovata la massa mancante. Di nuovo

19/02/2019

Un nuovo studio per una scoperta non così nuova: l’individuazione della materia barionica “mancante”. Trovata ora da un team guidato da Orsolya Kovacs del CfA di Harvard, ma in realtà già individuata da Fabrizio Nicastro dell’Inaf di Roma e colleghi l’anno scorso

Galassie mai viste nella nuova mappa di Lofar

19/02/2019

Una serie di 25 articoli pubblicati su Astronomy & Astrophysics, molti dei quali firmati anche da ricercatrici e ricercatori dell’Inaf e dell’Università di Bologna, getta nuova luce su molte aree di ricerca, fra le quali la fisica dei buchi neri e lo studio dell’evoluzione degli ammassi di galassie

Quelle rughe sul collo della cometa di Rosetta

18/02/2019

Faglie profonde solcano la superficie della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. Faglie originate da deformazioni meccaniche. Un articolo pubblicato oggi su Nature Geoscience, firmato tra gli altri da ricercatori dell’Istituto nazionale di astrofisica e dell’Università di Padova, le analizza a un livello di dettaglio mai raggiunto prima