Strumenti personali
Fatti riconoscere

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

INAF

Istituto italiano di astrofisica - national institute for astrophisics

Ciao
Tu sei qui: Home Notizie INAF THESEUS Workshop 2017, Napoli, 5-6 ottobre 2017

THESEUS Workshop 2017, Napoli, 5-6 ottobre 2017

L'obiettivo di questo Workshop è quello di raccogliere le diverse comunità astrofisiche coinvolte e interessate agli obiettivi scientifici e alla relativa tecnologia della missione THESEUS, al fine di fare il punto sullo stato del progetto e di discutere ed approfondire il ritorno scientifico previsto per i diversi campi cosmologia e astrofisica su cui questa missione avrà un impatto importante.

Il Transient High-Energy Sky and Early Universe Surveyor (THESEUS) è ​​un concetto di missione in fase di sviluppo da parte di una grande collaborazione internazionale a guida INAF (“lead proposer” Lorenzo Amati di IASF Bologna) e attualmente in fase di valutazione da parte dell'ESA nell'ambito del processo di selezione per la prossima missione M5. Il progetto THESEUS è finalizzato allo sfruttamento dei Gamma-Ray Burst per indagare l’Universo primordiale (es., stelle di popolazione III, evoluzione del tasso di formazione stellare e della metallicità delle galassie su tutta la storia cosmica, fisica e cause della reionizzazione, campionamento delle galassie più lontane e meno luminose, …) e fornire un sostanziale avanzamento dell’astrofisica multi-messenger e time-domain. Questi obiettivi verranno realizzati attraverso una combinazione unica di strumenti che permettono di rilevare GRB transienti X su un ampio campo di vista (più di 1sr) con localizzazione da 0.5 a 1 arcmin, una banda di energia che estende da diversi MeV fino a 0,3 keV e una sensibilità senza precedenti nei raggi X molli, uniti a capacità di follow-up rapido (pochi minuti) con un telescopio IR di classe 0.7m con capacità sia di imaging che spettroscopiche.

THESEUS è quindi una missione adatta perfettamente non solo per affrontare le principali problematiche aperte della cosmologia come ad esempio il tasso di formazione delle stelle e l'evoluzione della metallicità dell'ISM e dell'IGM fino a redshift 10-15, la rivelazione di stelle di popolazione III, le fonti e la fisica della reionizzazione, lo studio della coda debole della funzione di luminosità delle galassie, ma anche per eseguire un monitoraggio senza precedenti del cielo variabile a raggi X, rilevando, individuando e identificando le controparti elettromagnetiche delle sorgenti di radiazioni gravitazionali, che saranno rilevate in modo routinario alla fine degli anni '20 e nei primi anni '30 da facilities osservative di nuova generazione come aLIGO / aVirgo, eLISA, KAGRA, Telescopio Einstein e fornendo un servizio perfetto e un’eccellente sinergia anche per gli osservatori multiwavelength di nuova generazione (es. E-ELT, SKA, CTA, ATHENA).

Vai al sito web del workshop »

archiviato sotto:

Lampi gamma dal collasso di campi magnetici

08/04/2020

Un nuovo studio internazionale condotto dall’Università di Bath, che vede coinvolti tre ricercatori associati Inaf, sembra fare luce sul misterioso fenomeno dei lampi gamma. Un livello sorprendentemente basso di polarizzazione della radiazione indica che il campo magnetico della stella potrebbe essere collassato, rilasciando l'energia che ha alimentato la prodigiosa esplosione. Tutti i dettagli su ApJ

Inattesi canali magnetici in una remota galassia

08/04/2020

Insolite strutture che emettono onde radio e un probabile collegamento dei campi magnetici tra i due lobi della remota radiogalassia Eso 137-006: sono questi i sorprendenti risultati dello studio condotto da un team internazionale di astronomi guidati da Mpati Ramatsoku, della Rhodes University e associata Inaf, e che vede coinvolti molti ricercatori dell'Istituto nazionale di astrofisica, pubblicato su Astronomy and Astrophysics

Con un poco di zolfo, la foschia va su

08/04/2020

Lo zolfo è un ingrediente essenziale per la vita sulla Terra, dunque potrebbe essere anche un elemento utile alla ricerca di vita su altri pianeti. Uno studio pubblicato su Nature Astronomy illustra i risultati di simulazioni condotte in laboratorio per valutare l’impatto della presenza di zolfo in esoatmosfere ricche di anidride carbonica