Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF The first Italian LOFAR School 2019

The first Italian LOFAR School 2019

Si apre oggi, 11 giugno 2019, a Bologna, presso la sede dell'Istituto di Radioastronomia dell'INAF, la prima edizione della Italian LOFAR School

Parte oggi, 11 giugno 2019, a Bologna, presso la sede dell'Istituto di Radioastronomia dell'INAF, la prima edizione della Italian LOFAR School. La scuola è pensata per la comunita' astrofisica italiana (afferenti a istituti e universita' italiani, o italiani afferenti a istituti stranieri), in modo da presentare il radiotelescopio LOFAR e i suoi aspetti scientifici e tecnologici.

Alla scuola sono iscritti 32 partecipanti provenienti da tutta Italia
(7 da strutture INAF, 3 dalle Università) e da 3 da istituti esteri.

I relatori che si alterneranno nel corso dei 4 giorni in cui è articolata la scuola sono 12 (5 da stutture INAF e Universita' italiane e 7
da istituti stranieri).

La prima sessione della scuola (il pomeriggio di martedì 11 giugno)  è pensata avere un carattere piu' generale e meno tecnico e vuole fornire una overview del telescopio LOFAR, del consorzio LOFAR-IT e di alcuni rilevanti risultati scientifici. Per questo
motivo questa sessione è aperta a tutta la comunità astronomica bolognese e non solo agli iscritti alla scuola.

Maggiori informazioni e dettagli del programma sulla pagina web della scuola

archiviato sotto: ,

Cerco un centro di gravità

03/07/2020

Il baricentro del Sistema solare è un oggetto matematico-astronomico sorprendentemente sfuggevole. Ma avere una stima che oscilla di 100 metri rispetto alla sua vera posizione permette ai ricercatori di vedere anomalie nei tempi di arrivo degli impulsi provenienti da stelle di neutroni e pulsar

Anatomia di un’antica galassia reionizzante

03/07/2020

Rilevata la firma della reionizzazione nei dati spettroscopici della galassia A370p_z1, ottenuti dal telescopio spaziale Hubble della Nasa e dal Vlt dell’Eso. La scoperta offre una prova a sostegno dell’ipotesi secondo la quale questo processo si è concluso nel primo miliardo di anni di vita dell'universo. Lo studio è stato presentato ieri durante l'annuale meeting della European Astronomical Society

Fuochi d’artificio stellari per Alma

03/07/2020

Una nuova spettacolare immagine dell’ammasso G286.21+0.17, nella regione della Carena, rivela la straordinaria complessità della formazione ed evoluzione degli ammassi stellari, già analizzata in due articoli, pubblicati tra maggio e giugno, su The Astrophysical Journal. L’animazione è stata realizzata mettendo insieme le osservazioni in multibanda ottenute da Alma e Hubble