Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF The AGB-Supernovae Mass Transition

The AGB-Supernovae Mass Transition

L'INAF-Osservatorio Astronomico di Roma ospiterà dal 27 al 31 marzo prossimi una conferenza internazionale sulle ultime scoperte riguardanti le fasi finali delle stelle, in particolare quelle in fase di ramo asintotico di gigante

E’ tutto pronto per la conferenza internazionale dal titolo ''The AGB-Supernovae Mass Transition'' che sarà ospitata nei locali dell’Osservatorio Astronomico di Roma, a Monte Porzio Catone, per tutta la prossima settimana. Il convegno riunirà alcuni tra i massimi esperti mondiali nel campo dell'evoluzione stellare.

Nella amena cornice dei Castelli Romani, scienziati di varie nazioni si confronteranno sulle ultime scoperte riguardanti le fasi finali delle stelle, in particolare le stelle in fase di ramo asintotico di gigante (brevemente AGB, dalla terminologia inglese) e le supernovae, che rivestono un ruolo di estrema importanza in numerosi ambiti astrofisici. Durante il convegno verranno assegnati due premi (sponsorizzati dall'Osservatorio Vaticano) ad altrettanti ricercatori selezionati sulla base del loro merito scientifico e sull’importanza delle loro pubblicazioni rispetto all’argomento stesso del meeting.

Ulteriori informazioni sono reperibili sul sito ufficiale del congresso (in inglese)

archiviato sotto: ,

Il Vlt s’è rifatto le lenti

18/07/2018

Prima luce per la nuova modalità di ottica adattiva, chiamata “tomografia laser”, del Very Large Telescope dell'Eso. Il nuovo sistema ha consentito di ottenere da terra immagini di prova straordinariamente nitide – più di quelle che riesce ad acquisire Hubble dallo spazio – del pianeta Nettuno, di alcuni ammassi di stelle e di altri oggetti.

Proxima Centauri sulla bilancia di Einstein

18/07/2018

Misurata per la prima volta la massa di Proxima Centauri, la stella più vicina al Sole, con il metodo del microlensing gravitazionale, ottenendo così una misura precisa che ci permette di scoprire di più su questa stella e il pianeta che la accompagna. Media Inaf ha intervistato la prima autrice dello studio, l’astrofisica Alice Zurlo

L’eredità di Planck

17/07/2018

Spettacolari conferme e un nuovo enigma. I risultati definitivi della missione Esa ratificano, con una precisione senza precedenti, la validità del modello standard della cosmologia. Con un’importante eccezione: l’esatto valore della costante di Hubble. È attorno a quel numero che osservazioni e modelli dovranno ora cimentarsi, ed è lì che potrebbe annidarsi la necessità di una nuova fisica